Magazine Medicina

Come goderti il Natale in gravidanza

Creato il 25 dicembre 2017 da Conservazionecordoneombelicale @SorgenteSalute

Che cosa si può mangiare e cosa non si può mangiare quando si affronta il Natale in gravidanza? Ecco qualche risposta per vivere le feste con tranquillità

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Può essere difficile affrontare il Natale in gravidanza: cibi dannosi per il feto, alcol e stress sono infatti in agguato. Come fare? Ecco pochi consigli su come vivere le feste al meglio, senza pensieri e con gioia.

Cosa mangiare

La futura mamma può mangiare senza pensieri, cane, pesce e uova. Il tutto deve essere ben cotto, così da garantire il massimo della sicurezza. Se mangiati con moderazione, inoltre, tutti questi cibi sono eccellenti per lo sviluppo embrionale.

I legumi sono un’altra categoria di alimenti assolutamente consigliati, quindi largo alle lenticchie dell’Ultimo dell’Anno! Durante la gestazione, è normale che i livelli di ferro siano sotto la norma. Fagioli e lenticchie aiutano ad assimilare ferro e proteine utili senza esagerare con la carne. Per godere appieno delle loro virtù, l’ideale sarebbe accompagnarle con un po’ di vitamina C.

Per chi festeggia il Natale in gravidanza, anche la frutta secca è una grande alleata. La futura mamma può quindi approfittare del dopo pranzo per spizzicare qualche nocciola.

Cosa NON mangiare

Purtroppo i brindisi sono banditi, in caso di Natale in gravidanza: l’alcol dev’essere del tutto evitato. Lo stesso vale per il pesce crudo che non sia stato abbattuto a -20° per almeno 24 ore. Anche crostacei, molluschi e carne cruda rientrano nei cibi proibiti durante la gestazione e da rimandare al prossimo anno.

Per quanto riguarda i formaggi, la futura mamma può consumare con moderazione quelli stagionati. Deve invece evitare i formaggi non pastorizzati, che potrebbero contenere listeria. Non va meglio con gli altri elementi dell’antipasto all’italiana: anche i salumi sono del tutto da bandire, in quanto possibili portatori di toxoplasmosi.

Cosa si può mangiare con attenzione

I pesci bianchi e il salmone sono cibi consigliati in gravidanza. Luccio, pesce spada e tonno rosso, invece, potrebbero creare problemi a causa dell’alto contenuto di mercurio. Per questo motivo, è meglio consumarli con parsimonia.

La futura mamma deve prestare attenzione anche alle insalate e alle verdure crude. Se non si ha la certezza che siano state lavate molto bene, è meglio ripiegare sulla verdura cotta. Anche queste, infatti, sono possibili vettori di toxoplasmosi.

Fonte: helpconsumatori.it


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :