Magazine Ecologia e Ambiente

Coltivare la biodiversità per trasformare la viticoltura

Creato il 16 maggio 2019 da Antoniobruno5

COLTIVARE LA BIODIVERSITÀ PER TRASFORMARE LA VITICOLTURA

foto Fernanda Solazzo 28 aprile 2019 Iiss Egidio Lanoce di Maglie vigneto in biologico


Francesco Bacone ha scritto : "Alla natura si comanda solo ubbidendole.". In altre parole, si può ottenere di più da un ecosistema agricolo nella conservazione della funzione piuttosto che operando una forzatura che porta alla formazione dell’ecosistema stesso. La definizione di agricoltura ecologicamente intensiva è di PP Rabh , contadino e filosofo nella 1928 sviluppa agricoltura fondata sulla semplicità e genuinità dei comportamenti e l’utilizzo delle risorse nel pieno rispetto per la natura . --------------------------------------------------- L’ultima rivoluzione agricola, basata su vitigni selezionati, sull'uso di concimi minerali ed antiparassitari di sintesi ha prodotto una sorta di industrializzazione della viticoltura e la biodiversità nel vigneto è stata vista come un fattore limitante da eliminare. La viticoltura ecologicamente intensiva prende lo spunto da quella che negli anni '90 venne definita la rivoluzione doppiamente verde o evergreen, quale aveva come caratteristica principale quella di inserirsi in un ecosistema di produzione complesso dove le attività produttive "fanno sistema” (come ad esempio l'articolazione tra viticoltura ed allevamento del bestiame, la riduzione dei residui della produzione, il riciclo degli stessi per migliorare la fertilità dei suoli attraverso la produzione di compost). La definizione di agricoltura ecologicamente intensiva è di P.P. Rabh, agricoltore e filosofo che nel 1928 preconizzò un'agricoltura fondata sulla semplicità e salubrità dei comportamenti ed un impiego delle risorse nel rispetto della natura. Contemporaneo di R. Steiner, padre dell'antroposofia, per il quale l'agro-ecologia doveva basarsi su pratiche esoteriche, affermava invece che la nuova agricoltura si fondava sullo sviluppo delle conoscenze derivanti dall'applicazione dette scoperte dell'agronomia, dell'ingegneria e della tecnologia. La biodiversità di un vigneto è definita come l'insieme di tutte le forme di vita presenti sulla superficie e nel suolo (piante, animati, microrganismi) fino ai geni delle varie entità viventi. Obiettivo di un ecosistema agricolo è la resilienza, proprietà presente negli ecosistemi naturali che è il risultato di alcune condizioni quali la complessità dell'organizzazione funzionale che garantisce la solidità (nel senso di tenere tutti i costituenti assieme), la diversità dei partecipanti (vegetali, fauna, risorse alimentari), gli stocks e le risorse sistemiche. La trasformazione da monocuItura in un più complesso agro sistema è ormai una necessita per i vigneti di tutto il mondo ed è possibile realizzarla con strategie di copertura vegetale del suolo. Fonte: Tre Bicchieri Gambero Rosso (articolo a firma del Prof Attilio Scienza)
http://www.scuoladelgusto.net/coltivare-la-biodiversita-per-trasformare-la-viticoltura-2/


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog