Magazine Cultura

Cinque libri da leggere in Autunno

Creato il 14 novembre 2019 da Linda Ferrando

Cinque libri da leggere in Autunno

L'autunno è la stagione della lettura, quella al calduccio sotto alle coperte o ancora meglio davanti ad un bel caminetto scoppiettante. Trovo sempre bello calarsi nell'atmosfera della stagione in corso cercando romanzi che sono ambientati proprio in quel periodo o che creano forti rimandi ad esso. Ecco a voi cinque consigli di letture autunnali che non potrete farvi scappare!

Dio di illusioni, Donna Tartt. Un piccolo raffinato college nel Vermont. Cinque ragazzi ricchi e viziati e il loro insegnante di greco antico, un esteta che esercita sugli allievi una forte seduzione spirituale. A loro si aggiunge un giovane piccolo borghese squattrinato. In pigri weekend consumati tra gli stordimenti di alcol, droga e sottili giochi d'amore, torna a galla il ricordo di un crimine di inaudita violenza. Per nascondere il quale è ora necessario commetterne un altro ancora più spietato...

Ci piace pensare che abbia un certo valore, la vecchia banalità amor vincit omnia. Ma se ho imparato una cosa, nella mia breve, triste vita, è che quella banalità è una bugia: l'amore non vince nulla, e chi lo pensa è uno sciocco.

Benedizione, Kent Haruf. Nella cittadina di Holt, in Colorado, Dad Lewis affronta la sua ultima estate: la moglie Mary e la figlia Lorraine gli sono amorevolmente accanto, mentre gli amici si alternano nel dare omaggio a una figura rispettata della comunità. Ma nel passato di Dad si nascondono fantasmi: il figlio Frank, che è fuggito di casa per mai più tornare, e il commesso del negozio di ferramenta, che aveva tradito la sua fiducia. Nella casa accanto, una ragazzina orfana viene a vivere dalla nonna, e in paese arriva il reverendo Lyle, che predica con passione la verità e la non violenza e porta con sé un segreto. Nella piccola e solida comunità abituata a espellere da sé tutto ciò che non è conforme, Dad non sarà l'unico a dover fare i conti con la vera natura del rimpianto, della vergogna, della dignità e dell'amore. Kent Haruf affronta i temi delle relazioni umane e delle scelte morali estreme con delicatezza, senza mai alzare la voce, intrattenendo una conversazione intima con il lettore che ha il tocco della poesia.

La gente sa rendersi la vita infelice, disse Alene. Immagino che lei ne sappia qualcosa. Un po' sì, disse lei. Tutta la vita trascorre nell'infelicità per un motivo o per l'altro, no?

Autunno, Ali Smith. Elisabeth, 32 anni, contratto a progetto presso un'università di Londra, torna nella cittadina di provincia dove abita la madre per stare accanto a un vecchio vicino di casa, Daniel, 101 anni, che sta trascorrendo in uno stato di sonno prolungato quelli che sono forse i suoi ultimi giorni di vita. Attorno ai loro incontri, muti ma carichi di emozione, si agita un paese in crisi, diviso politicamente e minato dall'intolleranza e dalla paura. Autunno è costruito come un caleidoscopio di aneddoti, visioni, salti nel tempo: gli episodi quotidiani della vita di Elisabeth si mescolano ai sogni di Daniel e ai ricordi dell'amicizia inconsueta e profonda che lega i due fin dall'infanzia della ragazza.

È possibile innamorarsi, disse, non di una persona, ma dei suoi occhi. Nel senso, del modo in cui due occhi che non sono tuoi ti permettono di vedere dove sei, chi sei.

I falò dell'autunno, Irène Némirowsky. Come molti altri della sua generazione, dalle atrocità della Grande Guerra il "piccolo eroe" Bernard Jacquelain è stato trasformato in un "lupo" avido di piaceri e di denaro, cinico e disincantato, e unicamente attratto dal mondo luccicante dei faccendieri, degli affaristi, dei politici corrotti. A niente servirà la presenza dolcissima della giovane moglie: lui ha voglia di avventure, e di quella mediocre vita piccolo-borghese non sa che farsene. Ma il fuoco di molti incendi verrà a devastare i campi della sua vita: un amore sordido, una débacle finanziaria, un'altra guerra, un lutto atroce. Solo allora Bernard capirà che cosa vuole davvero - e saprà che da quel cumulo di ceneri può nascere una vita nuova.

Era arrivata al momento più duro dell'assenza, quello in cui ci si abitua al proprio male; da lì in poi si è vivi solo a metà, perché il dolore era ancora vita, vita sanguinante, ansimante, e adesso anche quel dolore è sparito, lasciando il posto a una tetra rassegnazione.

Il popolo dell'autunno, Ray Bradbury. Green Town, Illinois. Manca una settimana alla festa di Halloween, quando la sonnacchiosa cittadina viene sconvolta da un circo misterioso che sembra promettere l'avverarsi di tutti i desideri e l'eterna giovinezza. Saranno due amici tredicenni, James Nightshade e William Halloway, a sconfiggere le forze del Male e a riscattare le anime dell'intera comunità. Ma impareranno fin troppo presto a fare i conti con i propri incubi. Ne ho già parlato qui!

In generale, gli uomini si buttano sulla possibilità di rinunciare a tutto per niente.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines