Magazine Economia

Consigli e applicazioni per la sicurezza dello smartphone

Da Mistercredit

Quanti dati personali conserviamo sul nostro smartphone? Pensiamo alle applicazioni che richiedono un account (quindi un indirizzo mail e una password) per accedere, oppure alle chat e alla messaggistica, alle app per gestire i nostri conti e le nostre carte di pagamento e ancora alla posta elettronica, alle foto e ai video che facciamo o che riceviamo dai nostri contatti.

In alcuni casi si tratta di dati personali, che una volta diffusi potrebbero avere gravi conseguenze (come il furto di identità e le frodi a esso collegate), in altri potrebbero essere "solo" immagini o dati imbarazzanti, che potrebbero anche compromettere la nostra reputazione.

È quindi facile capire quanto sia importante usare il nostro smartphone in sicurezza. Ma come fare?

Anzitutto, cerchiamo di conservare sul telefono solo i dati che sono strettamente necessari. Poi non dimentichiamo di proteggerlo con un pin per lo sblocco e di proteggere con un pin diverso le applicazioni che trattano informazioni sensibili.

Scarichiamo applicazioni della cui affidabilità siamo sicuri, e controlliamo a quali informazioni chiedono di accedere: se sono dati superflui per il loro funzionamento, meglio diffidare.

Manteniamo aggiornati sistemi operativi, applicazioni e antivirus.

Non dimentichiamoci di disattivare sensori e chip quando non li utilizziamo: Wi-Fi, Bluetooth, NFC, geolocalizzazione possono tutti essere sfruttati da malintenzionati per avere accesso ai nostri dati.

Esistono inoltre alcune applicazioni che possono aiutarci a ridurre i rischi e a proteggere i nostri dispositivi (e, quindi, i nostri dati), utili per verificare le app che scarichiamo e cercare ogni eventuale file "sospetto" e per proteggere il dispositivo dalle minacce con cui entra in contatto.

Per mandare messaggi e conversare in sicurezza, probabilmente Signal rimane ancora la scelta migliore.

Esistono poi servizi che ci aiutano a ritrovare un telefono perso o rubato, geolocalizzandolo: trova il mio dispositivo (Android) e Trova il mio iPhone. Ci sono anche app che possono scattare la foto a chi tenta di sbloccare il telefono, possono farlo squillare a distanza (anche se in modalità silenziosa) e possono cancellare tutti i dati per evitare che cadano in mani sbagliate.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog