Magazine Cultura

Cina 53 - Arrivo a Taipei

Creato il 18 febbraio 2020 da Enricobo2

Cina 53 - Arrivo a Taipei

Tramonto a nord di Taipei


Cina 53 - Arrivo a Taipei

Street food

La strada per il centro città è piuttosto lunga, tutta una serie di sopraelevate per oltre un'ora buona di guida che il nostro autista compie con molta nonchalance, senza cenni di irritazione per il traffico, carico ma non convulso. E' già buio e il territorio circostante scivola via senza mostrarsi troppo, anche se c'è qualche tratto di campagna, siamo sempre in mezzo alle case di una sconfinata periferia di una città allargatasi a dismisura negli scorsi decenni, che però in questo momento non mostra affatto quelle tracce di esplosiva espansione dei paesi di recente trasformazione e faccio riferimento in particolare al suo ingombrante vicino. Anzi la sensazione è proprio contraria a quella della Cina, dove ad ogni passo vedi il nuovo che avanza a velocità esagerata cambiando in continuazione skyline e quartieri. Qui tutto appare come leggermente fané, una situazione che ha ormai passato il suo culmine di sviluppo, gli anni 80 e 90, quando questa era una delle tigri dell'Asia in prorompente ricerca di benessere, oggi in fase di calma sedimentazione se non di parabola discendente, con quella mancanza di crescita continua e tumultuosa che genera ricchezza e che non appena si trasforma in stasi, terrorizza l'economia in generale. Non vedi selve di gru all'opera ed i palazzi hanno quell'aria già un po' consunta e annerita, cosa comune a queste latitudini dove l'umidità ed il caldo invecchiano rapidamente ogni manufatto, che fornisce all'ambiente un'aria di decadenza generalizzata e comunque non quella di una società in piena crescita. 

Cina 53 - Arrivo a Taipei

Ximending market

Vedremo nei prossimi giorni, ma intanto che così vado ragionando, arriviamo sulla grande piazza della stazione centrale, punto di partenza ottimale per ogni tipo di programma. Il nostro albergo è stato oculatamente scelto, grazie ai consigli della preziosa Simona (date sempre un'occhiata al suo utilissimo blog), proprio lì davanti, due piani di un grattacielo che affaccia proprio sull'ingresso alla metro, cosa vuoi di più. Licenziata l'auto andiamo all'11° piano dove c'è la reception per prendere possesso della nostra camera. Stile statunitense, reception piena di gente che dà retta alla massa di clienti che arriva man mano e finalmente, e lo apprezzeremo sempre di più nei prossimi giorni, praticamente tutti parlano inglese, quindi ti sembra  già di muoverti più a tuo agio. Anzi, preso da entusiasmo, faccio che farmi convincere e prenoto per domani un giro in auto di tutto il giorno, lungo l'itinerario a nord di Taipei che mi ero prefisso di percorrere. D'altra parte se hai solo pochi giorni devi rassegnarti a prendere questi pacchetti che ti fanno guadagnare decisamente tempo, mentre potresti sgrullarti anche da solo coi mezzi, che qui sono molto efficienti. Poi viene l'ora di appropriarci delle nostra bella camera spaziosa, anche se senza finestre, ma per favore non lamentarti che, se hai il braccino corto, ti danno in proporzione di quanto hai voluto spendere. Rimane comunque la sera da usarre gironzolando attorno all'albergo e anche qui la scelta si è rivelata giusta, in quanto siamo a due passi dal più famoso mercato notturno di Taipei, quello di Xi Men Ding Night Market, che poi alla fine , benché sia una enorme area pedonale, non è neppure classificato nel novero dei veri night market, in quanto la zona dedicata allo street food è piuttosto piccolina. Vedete qui comunque la lista dei 15 più importati a Taipei . 
Cina 53 - Arrivo a Taipei
Utilissima cartina fornita dall'hotel alla mano, procediamo verso l'area indicata, che occupa 5 o 6 isolati in direzione ovest. Questa dei mercati notturni è una delle caratteristiche comuni alla maggior parte delle grandi città asiatiche. Si tratta di zone della città, dove dalle 16 in poi si scatena una attività commerciale che occupa tutti gli spazi visibili delle strade interessate. Le vie sono occupate da una fila ininterrotta di bancarelle che vendono di tutto, dai beni di prima necessità, a quelli classici richiesti da turisti e visitatori anche locali, magliette, scarpe, cappelli e altri tessili, ovviamente ogni genere di souvenir e infine naturalmente la gamma completa di cibo di strada, da consumare in loco o passeggiando tra la folla. Tutto intorno, la fila ininterrotta di negozi, che qui mostrano anche le grandi marche internazionali e una infinita serie di locali, ristoranti, bar e in questo caso saloni di massaggio. La cartellonistica con le offerte di sconti mirabolanti invade ogni spazio visivo. Tutto questo occupa naturalmente anche i primi due o tre piani e gli scantinati degli edifici circostanti, Un colossale centro commerciale a cielo aperto, dove schiere esagerate di giovani e non, camminano avanti ed indietro per passare la serata. Il tutto prosegue, tra spettacoli di strada, artisti in cerca di rimediare la cena e popolo che mangia, beve, beve e mangia in continuazione, fin verso le due, quando a poco a poco tutto si spegne lentamente fino al giorno dopo. Ovviamente la mia gentile signora non resiste e ci fiondiamo nel primo negozio Uniclo che appare alla vista, dall'altra parte della strada.
Cina 53 - Arrivo a Taipei
Delusione totale, i prezzi sono esattamente uguali al centesimo a quelli che si possono avere da noi con un semplice click e ordine online. E' la globalizzazione ragazza, prendila così e buona notte, d'altra parte in Cina, che è la riconosciuta patria dei tarocchi, non siamo riusciti a trovare neppure una bancarella isolata con qualche bel falso da mettere in valigia; che i tempi stiano davvero cambiando ed i fake li facciano solo più a Napoli e dintorni? Chissà, forse tra qualche anno la Cina si rivolgerà al board del WTO per chiedere di mettere fine alle copie dei nuovi marchi cinesi che stanno conquistando lentamente ma progressivamente il mercato. Intanto giriamo senza posa, abbagliati da luci e colori, rutilanti quanto basta, tra negozi di frutta spettacolare ancorché piuttosto costosa e giocolieri che occupano gli incroci circondati da folle di spettatori. Respingiamo a forza gli inviti pressanti delle massaggiatrici che, fuori dalle porte, offrono servizi assolutamente convenienti ed allettanti, almeno alla vista dei saloni pieni zeppi di poltrone riempite di clienti che guardano il soffitto con occhi beati, mentre manine delicate trastullano i loro piedi, ma io cede clamorosamente di fronte ad un bar che offre decine dei tipi del famoso bubble tea, uno dei riconosciutio must taiwanesi. Me ne esco con il mio bel bicchierone ghiacciato di thè e 45 NDT in meno, con latte chissà se di soya o altra porcheria salutista e per metà pieno di una massa gommosa di palline della grossezza di un pisello, di un materiale completamente sconosciuto, che attraverso una cannula gigante sorbisci a poco a poco e che ti riempiono la bocca col rischio continuo ti finirti nella trachea, obbligando qualche passante, se è in grado, a farti la manovra di Heimlich, per evitarti una morte prematura di soffocamento. Va là, andiamo a dormire che è meglio che domani si fatica.

Cina 53 - Arrivo a Taipei

Frutta 


SURVIVALKIT
Cina 53 - Arrivo a Taipei
Hotel Taipei AP H Imperial - 50, Sec.1, Zhongxiao W. Rd, Zhong Zheng distr. - Ottimo 3 stelle situato in posizione perfetta proprio sulla piazza della stazione centrale, quindi comodissimo per metro, stazione bus e treni. Reception all'11° piano del grande grattacielo, dietro la quale si fa la colazione inclusa nella camera, Caffé, thé, succhi, acqua, toast e marmellate a volontà. Camere all'8° e 9° piano, la maggior parte interne senza finestre, ma spaziose, completamente nuove in bello stile moderno e comode. Pulitissimo, bagno molto fornito. Grande TV, AC, free wifi in camera, cassaforte. Doppia senza finestra 55 Euro. Al momento forse a causa virus, vedo che i prezzi sono scesi a 28/30 Euro. Prenotate senza dubbio con internet (booking o altro) perché al bancone, la camera costa quasi il doppio. Noi dovevamo prenotare per l'ultimo giorno che ci eravamo riservati di decidere in loco e alla fine abbiamo dovuto prenotare col telefonino di fronte alla reception per avere il prezzo che vi ho detto. Alla reception sono gentilissimi, tutti con inglese perfetto e vi daranno tutte le info necessarie sui giri che desiderate fare, assieme ad utilissime cartine della metro e della città. Qui potete anche lasciare le valige in custodia e prenotare tutti i tour individuali a pacchetto che volete, incluso ovviamente il transfert in aeroporto che però è piuttosto costoso (1000 NDT) se non volete prendere la comoda metro lì davanti (140  NDT). Consigliatissimo.
Cina 53 - Arrivo a Taipei

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:
Cina 53 - Arrivo a Taipei
52 - Elephant hill 51 -Degustare il thé 50 - Le terrazze della spina del drago 49 - Nel parco delle finzioni 48 - Yang Shuo 47 - Il fiume Li Jiang 46 - Verso il Guangxi 45 - Notte sul fiume 44 - Feng Huang 43 - Bus cinesi 42 - Wu Ling Yuan 41 - Tien Men Shan 40 - Verso lo Hunan 39 - Il mercato di Lijiang 38 - Shuhe e Baisha 37 - Lijiang 36 - Intorno al lago 35 - LagoLugu 34 - Percorrendo strade di montagna 33 - La gola del salto della tigre 32 - Baishuitai
31 - Intorno a Shangri La 30 - Il monastero Song Zan Lin 29 - Stradine, piazze, templi 28 - Shangri La 27 - Templi lungo il fiume 26 - Li Ming 25 - Shi Gu 24 - Sha Xi 23 - Scrivere ideogrammmi 22 - Risalendo verso nord 21 - Intorno al lago Erhai 20 - Wei Shan
Cina 53 - Arrivo a Taipei
19 - Un paesino Yi 18 - Xi Zhou 17 - Mattinata al parco 16 - Dali 15 - Verso Dali 14 - La foresta di pietra 13 - Kunming 12 - Un piede in Cina 11 - In volo 10 - A casa 9 Tradizione o modernità
8 - Quasi pronto 7 - Partire e ritornare 6 - Carri 5 - Bus e treni 4 - Visti 3 - Ma come tutto è difficile. 2 - Prenotare il resto 1 - Prenotare i voli Si parte Otarie in pensione.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines