Magazine Sport

Coppa d’Africa 2019: magia last-minute di Mahrez, Algeria in finale!

Creato il 14 luglio 2019 da Agentianonimi

Il Senegal, che ha battuto la Tunisia grazie alla papera di Hassen, causa scatenante dell’autorete di Bronn, attende la seconda finalista della Coppa d’Africa 2019. Nella semifinale che viene giocata all’International Stadium del Cairo, si affrontano Algeria e Nigeria, squadre che hanno dato un’impressione differente nel torneo. I Fennec sono stati sin qui la formazione più convincente dell’intera Coppa d’Africa: prima della sfida contro la Costa d’Avorio non avevano mai subito gol, e hanno messo in mostra un gioco piacevole e un ottimo palleggio, oltre a individualità davvero interessanti come Bounedjah, Belaili e Bennacer oltre al ”solito” Mahrez. L’Algeria ha battuto agevolmente la Guinea agli ottavi, e nei quarti ha sofferto, ma ha comunque vinto ai rigori contro gli ivoriani: nel girone aveva fatto percorso netto, con tre vittorie su tre. La Nigeria invece ha pian piano avviato un ricambio generazionale all’interno del torneo, rinunciando ai senatori e a Obi Mikel su tutti: il risultato è stata una crescita che ha portato le Super Aquile a battere 3-2 il Camerun e vincere 2-1 all’ultimo respiro contro il Sudafrica nei quarti. La difesa è però il grande problema nigeriano, con qualche errore e concessione di troppo agli avversari. Andiamo a scoprire cos’è successo nel match odierno.

COPPA D’AFRICA 2019, ALGERIA-NIGERIA: LE SCELTE DEI TECNICIDjamel Belmadi si trova costretto ad effettuare un cambio rispetto all’undici consueto, visto l’infortunio patito da Youcef Atal nel quarto di finale contro gli Elefanti. M’Bolhi in porta; difesa con Zeffane, Mandi, Benlamri e Bensebaini; Guedioura a proteggere la retroguardia; Mahrez, Feghouli, Bennacer, Belaili a supportare Bounedjah nel collaudato 4-1-4-1 dei Fennec. Risponde col consueto 4-2-3-1 la Nigeria, che non cambia nulla rispetto alla formazione iniziale dello scorso match: Akpeyi; Awaziem, Troost-Ekong, Omeruo, Collins; Ndidi, Etebo; Chukwueze, Iwobi, Musa; Ighalo gli undici scelti da Gernot Rohr. Corsa e velocità contro palleggio e idee offensive: il match si giocherà molto su questo, sulla volontà algerina di fare la gara e sulle ripartenze nigeriane.

COPPA D’AFRICA 2019, ALGERIA-NIGERIA 2-1: MAGIA DI MAHREZ, FENNEC IN FINALE– Parte forte la Nigeria, che però non riesce a rendersi pericolosa. Passano pochi minuti e l’Algeria prende coraggio per il suo palleggio avvolgente, costruendo la prima occasione: Akpeyi buca l’intervento sul cross di Belaili, interviene Bounedjah che calcia fuori a porta sguarnita, ma si trovava in fuorigioco. Nuova occasione per l’Algeria all’11’: Akpeyi non trattiene il tiro-cross di Mahrez, e i rimpalli fanno arrivare la sfera a Bennacer, che viene fermato da un difensore nigeriano. L’Algeria spinge e meriterebbe la rete, che non arriva: cross millimetrico di Bennacer, svetta Bensebaini che colpisce alto di testa. La Nigeria si sveglia a metà tempo, con un tiro debole di Ahmed Musa, ma rischia grosso al 28′: dormita di Omeruo, Bounedjah gli ruba palla e va a tu per tu con Akpeyi, che lo ipnotizza e si fa calciare addosso. Si salvano le Super-Aquile, che si fanno vedere in avanti con Ighalo e Chukwueze, ma capitolano al 40′. Gioco di gambe di Mahrez, che manda al bar Collins, autore di una lieve deviazione sul cross: Troost-Ekong viene tratto in inganno e devia sfortunatamente nella sua porta, battendo Akpeyi. 1-0 Algeria con l’autorete dell’eroe dei quarti di finale (aveva segnato il 2-1 al 90′), e finisce così il primo tempo, col meritato vantaggio dei Fennec.

La ripresa si apre con un’Algeria nuovamente in palla, e la Nigeria che si difende per far passare il momentaccio. Feghouli spreca una chance da rete sparacchiando a lato di molto, e col passare dei minuti crescono d’intensità le Super-Aquile, che provano a pareggiare. L’occasione per farlo arriva dopo un laborioso check della VAR, che conferma il fallo di mano di Mandi sul tiro a botta sicura di Etebo solo dopo 4′ di revisione tra arbitro e videoassistenti: è rigore per la Nigeria, che lo calcia al 72′ e lo trasforma con Odion Ighalo, glaciale dagli 11 metri. Pareggio nigeriano, e l’Algeria rivede gli spettri del match contro la Costa d’Avorio, nel quale dopo aver dominato aveva rischiato grosso fino ai rigori. Iwobi sfiora la rete con un sinistro radente parato solo in due tempi da M’Bolhi, Henry (subentrato a Chukwueze) conclude alto col destro. L’Algeria ha paura, ma Belmadi la scuote nei minuti finali: Feghouli calcia nuovamente alto, mentre al 92′ Bennacer (Coppa d’Africa da campione) colpisce la traversa. È proprio l’empolese e prossimo centrocampista del Milan a trascinare i Fennec: si guadagna lui la punizione decisiva al 93′, facendosi stendere da Etebo. Riyad Mahrez sa di avere una nazione intera sulle sue spalle nell’ultimo tiro dei minuti regolamentari, e s’inventa una traiettoria strepitosa al 95′: Akpeyi battuto e 2-1 per l’Algeria, che vola in finale, dove sfiderà il Senegal privo di Koulibaly. Sarà un duello tra formazioni eterne incompiute (una delle due si scrollerà di dosso l’etichetta), tra la squadra più solida (Senegal) e quella che gioca il calcio migliore (Algeria): una grandissima finale ci attende venerdì 19 luglio alle ore 21.

Mahrez al 95' 😱😱😱
Con una magia del suo fenomeno l'Algeria vola in finale 💥#AFCON2019 #DAZN pic.twitter.com/gvpDsGsKj6

— DAZN Italia (@DAZN_IT) 14 luglio 2019

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.

L'articolo Coppa d’Africa 2019: magia last-minute di Mahrez, Algeria in finale! proviene da Agenti Anonimi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog