Magazine Sport

Copa America 2019: tutto quello che c’è da sapere

Creato il 14 giugno 2019 da Agentianonimi

La Copa America 2019 è la 46a edizione del torneo continentale più antico del mondo e sarà l’ultima giocata negli anni dispari. In origine la competizione del 2019 doveva essere disputata in Cile, ma nel 2010 l’allora presidente della CBF José Maria Marin decise per l’inversione delle edizioni, poiché il Brasile aveva in agenda già altri tre grandi eventi da organizzare (Confederations 2013, Mondiale 2014 e Olimpiadi 2016). L’ultima volta che fu disputata la Copa America in Brasile fu esattamente trent’anni fa. A sollevare il trofeo furono proprio i Verdeoro, che vinsero il torneo superando l’Uruguay nell’ultimo incontro grazie ad una rete di Romario.

Sulla scia della Copa America del 2016, l’idea della Conmebol era di strutturare il torneo a 16 squadre, ma i rifiuti di Messico e Usa, impegnati nella Copa de Oro 2019, hanno fatto sì che la federazione sudamericana cambiasse idea e riportasse il numero delle partecipanti a 12 squadre. L’organico è stato completato a maggio dello scorso anno, invitando Giappone e Qatar.

Con le ultime due edizioni vinte dal Cile, le uniche due nazioni sudamericane rimaste a secco sono Ecuador e Venezuela. La Tricolor ha come obiettivo l’edizione del 2024 che la giocherà in casa, mentre per la Vinotinto le vie del successo sono un po’ più ardue, ma non del tutto impossibili. A guidare la classifica del palmares è l’Uruguay con 15 titoli, seguito da Argentina (14) e Brasile (8).

Gli stadi

Sono sei gli stadi in cui si giocherà la Copa America 2019. San Paolo è la città più rappresentata con due impianti, ma non mancano Rio de Janeiro e il suo Maracana, Belo Horizonte e Porto Alegre (Arena do Gremio), unico posto in cui si percepirà il freddo dell’inverno brasiliano. A nord, se nord si può considerare, c’è solo la paradisiaca Salvador de Bahia.

L’incontro di apertura tra Brasile e Bolivia sarà disputato nel Morumbí di San Paolo, mentre la finalissima del torneo sarà ovviamente disputata al Maracana. Curiosamente se il Brasile dovesse passare come primo classificato nel proprio girone, l’eventuale semifinale la giocherà nel Mineirao, il teatro in cui si consumò il dramma del 2014, mentre più suggestiva sarebbe la finale del Maracana se dovesse incrociare l’Uruguay: i fantasmi del 1950 si risveglierebbero e la paura di un altro Maracanazo non sarebbe poì così utopica.

Copa America 2019: tutto quello che c’è da sapere

Canzone ufficiale

Il tema sonoro della Copa America 2019 è Vibra Continente, cantato da Leo Santana e Karol G. La parte in portoghese è cantata dall’autore brasiliano nato a Salvador, mentre la parte in spagnolo è tutta della colombiana Karol G, diventata particolarmente famosa dopo la collaborazione in Calypso con Luis Fonsi. Nel brano è ben distinguibile la voce storica di Fox Sports Latino America, Mariano Kloss. Il famosissimo modo di esultare del telecronista argentino ha scritto pagine indimenticabili del futbol latino e la presenza della sua voce nel brano ufficiale della Copa America è il giusto tributo.

Dove vederla?

In Italia la Copa America sarà interamente trasmessa su Dazn. Il primo incontro tra Brasile e Bolivia sarà giocato tra oggi e domani notte alle ore 2.30.

Calendario gironi

14.6 ore 2.30 Brasile-Bolivia (Gruppo A)
15.6 ore 21.00 Venezuela-Perù (Gruppo A)
16.6 ore 0.00 Argentina-Colombia (Gruppo B)
16.6 ore 21.00 Paraguay-Qatar (Gruppo B)
17.6 ore 0.00 Uruguay-Ecuador (Gruppo C)
18.6 ore 1.00 Giappone-Cile (Gruppo C)
18.6 ore 23.30 Bolivia-Perù (Gruppo A)
19.6 ore 2.30 Brasile-Venezuela (Gruppo A)
19.6 ore 23.30 Colombia-Qatar (Gruppo B)
20.6 ore 2.30 Argentina-Paraguay (Gruppo B)
21.6 ore 1.00 Uruguay-Giappone (Gruppo C)
22.6 ore 1.00 Ecuador-Cile (Gruppo C)
22.6 ore 21.00 Perù-Brasile (Gruppo A)
22.6 ore 21.00 Bolivia-Venezuela (Gruppo A)
23.6 ore 21 Qatar-Argentina (Gruppo B)
23.6 ore 21.00 Colombia-Paraguay (Gruppo B)
25.6 ore 1.00 Cile-Uruguay (Gruppo C)
25.6 ore 1.00 Ecuador-Giappone (Gruppo C)

L'articolo Copa America 2019: tutto quello che c’è da sapere proviene da Agenti Anonimi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog