Magazine Cucina

Cioccolatini di Marzapane

Da Lauradv @antroalchimista
Cioccolatini di Marzapane
… qualche riga su cui riflettere … “Il dono del cibo è sacro. È un gesto di generosità che racchiude il tempo e l’attenzione per l’altro” (S.Agnello Hornby e M.R.Lazzati, La cucina del buon gusto)
Preparando i cioccolatini con Junio che mi balzella intorno (e mangia pezzetti di marzapane intinto nel cioccolato) Io: "Guarda che se tuo padre oggi ti dice di uscire con lui con una scusa qualsiasi, per andarmi a prendere i fiori, tu digli che io ti ho detto che non voglio fiori perché quei soldi è meglio spenderli per il tuo sci visto che a metà marzo hai i Campionati Italiani Uisp a Bormio e le spese che dobbiamo sostenere - anche se tua nonna, lo sci club e i suoi sponsor ci stanno aiutando molto - sono veramente tante!" Lapidario: "Mamma non è tanto per lo sci è che tu i fiori proprio NON te li meriti" ... ecco...  #maiunagioia
Non siamo fanatici di san Valentino ma è pur sempre un’occasione ghiotta per mettersi a tavola e giustificare, alleggerendo i sensi di colpa, lo strafogarsi con pietanze golose che, per giusta dieta, non appaiono sulla tavola tutti i giorni o quanto meno non tutte insieme appassionatamente. La cena di ieri sera, mi sono accorta, andava da sud a nord: infatti siamo partiti da Napoli con un soffice Danubio ripieno di salsiccia e provola; ci siamo fermati qui da noi in Valdorcia per gustare degli stuzzicanti salumi marinati; poi siamo saliti verso Imola con delle favolose tagliatelle al prosciutto crudo (ricetta letta su Sale & Pepe di questo mese e presentata come uno tra i piatti preferiti di Enzo Ferrari); abbiamo fatto un salto a Verona dove ci attendeva uno Chardonnay frizzante, fresco, aromatico - dono della mia amica nonché “dispensatrice di libri e prelibatezze” Alda - che ha completato, esaltandoli, i piatti salati; per il dolce non potevamo non fare un salto a Ferrara con il dolce perfetto per san Valentino: la torta Tenerina; infine per concludere in bellezza e golosità la serata, abbiamo preso la A22, passando il confine e proseguendo verso il “nostro” Tirolo dove abbiamo sorseggiato i liquori di Linzgieseder accompagnandoli con dei cioccolatini al marzapane di cui Junio e  l’inossidabile De Win - per la serie tale padre, tale figlio - vanno matti. Oggi eccovi la golosa ricetta-non-ricetta velocissima e semplicissima di questi cioccolatini. L’unica difficoltà sta, alla fine, nel ripulire il piano di lavoro e voi stessi dal cioccolato fuso.
Forse non tutti sanno che… marzapane Il termine marzapane, secondo alcuni studiosi deriva dall’arabo maw-thabán, che era il nome di una moneta d’argento mediorientale, che corrispondeva ad un certo quantitativo di impasto dolce fatto con zucchero, mandorle e acqua di rose. Le origini del marzapane risalgono al periodo delle Crociate, intorno all’anno Mille, quando l’influenza araba e mediorientale arrivò in Europa ed in particolare si diffuse in Sicilia durante la dominazione araba. Gli arabi arricchirono la tradizione gastronomica siciliana di spezie, di cereali e di preparazioni dolci a base di miele come il marzapane. Il nome marzapane, secondo altri deriverebbe da Marci panis, pane di San Marco: i Veneziani, che ne erano monopolisti sui mercati dell’Europa settentrionale infatti lo facevano arrivare in commercio in pezzi (pani), contrassegnati con il Leone di San Marco. Il nome, poi durante la dominazione austriaca divenne Marzipan che soppiantò il nome originale che era pasta reale. tratto da Lorenzo Vinci
Cioccolatini di Marzapane
Ingredienti 200 gr marzapane (un panetto) 200 gr cioccolato fondente Una piccolissima noce di burro 100 gr cioccolato bianco Cuoricini di zucchero
Preparazione Su una spianatoia taglia a fette il marzapane e fai dei rotolini dello spessore di un dito, tagliali a pezzetti di circa 2 cm, forma delle palline e appiattiscile leggermente. Nel microonde fondi il cioccolato fondente con una piccolissima noce di burro. Tuffa i pezzetti di marzapane nel cioccolato fondente aiutandoti con una forchetta e disponili su una teglia foderata di carta forno per farli asciugare a temperatura ambiente. Fondi nel microonde il cioccolato bianco, riempi una siringa per dolci (o un cornetto di carta forno) e fai dei ghirigori sui cioccolatini. Completa con un cuoricino di zucchero e lascia asciugare completamente a temperatura ambiente. Con un coltellino affilato, rifila la base di ogni cioccolatino dal cioccolato in eccesso. Consiglio: non buttare i pezzetti di cioccolato che levi, raccoglili – come ho fatto io - in un ciotolino perché li puoi riciclare in 1000 modi diversi: nella decorazione di dolci, nell’impasto o anche così semplicemente sciogliendo qualche pezzettino nel caffè per renderlo più goloso. Metti i cioccolatini nei pirottini di carta e servi. Se avanzano, si conservano in una scatola di latta a temperatura ambiente.
N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog