Magazine Talenti

Considerazioni forse un po' infantili di una mente alquanto contorta

Da Alice
AVVERTENZE
  • Non faccio uso di oppiacei prima di scrivere, sono [email protected][[@ç§ che mi escono da sole dalla testa.
  • Si prega di leggere il post con questo sottofondo musicale in modalità repeat.

Credo fortemente nella parità dei sessi, sono convinta che le donne abbiano gli stessi diritti degli uomini e che debbano essere rispettate.C'è un però. Non faccio che chiedermi se questa parità non abbia compromesso l'amore e le relazioni di coppia.
Considerazioni forse un po' infantili di una mente alquanto contortaUn tempo le donne, considerate unicamente come fonte di sollazzamento maschile e sfornatrici di bambini, erano viste come creature fragili, manovrate e comandate con falicità e con l'aiuto della violenza.Isolate dallo studio e costrette ad imparare come gestire una casa e come impegnare il proprio tempo in faccende domestiche. Deboli fisicamente, ma anche spiritualmente. Prima donne e bambini questa la tipica frase che veniva usata quando ci si doveva mettere in salvo.
L'amore era diverso, era più autentico (ovviamente quando non erano unioni combinate). Lo scopo delle fanciulle per bene era quello di trovare un compagno per la vita, non erano ammesse separazioni, adulteri ecc.
Quindi l'amore eterno esisteva? Non lo so, so solo che c'era una purezza di sentimenti, che oggi si è totalmente persa. Lettere d'amore, non sms, promesse d'amore eterno, non brevi matrimoni...
E' possibile che, avendo le donne acquisito maggiore indipendenza e forza, gli uomini si siano rammolliti dal punto di vista sentimentale? E' possibile che adesso siano loro ad aspettarsi qualcosa da noi? Oppure è solo una mia impressione?Se fosse così, io non so se ne sarei davvero contenta. Non tornerei certo indietro, ma sarebbe bello se ritornasse un po' di cavalleria da parte del "sesso forte".
Vorrei tanto che la vita fosse come un film, con una bella colonna sonora e un lieto fine.
Considerazioni forse un po' infantili di una mente alquanto contorta

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine