Magazine Salute e Benessere

Creiamo i futuri campioni col Mental Training: "L'allenamento induttivo"

Creato il 26 luglio 2010 da Ekis Sport Coaching @Ekis_srl

Miracoli del Mental TrainingCon questo articolo voglio condividere con voi alcuni aspetti pratici riguardo al mental training.

Fin dalle prime volte che sentivo parlare di “gestione dello stato”, “comunicazione efficace”, “tecniche di pnl”, ecc… ecc..., la mia mente ha sempre vagato alla ricerca di un filo conduttore che mi permettesse di poter organizzare sul campo degli allenamenti e delle esercitazioni in modo da poter massimizzare il rendimento dei giovani atleti.

Un ragazzo o una ragazza,  con età compresa fra i 12 e i 16 anni, si trova in una fase della propria vita estremamente fertile per  tutto ciò che riguarda l’apprendimento tecnico.  L’utilizzo del coaching, cioè di una comunicazione appropriata e l’uso di tecniche atte ad esaltare il processo di assimilazione delle informazioni, ci permetterebbe di accorciare i tempi e ottenere risultati sempre più qualitativi.

L’idea di proporre una seduta di allenamento con una metodologia e una progressione “particolare”, è sbocciata quando mi sono accorto che quello che abbiamo sempre sentito dai massimi esponenti della formazione : l’osservazione e’ la prima fase dell’apprendimento”, si sposava a meraviglia con uno dei dogmi della programmazione neuro linguistica : modellamento dell’eccellenza”.

Cosa fanno le persone per ottenere un particolare risultato?

L’osservazione di cosa, come, quando e replicare il tutto per ottenere gli stessi risultati, è il  modellamento.

Osservare un campione che esegue una tecnica in modo corretto durante la propria peak performance e poi imitarlo è uno dei metodi migliori per imparare ad eseguirla perfettamente.

E fin qui chiunque di voi potrebbe dire : Ok, e cosa ci sarebbe di nuovo?

Per ora assolutamente nulla. Adesso viene il bello!!!

Utilizzando un insieme di tecniche che la PNL ci mette a disposizione, possiamo esaltare e rendere ancora più efficace questo affascinante processo di apprendimento.

Le fasi che caratterizzano “l’allenamento induttivo” sono 5:

Giovani talenti in Africa, il Mental Training è applicabile in ogni condizione, anche la più limitata

  1. Visione di un filmato
  2. Affabulazione e installazione di “istruzioni di processo”
  3. Esecuzione del gesto tecnico
  4. Visualizzazione interna
  5. Nuova esecuzione del gesto tecnico e feed back a “panino”.

Andiamo a vedere più da vicino ogni fase con la caratteristica che la contraddistingue.

- Nella prima fase, visione di un filmato”, ai ragazzi viene fatto vedere un video, se fosse un montaggio di varie azioni più o meno simili dello stesso atleta sarebbe meglio, della durata di circa 10’ prima dell’allenamento. in questa fase avviene l’osservazione.

- la seconda fase, che si sovrappone alla prima, è caratterizzata dal racconto da parte del coach, della storia, degli aneddoti, dei sogni, delle speranze e dall’enfatizzazione delle similitudini fra il campione protagonista del filmato e gli stessi ragazzi quando aveva la loro età.

In una sola parola “affabuleremo i nostri piccoli spettatori.

Questo è anche il momento dove, commentando l’esecuzione della tecnica, utilizzeremo parole chiave che ci consentiranno più avanti di tornare con facilità alle immagini in questione. Ad esempio: “…gambe piegate… mani aperte… testa alta… ecc... ecc...”.

Dopo circa 5’, nei quali i ragazzi si saranno ormai persi come in “trance” rapiti dalle immagini e dalle nostre parole, inizieremo a dare quelle che chiameremo “istruzioni di processo”.

Frasi rivolte ai ragazzi che avranno lo scopo di parlare alla loro parte inconscia con dei messaggi contenenti indicazioni tecniche o motivanti:  “…vedete come è brava, quando sei concentrata riesci a fare tutto!!!” oppure, “…è proprio vero, tieni le braccia distese  distanti dal corpo e sei perfetta!!”, o anche, “…guardate come giocano, è come se si dicessero: “siamo una squadra forte, con un obiettivo unico e diamo il 100% ogni partita!!!”.

Mentre parliamo del filmato ci stiamo rivolgendo direttamente ai nostri ragazzi senza che loro se ne rendano conto.

- Terza fase. Andremo in campo e inizieremo l’allenamento come tutte le altre volte. Arrivati al momento dove è programmato il lavoro tecnico o di gioco che vogliamo replicare creeremo una esercitazione il più simile possibile a quella del filmato. Qui inizierà il modellamento da parte dei ragazzi, noi non daremo indicazioni particolari e ci limiteremo a parlare nello stesso modo utilizzato durante il video, ripetendo le parole chiave usate per commentare i gesti tecnici e notando eventuali variazioni nel loro comportamento.

- Quarta fase. Dopo aver osservato un po’ di lavoro fermeremo l’esercitazione, chiederemo ai nostri piccoli atleti di chiudere gli occhi e tornare con la mente al filmato visto prima dell’allenamento.

Da bravi mental coach faremo accedere i ragazzi ad una loro nuova risorsa,  li renderemo consapevoli del fatto che hanno un modello da copiare sempre a loro disposizione.

Durante la visualizzazione faremo porre l’attenzione sui movimenti che il campione sta eseguendo,  successivamente chiederemo loro di sostituirsi a lui nell’esecuzione “perfetta” del gesto tecnico.

- Nella quinta e conclusiva fase torneremo ad eseguire il lavoro programmato. con l’utilizzo del modello di feed back a “panino” : cosa sta facendo bene, cosa deve migliorare e come fare per migliorarlo, enfatizzeremo come la visualizzazione interna del filmato li stia portando verso una peak performance.

In questa fase non è raro notare i ragazzi, mentre aspettano il loro turno, mimare ad occhi chiusi il movimento corretto, senza che noi lo avessimo chiesto!!!

Squadra giovanile di Rugby, un gruppo compatto anche grazie al Mental Training

Durante questa proposta di lavoro, che possiamo definire tranquillamente di sport coaching abbiamo affiancato alle normali metodologie di allenamento un insieme di tecniche di mental training molto facili da eseguire, che ci hanno portato via poco tempo e avranno affascinato e coinvolto i nostri futuri campioni.

Applicando almeno una volta alla settimana questo sistema noterete delle performance che vi sbalordiranno, nel giro di quattro settimane potreste vedere gli stessi risultati che avreste ottenuto in tre mesi.

Provatelo e poi fatemi sapere!!!

William Fiorani
Di William Fiorani


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :