Magazine Bellezza

Cosmesi cruelty-free, un’utopia

Creato il 21 febbraio 2020 da Mirella Puccio @beautyinspirati

I test sugli animali riguardanti make-up, creme, saponi e profumi sugli animali nell' UE sono vietati dal 2004. Dal 2009 sono vietati anche i test che riguardano le sostanze che compongono i prodotti cosmetici.

Dal 2009 è inoltre vietato vendere qualsiasi tipo di prodotto cosmetico che sia stato testato sugli animali anche al di fuori dell'Europa. Fino al 2013 c'erano ancora alcune eccezioni che permettevano i test per i più complessi effetti sulla salute umana, ma da dall'11 marzo 2013, i test e la vendita di prodotti testati sugli animali sono totalmente vietati nell'Unione Europea. Purtroppo nell' 80% dei Paesi del mondo i test sugli animali sono ancora permessi e in molti casi obbligatori (Fonte: clicca QUI).

Vi consiglio la lettura di un documento interessante, anche se lungo, lo trovate cliccando QUI si tratta del REGOLAMENTO (CE) n. 1223/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 novembre 2009
sui prodotti cosmetici e include l'elenco delle sostanze vietate nei prodotti cosmetici.

Cosmesi cruelty-free, un’utopia

Ogni qualvolta un'azienda cosmetica ( e non) decide di entrare nel , i suoi prodotti vengono testati sugli . Dal dentifricio alla crema viso. Nessun prodotto per l'igiene personale o per la casa viene risparmiato!

Vale per tutte le marche.

Cercate di essere informati prima di affermare, ad esempio, che , , L'Oréal, Avon, Clinique, Christian Dior, L'Occitane, ecc. ecc. non testano sugli animali. In Italia i test sono vietati, per legge, OBBLIGATORI in base alla loro legislazione. Di conseguenza le aziende cosmetiche che esportano pur non testando direttamente su animali permettono che il lavoro sporco venga effettuato da altri in nome del business. Sono complici e resta comunque un fatto gravissimo.

Le aziende suindicate esportano anche in Cina.

A voi le conclusioni.

Vi ricordo che i test sugli animali comprendono: test di irritazione cutanea e oculare, studi sull'ingestione forzata e sulla dose letale per determinare se gli ingredienti siano pericolosi. Altre fonti da consultare QUI e .

Tante le informazioni al riguardo disponibili in Rete, tornerò comunque sull'argomento.

©2020 Mirella Puccio ~ Tutti i diritti riservati
Cosmesi cruelty-free, un’utopia
∼ Sogno un futuro in cui gli animali non vengano più usati, ma solo amati∼

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine