Magazine Opinioni

Coronavirus: perché dobbiamo augurarci che Renzi abbia torto

Creato il 29 marzo 2020 da Catreporter79

Coronavirus: perché dobbiamo augurarci che Renzi abbia torto

Misura profilattica medievale ideata per la prima volta dalla Repubblica di Venezia nel secolo XIV, la quarantena viene messa in atto in mancanza di altri strumenti di contrasto efficaci, ed ha carattere temporaneo. Questo anche per l’impossibilità di paralizzare troppo a lungo una comunità, con tutte le ripercussioni che ne deriverebbero.

Sebbene inattuabile, almeno per il momento, la proposta di Matteo Renzi offre interessanti spunti di riflessione, per chi abbia avuto la pazienza di andare oltre i titoli di giornali e blog e l’onestà di resistere al bias di conferma. Il Coronavirus non è infatti la peste seicentesca o la Spagnola, ma una malattia con un tasso di letalità assoluta intorno al 2% (fonte Prof. G. Silvestri) e circoscritto quasi esclusivamente a poche categorie, ai margini del sistema produttivo (brutale ma doverosa e necessaria concessione al pragmatismo); pensare di prorogare “sine die” il lockdown significherebbe quindi determinare, per tutti e senza distinzioni, conseguenze ben peggiori e drammatiche del virus stesso, cronicizzando ed estendendo ad ogni settore e ambito della nostra vita una crisi altrimenti transitoria. In caso di implosione dell’economia, pure il SSN, la cui protezione è oggi uno degli obiettivi principali della quarantena, si troverebbe ad affrontare difficoltà più gravi e complesse del sovraffollamento delle strutture ospedaliere.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog