Magazine Curiosità

Cosa fare in caso di attacco alieno: guarda lo spot Pepsi virale

Da Moveup

Scritto da: Luisa Cassarà 

spot pepsi

Nel nuovo spot Pepsi succedono cose strane...

Vi siete mai chiesti come vi comportereste in caso di un attacco alieno? I film ci hanno presentato più di una volta scenari apparentemente tranquilli, che si trasformano nel giro di pochi secondi nella più perfetta apocalisse, quindi niente di strano ad aver pensato almeno una volta a come si potrebbe reagire. Proprio come nell’ultimo spot Pepsi.

Poniamo, ad esempio, che vi troviate ad una fermata dell’autobus, a Londra. Fin qui niente di strano, con i classici double-decker che fanno avanti e indietro e gente come voi che sta aspettando: in realtà siete nel bel mezzo di un set pubblicitario, ma non sapete di essere ripresi (né avete idea di ciò che sta per succedere). Il trucco sta tutto in un pannello che vi mostrerà una realtà leggermente diversa dalla solita, dandovi però l’impressione che sia tutto vero. Giudicate voi stessi, dando un’occhiata al video.

Cosa succede nel nuovo spot Pepsi?

Interessante trovarsi a pochissimi metri dalla caduta di un meteorite, vero? E se da un tombino uscisse un tentacolo gigante, per agguantare un passante? Se non fosse ancora abbastanza, arrivano anche le astronavi, come nel più classico attacco alieno, o un robot gigante. Volendo andare a cosa più normali, cosa c’è di male nel ritrovarsi accanto ad una tigre che passeggia sul marciapiedi?

Le reazioni dei protagonisti, in realtà, non sono poi così terrorizzate come ci si potrebbe aspettare: sarà che ormai siamo abituati a vedere davvero un po’ di tutto (incluse cose dell’altro mondo), ma i volti realmente terrorizzati nel nuovo spot Pepsi sono in minoranza. Pochi secondi, giusto il tempo di capire che c’è il trucco ed ecco che l’apparente attacco alieno si è trasformato in una perfetta fotografia da postare sui social. Il filmato, a pochi giorni dalla pubblicazione, ha già superato il milione e mezzo di visualizzazioni su YouTube.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cosa sognano i morti

    Cosa sognano morti

    Non è difficile immaginare perché abbia scelto di acquistare e leggere un libro con un titolo come questo: Cosa sognano i morti. Leggere il seguito

    Da  Salone Del Lutto
    CULTURA, CURIOSITÀ
  • Pepsi Max: Unbelievable Bus Shelter

    Cosa fareste se, mentre foste in attesa dell’autobus, vedeste degli UFO passare nel cielo, o una tigre passeggiare per strada, o un mostruoso tentacolo uscire d... Leggere il seguito

    Da  Folliacreativa.com
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Template responsive: cosa è

    Template responsive: cosa

    E' da tempo che avevo voglia di provare un template responsive.Innanzi tutto cosa significa?In parole povere significa un template che si adatta al monitor,... Leggere il seguito

    Da  Azzurra
    BLOG, DECORAZIONE, INTERNET
  • Cosa farò da grande ???

    Cosa farò grande

    Cosa farai da grande? Era la domanda tipica che si faceva ai ragazzini quando venivano presentati dai genitori, e badate il condizionale non si usava allora,... Leggere il seguito

    Da  Pino Curtale
    EVENTI
  • Osteopatia: cosa cura?

    Osteopatia: cosa cura?

    L’osteopatia è un sistema di cura che si sta facendo sempre più strada nel mondo occidentale. Ma vediamo nel dettaglio che cosa si intende per osteopatia e... Leggere il seguito

    Da  Medicalhotel
    SALUTE E BENESSERE
  • Giocare è cosa seria

    Giocare cosa seria

    e va fatta in un certo modo!!Le regole da rispettare, quando si gioca sul serio, sono poche ma molto dure: è necessario un accenno di sfrontatezza, assolutament... Leggere il seguito

    Da  Moineeversetti
    BAMBINI, FAMIGLIA
  • Da cosa rinasce cosa

    cosa rinasce

    Grazie all’attività di recupero degli imballaggi del Conai si è evitata la costruzione di 500 discaricheQuasi 8 milioni e mezzo di tonnellate di rifiuti sono... Leggere il seguito

    Da  Simone D'Angelo
    OPINIONI, SOCIETÀ, TALENTI