Magazine Cultura

Ciavarella ha deciso di continuare a colpire, accettando la possibilità dell’evento morte – a cura di Iannozzi Giuseppe

Creato il 12 ottobre 2011 da Iannozzigiuseppe @iannozzi

Ciavarella ha deciso di continuare a colpire
accettando la possibilità dell’evento morte

a cura di Iannozzi Giuseppe

“Il volto del Massari che lo guardava come se avesse voluto dire ‘Ma cosa stai facendo? Non esagerare’, non ha trattenuto Ciavarella dall’infliggergli un ultimo violento colpo dopo averlo ridotto in uno stato di debolezza fisica”. Così il gup di Milano Donadeo descrive gli ultimi istanti di vita del tassista Luca Massari. “La scelta operata dal Ciavarella è stata proprio quella del ‘costi quel che costi’. Ciavarella ha deciso di continuare a colpire, accettando la possibilità dell’evento morte, senza che la condotta inerme della vittima, nonché il suo stato di debolezza, al quale era stato ridotto dai suoi stessi pugni già inferti, costituisse una ‘contro-spinta’ psicologica”.

Stefania Citterio, Pietro Luigi Citterio, Michael Morris Ciavarella

Stefania Citterio, Pietro Luigi Citterio, Michael Morris Ciavarella

Sempre il gup Donadeo: “Egli voleva effettivamente vendicare lo stato di disperazione della moglie. Massari doveva pagare non per avere ammazzato un cane ma perché aveva inflitto un dispiacere alla moglie che era lì che piangeva disperata e pretendeva l’intervento del marito. E’ a questo punto che Ciavarella ha ritenuto di fare giustizia da sé come sapeva e sempre aveva visto fare. Ma nonostante il tassista non stesse reagendo l’aggressore non ha desistito. Al contrario ha potenziato la sua violenza sferrando un calcio finale al volto, nella consapevolezza, per la violenza del colpo e la condizione di debolezza della vittima, che quel calcio lo avrebbe atterrato e accettando così evidentemente il possibile rischio di una caduta e quindi le conseguenze probabili della caduta stessa”.

0.000000 0.000000

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :