Magazine Arte

Costantino Nivola”…Quando la realtà non è all’altezza della situazione, io mi rifugio nella fantasia”

Creato il 22 giugno 2011 da Yellowflate @yellowflate

Costantino NivolaCostantino Nivola, artista poliedrico e innovativo:  ”…Quando la realtà non è all’altezza della situazione, io mi rifugio nella fantasia”.

L’opera di Costantino Nivola, uno degli scultori più originalmente creativi del nostro tempo, è un’arte pensosa e originale e la Sardegna è certamente la fonte inesauribile; l’infanzia e la Sardegna sono gli strumenti ed i criteri attraverso cui lo scultore rimpasta continuamente il mondo per riproporlo all’incanto dell’autentico: rimpianto di ciò che non è più ed utopia per ciò che non è ancora, nella sua realtà egli elabora forme e significati inusuali, lontani dalla “realtà non all’altezza”.

Nell’immaginario di Nivola chiaramente agisce la matrice di una cultura umanistica con le radici in una mediterraneità più remota, fra civiltà nuragica e civiltà cicladica ed appare evidente la volontà dello scultore a puntare sugli archetipi mediterranei nella loro essenzialità formale, liberando la sua cultura dalle rischiose esteriori caratterizzazioni folkloriche ed affrontando invece il proprio immaginario in un remoto comune, profondamente legato ai luoghi e alla realtà ambientale, ma inerente all’istituzione uomo, considerata a livello concettuale primario, anziché nella sua esteriorità.

Costantino Nivola”…Quando la realtà non è all’altezza della situazione, io mi rifugio nella fantasia”

I mestieri, la casa, il pane, sono sapori e frutti della campagna; le  figurazioni sono ripensamenti dei profili che il vento ha scolpito sulle rocce dell’Isola; la pietra si libera dalla sua pesantezza ed è resa eterea e trasparente, così che la sua opera è leggibile e riconoscibile in tutto il pianeta, poichè è frutto di profonda ricerca e di intensa fatica interiore.

Costantino Nivola pensa alla vita come ad una presenza misteriosa, come qualcosa che non si può percepire direttamente, ma di cui si individuano le tracce, si avverte la potenza, si intuisce l’energia, e, questa idea di vita, che  prepotentemente, originalmente si esprime nella cultura di Nivola e che trova nelle sue anatomie astratte, in quei corpi senza corpo, sotto la cui pelle pelle marmorea si sentono pulsare sangue e vene, la sua più alta definizione, quasi una sorta di concezione filosofica, prima ancora che stilistica.

Costantino Nivola”…Quando la realtà non è all’altezza della situazione, io mi rifugio nella fantasia”
La scultura di Nivola, sin dalle sue prime formulazioni,è la vocazione al dialogo spaziale aperto e alla dimensione corale; la capacità di organizzare lo spazio plastico e la disponibilità a costruire grandi occasioni emotivo-fantastiche sono patrimonio di archetipi antropologici che sconfinano in echi remoti ed è questa appunto la ragione della portata atipica più intima del suo lavoro offertoci attraverso le materie più diverse, dal cemento al marmo e alla terracotta; una sintesi di primitivismo e di ricerca di una nuova forma.

La scultura di Nivola ha saputo caricare di nuova attualità le memorie antropologiche della sua terra sarda, in cui rivivono con naturalezza radici ancestrali fuori da ogni descrizione o rievocazione, colta o popolare che sia; con un mito, nostro e di tutti, umano e cosmico, particolare ed universale.
La pietra scolpita può continuare a proporre la sua essenza, distinta e vicina, concerta ed inafferrabile.

Nulla di regionalistico è in lui, la nostalgia del Mediterraneo non è il solito insul spleen, quanto piuttosto un approdo per il futuro. Così pure come le figure femminili delle Madri e delle Vedove, non sono il decantare le figure, lo stupire nella maestosità, bensì la creazione di una forma aggettante piccola, timida, appena segnata. 

Costantino Nivola”…Quando la realtà non è all’altezza della situazione, io mi rifugio nella fantasia”

Tutte le opere sono legate ad un ‘evidenza che si nega e si sottrae, a una volumetria introversa che si mimetizza e si cela dietro una maschera, una maschera della vita e dell’essere: lo scultore nasconde i suoi significati ma nel contempo li rivela.

Le opere di Costantino Nivola si possono ammirare, non solo ad Orani, suo paese natale, in provincia di Nuoro, ma a Cagliari, a Nuoro, New York e.. Chicago.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Quando...

    Quando ti svegli un mattino e ti sembra di non potercela più fareQuando la tua unica domanda è "ma perchè proprio a me?"Quando pensi che il mondo faccia schifo... Leggere il seguito

    Da  Eramegliounpescerosso
    LIBRI
  • le poesie del mercoledì: Costantino Kavafis

    poesie mercoledì: Costantino Kavafis

    Buongiorno miei cari amici! in questi giorni, mi alterno a momenti di noia più totale (sarà forse perchè il penultiumo esame prima della sessione estiva è oggi? Leggere il seguito

    Da  Lafenice
    SALUTE E BENESSERE
  • Costantino Vitagliano aspetta un bambino

    Costantino Vitagliano aspetta bambino

    Dopo Daniele Interrante, suo fratello televisivo, anche Costantino Vitagliano ha deciso di diventare padre. Lo aveva detto alla fine dell'anno scorso in una... Leggere il seguito

    Da  Dejavu
    GOSSIP
  • Costantino VS Maria

    Costantino Maria

    Tutti conoscono Costantino Vitagliano, è stato uno dei tronisti-corteggiatori, più famosi della storia di Uomini e Donne. Adesso ha deciso di sfidare colei che... Leggere il seguito

    Da  Sued
    GOSSIP, TELEVISIONE
  • Costantino

    Stamattina mi sono svegliato pensandoti. Stavo ascoltando una canzone di Antonello Venditti, che avevamo ascoltato diverse volte assieme, in quei primi anni... Leggere il seguito

    Da  Anellidifum0
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Quando....

    Quando....

    Quando lasciai il mio fidanzato alle soglie del matrimonio, sapevo che sarei andata incontro ad una serie di difficoltà, di ostilità, di sbigottimento ma non... Leggere il seguito

    Da  Ilmondodipotolina
    MATERNITÀ, PER LEI
  • La terra tremante. di Costantino Posa

    terra tremante. Costantino Posa

    Tanto tempo fa, non capivo.Mi sentivo solo.Le mie membra deboli e sottili,tremanti e insicure.Poi ho studiato, ho lavorato,ho incontrato, non più solo.Ogni... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI