Magazine Viaggi

Cosa fare in caso di puntura di zecca

Creato il 17 maggio 2020 da Pizzo76

A partire dalla primavera, durante le nostre escursioni in montagna, bisogna fare i conti con la puntura di zecca, un piccolo parassita che è potenziale veicolo di alcune pericolose malattie.

Le zecche sono parassiti trasportati dagli animali ai quali si attaccano per un periodo di tempo per poi farsi cadere sulla vegetazione in attesa che qualche altro essere vivente passando di lì le raccolga involontariamente.
Nel caso dell'uomo, le zecche si attaccano alla pelle, oppure, ai vestiti e piano piano si muovono alla ricerca di un tratto di pelle scoperto. Ecco perchè le possiamo trovare, non solo su gambe e braccia, ma su tutto il corpo!
puntura di zecca cosa fare

LE MALATTIE
Le malattie più pericolose che la zecca può trasmettere sono essenzialmente due:
- TBE (Tick Borne Encephalitis), o eningoencefalite primaverile-estiva, una malattia virale acuta del sistema nervoso centrale. Questo virus non viene trasmesso subito dalla zecca ma solo dopo alcune ore quindi per questo è importante accorgersi tempestivamente andando così a ridurre di molto le possibilità di contagio. Qui tutte le info.

- La seconda malattia è la MALATTIA DI LYME. Si tratta di una malattia che si manifesta in ritardo rispetto alla puntura della zecca e che se non prontamente curata a lungo termine può portare a gravi problemi cardiaci e neurologici.

Non tutte le zecche sono infette, quindi niente panico!

COME SI POSSONO EVITARE LE PUNTURE DI ZECCHE?

- Indossare pantaloni lunghi e camicie con maniche lunghe
- indossare vestiti chiari in modo di riuscire a vedere ad occhio nudo la zecca
- Una volta arrivati a casa controllarsi bene il corpo allo specchio. Molto spesso, specialmente quelle più piccole, possono sembrare dei piccoli nei. Fate attenzione!
- Vaccinarsi. Per questo vi consiglio di contattare la vostra ASL, perchè costi e modalità cambiano da regione a regione

puntura zecca cosa fare

IN CHE MODO SI PUO' TRATTARE UNA PUNTURA DI ZECCA?

Io vi scrivo qui sotto cosa dicono la maggior parte dei siti delle ASL, poi vi racconto la mia esperienza.
In caso di puntura di zecca bisogna rimuoverla con delicatezza con una pinzetta. Mai usare sostanze irritanti come benzina o alcol, e nemmeno schiacciare la zecca perché in questo caso può rigurgitare il suo contenuto nel nostro corpo facendo molto peggio.

Va specificato, però, che la pinzetta deve essere apposita per zecche, ne esistono in commercio di specifiche, e bisogna compiere un movimento rotatorio in modo da liberare la testa della zecca in modo naturale cercando di non staccarne metà lasciando l'altro pezzo all'interno del nostro corpo. Ovviamente dopo ci si deve disinfettare e controllare spesso la zona della puntura e il nostro stato di salute nei giorni seguenti.

puntura di zecca cosa fare

QUELLO CHE E' SUCCESSO A ME

Facile a dirsi. Ecco qui la mia esperienza.

Il giorno dopo un'escursione sulle montagne dell'Agordino, mi accordo di avere una zecca sul gomito. Non mi era mai successo! Panico! Leggo su tutti i siti delle ASL di non andare al pronto soccorso né dal medico ma di toglierla a casa con la pinzetta (ovviamente non specificando che la pinzetta deve essere per zecche). Cerco quindi di toglierla con una pinzetta normale, ma un pezzo della zecca rimane all'interno del braccio.

Cosa fare? Visto che la mia dottoressa riceve di pomeriggio, vado subito in farmacia e queste quasi prendono paura e mi dicono di andare dal mio medico. Il mio medico, ormai dopo diverse ore che mi sono accorto, guarda bene il mio braccio e, quasi impaurita anche lei, mi dice di andare subito al pronto soccorso.

Al pronto soccorso di Mirano mi chiedono come mai il medico non me l'abbia tolta e mi danno comunque il codice bianco da attendere in sala. Dopo 4 ore di attesa vengo chiamato in ambulatorio e in meno di un secondo me la tolgono! Per sicurezza mi viene prescritto un antibiotico per una settimana, ma mi diceva il dottore dell'ospedale che quando ci si accorge dopo uno o due giorni in genere non ci sono problemi. Poi, come vi raccontavo prima, non tutte le zecche sono pericolose.

Abitando in pianura, ovviamente, non erano preparati a queste cose. Almeno sui siti ufficiali, però, le informazioni dovrebbero essere più precise. E voi, vi è mai capitato di essere punti da una zecca?


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog