Magazine Talenti

Come il mio spirito patriottico muore asfissiato da una montagna di cacca

Da Dafne
Scritto 3 ottobre 2008
Pare che il sentimento di amore per la patria sia geneticamente radicato in noi. 
Pare ci sia dalla nascita ma non sia autosufficiente.
Pare, quindi, che debba venire coltivato nella fanciullezza, concimato nell'adolescenza,
potato nella giovinezza et voilà! Splendido fiore splendente nell'età adulta. O almeno è così
che ci hanno inculcato i vari Presidenti della Repubblica nei vari discorsi alla nazione dei vari
ultimo dell'anno.
Ma...
Eh, c'è sempre un "ma".
In questo caso non un "ma" trascendentale, riguarda solo il mio personale spirito patriottico,
non quello dell'intera nazione, anche se, credo in tutta onestà, che l'intera nazione dovrebbe
quantomeno fermarsi e chiedersi di quanto amore sia, questa patria, degna e se non sia
invece il caso di investire questo beneamato amore in opere e idoli più degni.
Dicevo.
Dicevo che al mio personale-non trascendentale patriottismo, viene offerto
una tale quantità quotidiana di concime(per rimanere sulla metafora floreale,
ovvero cacca), da esserne oramai, poverino, quasi del tutto morto asfissiato.
Ora, star qui a descrivere la natura delle varie palate di concime non è
divertente (nè tanto profumato oserei dire), ma qualcuna di queste vangate,
qualche piccola montagnetta di cacchetta voglio proprio illustrala.
Così, poco poco piano piano, tanto per essere masochisti...
Come il mio spirito patriottico muore asfissiato da una montagna di cacca
=Andiam, andiam, andiam a censurar...
...cantano i piani alti terreni e celesti.
In Italia censurano oramai di tutto, mi è capitato di leggere manga
(Hunter x Hunter nella fattipecie) pieni di strisce nere celanti
non si sa bene quale orribile orridume. Si potrebbe pensare che nel
momento in cui decidi di sborsare il tuo denaro (e neanche tanto poco!)
per goderti una storia a fumetti, vorresti che fosse quantomeno
completa e senza adombramenti fastidiosi e limitanti, ma evidentemente
non è così.
Più recenti e scandalizzanti sono state due censure passate quasi in
sordina, forse perchè non eclatanti, ma appunto per questo danno
l'allarmanete idea di quanto ci si sia abituati a usufruire solo di
ciò che altri decidono per noi, ignorando totalmente il diritto a
esprimere il nostro più spassionato pensiero.
Il primo fatto risale al luglio scorso quando il nostro - beneamato
o maleamato che sia - Presidente del Consiglio ha deciso di censurare
un'opera d'arte e non una qualsiasi, bensi "La verità svelata" di
Giambattista Tiepolo, che faceva bella mostra di sè alle spalle dei
ministri durante le conferenze stampa. La cosa più paradossale è che
era stato lo stesso Berlusconi a volerlo!
Motivo di tale abominio nei confronti della Dea Arte?
Pare "offendesse la sensibilità del Popolo italiano".
Ma la domanda sorge spontanea: come può un'opera d'arte, che in quanto
tale, tocca le corde più emotive dell'animo umano, ledere la sensibilità
delle persone?
Il popolo italiano è perfettamente in grado di apprezzare la bellezza di
un dipinto proprio grazie alla sua sensibilità, perchè dovrebbe essere
offeso dall'incanto?
Fatto sta che un bel giorno all'eterea Veritas è apparso il "reggiseno"...
Come il mio spirito patriottico muore asfissiato da una montagna di cacca
Il secondo scandalo censorio riguarda da vicino noi blogger dalle libere
vedute e che non troppe remore si fanno a esprimerle.
A perpetrarlo un qualche null'altro facente emissario della Chiesta
cattolica che ha minacciato di denunciare il blogger (il blog di
riferimento è burbero.splinder.com) ideatore di banners raffiguranti il
Papa e manifestanti la laicità del sito e le vedute del suo artefice,
lontane da quelle prettamente papali.
Tali Papabanner, sono stati adottati da altri blog e siti (io stessa lo
esibivo orgogliosamente in questo blog), che se lo sono visti scomparire
da sotto il naso,essendo stato eliminato dai gestori dell'hosting su cui
si trovava il banner e il fautore di tale legittima espressione
iconografica di pensiero, è stato avvertito della possibilità di una
denuncia a suo carico.
Ma tale atto di antidemocrazia fanfarona non è servito: il detto blogger,
che ha tutta la mia ammirazione, ha riproposto il papabanner su un sito
non italiano al servizio di chi vorrà riutilizzarlo.
Io sono tra questi, ovviamente: il banner non è un insulto, ma solo una
presa di posizione e un'espressione di pensiero che sempre, sempre deve
essere perpetuata, anche e soprattutto di fronte a gesti di limitazione
e proibizionismo.
Come il mio spirito patriottico muore asfissiato da una montagna di cacca Come il mio spirito patriottico muore asfissiato da una montagna di cacca
Quale scelgo?
Come il mio spirito patriottico muore asfissiato da una montagna di cacca = Fanatismo padano
A quanto pare una volta all'anno Bossi e la sua truppa di leghisti si
imbarcano in una missione degna di loro: riempire un bicchiere d'acqua
da una parte e versare detta acqua da un'altra parte. Solo che questo
bicchiere lo chiamano ampolla, quest'acqua è l'acqua del Po e questa
follia ambulante è definita "Cerimonia dell'acqua del Po".
Dovrebbe essere una specie di gesto simbolico commemorante l'unione
delle regioni sotto la benedizione del Po che si snoda per quel
territorio che loro chiamano Padania e che noi chiamiamo nord Italia.
Uno spettacolo deprimente, frivolo, stucchevole e un tantino spaventoso...
Come il mio spirito patriottico muore asfissiato da una montagna di cacca= Miss idiozia è...
...Miss Italia! E non solo la vincitrice, per carita...diamo a Cesare
quel che è di Cesare e alle miss quel che è delle miss. Tutto lo show
che ogni settembre ci ammorba con la sua pestilenziale presenza sulla,
ahimè, tv nazionale. D'altronde cosa si potrebbe desiderare di meglio
che 4 o 3 o 5 o quante diamine sono, serate fatte di culi e poppe e
gambe che fanno su giù da una scalinata, intervallate da frasi banali,
commenti demenziali e 200 nomi scanditi di continuo e resi nulli dalla
loro associazione a un numero?
Io dico: ma cosa diavolo può spingere delle ragazze a umiliarsi tanto?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • ...io...come te...

    ...io...come te...

    ...sembra una cosa così scontata....eppure fidatevi ke nn lo è, nn lo è affatto!!! Nn è facile dire sempre quello ke vorremmo, o farlo spesso, anke se... Leggere il seguito

    Da  Cris
    TALENTI
  • Come si vive

    Come vive

    - Com’eri? – gli chiese lei. - Com’ero quando? – replicò lui guardando la collina che si stendeva sotto i loro piedi. Erano sul ciglio di un burrone, piedi... Leggere il seguito

    Da  Fishcanfly
    TALENTI
  • Come accedere al paladar

    Visto che sia Daria che altri mi hanno chiesto come poter scrivere e accedere al paladar e ai suoi 4 amici ve lo spiego. Non e' che sia poi un impresa... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Come la pioggia

    Come pioggia

    1Il viaggio Le rotaie scorrono sotto di me. Un movimento lento e cadenzato che mi strappa il respiro. I campi di grano, alla mia destra, sono graffi gialli sul... Leggere il seguito

    Da  Elys
    TALENTI
  • Come vive un figlio

    Come vive figlio

    Come vive un figlionato da una labile intesama cresciuto nell'attritodi un grido soffocato.Quel fugace affetto,un ricordo confusouna gioia smarrita,svelto si è... Leggere il seguito

    Da  Giulietta88
    POESIE, TALENTI
  • Come cambia la vita...

    Come cambia vita...

    A 15 o 16 anni, andavo in giro con le mie amiche tra negozi di abbigliamento e le profumerie... Ricordo pomeriggi interi passati a spasso, con una fetta di tort... Leggere il seguito

    Da  Milu
    RACCONTI, TALENTI
  • Esser protagonisti come...Marionette!!!

    Esser protagonisti come...Marionette!!!

    Riverbero di idiozia in questa grande nostalgia, appoggiati sui gomiti a rimirar il vuoto. E' facile rimaner attaccati alla zizza della madre, a gustar il... Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI

Magazine