Magazine Cultura

Crisi del settimo anno? Neanche a parlarne!

Creato il 10 febbraio 2020 da Athenae Noctua @AthenaeNoctua
Ma quale crisi del settimo anno? Io ho ancora voglia di scrivere in questo diario virtuale e di confrontarmi con tutti voi come il primo giorno, anzi, negli anni l'entusiasmo è aumentato sempre di più. Certo, a volte il tempo per aggiornare le pagine virtuali scarseggia, ma questo non significa che sia disposta ad abbandonare questa avventura che, nel tempo, mi ha dato grandi soddisfazioni: tanti incontri, alcuni dei quali diventati anche reali in occasione di eventi letterari, ma anche un enorme arricchimento culturale, con dibattiti e suggerimenti di nuove esperienze di lettura arrivati da tanti di voi.
Ci siamo già trovati a parlare della crisi che i blog stanno vivendo, del fatto che molti hanno chiuso o pesantemente ridotto le loro pubblicazioni, del calo dei commenti e dei post che rimangono senza risposta e mi sto interrogando su cosa fare per riattivare un meccanismo che si è inceppato forse a causa del maggiore successo di cui si gode con uno scatto di libri su Instagram piuttosto che con una recensione più impegnativa. Peraltro io e Instagram non funzioniamo: ogni tanto cedo anch'io al fascino di qualche inquadratura ad effetto (con risultati piuttosto scarsi), ma chiudo l'applicazione senza provare un minimo di quella curiosità e di quel trasporto che associo ai miei primi anni di navigazione nella blogosfera.
Un rito che mi dispiace aver abbandonato, ma che spero di riprendere, pur senza alcuna pretesa di regolarità, è quello di Owl Prize, la rubrica attraverso la quale segnalo i post più interessanti in cui mi imbatto in rete: ce ne sono sempre tantissimi, naturalmente, ma raccoglierli in articoli dignitosi comporta molto tempo e, mio malgrado, ho finito per perdere questa bella abitudine.
Seguo però sempre con grande piacere alcuni dei blog che più mi hanno offerto suggestioni, idee e suggerimenti, e i cui post giacciono da tempo in attesa del loro Owl Prize: Io, la letteratura e Chaplin della carissima Luz, collega blogger e insegnante, oltre che autrice per il teatro; Appuntario, con i post di Michela, che sa sempre come ricreare atmosfere di raffinato gusto storico e vintage; Internostorie, con gli originali percorsi e i bellissimi scatti di Marina (infatti anche il suo account Instagram è notevole); Didatticarte, con i viaggi di Emanuela, che ci prende per mano e ci presenta tecniche ed evoluzione dei temi della pittura, della scultura, della fotografia e delle arti minori con lo stesso brio e la stessa competenza che mette a disposizione dei suoi alunni; Macaronea, il mio rifugio di classicità preferito, grazie agli approfondimenti umanistici e agli aneddoti scolastici condivisi da Marta, anche attraverso una graffiante e divertente pagina Facebook.
 Crisi del settimo anno? Neanche a parlarne! Nei prossimi mesi spero di tornare anche alle rubriche letterarie e artistiche: ultimamente mi dedico quasi solamente alle recensioni delle letture, anche perché mi sono imbattuta in libri molto coinvolgenti, di cui poi ho avuto voglia di scrivere il prima possibile, ma quei percorsi ampi e approfonditi che, secondo le statistiche, risultano fra i più letti e meglio indicizzati nei motori di ricerca mi mancano, perché lì posso davvero sfogare la mia passione sfrenata per i motivi letterari, le simbologie, i personaggi, i collegamenti intertestuali.
Mi concederò un po'di tempo per pensare a qualcosa di adatto a rinfrescare queste pagine durante l'estate, periodo nel quale conto anche di terminare di aggiornare la grafica dei post degli anni scorsi, ancora poco responsivi e non integrati con l'interfaccia che ho scelto lo scorso anno.
Spero, nel frattempo, di continuare a godere della fiducia di voi che, nonostante tutto, continuate a passare di qui e trovate il tempo e la voglia di fermarvi a lasciare un commento e chiudo, dunque, ringraziandovi: se la crisi non ha il sopravvento è certo grazie ai continui stimoli che arrivano dal mondo della letteratura e delle arti, ma soprattutto è merito vostro.
Si dia dunque inizio all'ottavo anno del blog (e l'8 è il mio numero, quindi ho grandi aspettative)!
 C.M.Articolo originale di Athenae Noctua. Non è consentito ripubblicare, anche solo in parte, questo articolo senza il consenso del suo autore e senza citare la fonte.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine