Magazine Attualità

#Crisidigoverno: l’errore di #Salvini ed il rischio di perdere la partita

Creato il 15 agosto 2019 da Candidonews @Candidonews
#Crisidigoverno: l’errore di #Salvini ed il rischio di perdere la partita

E' successo. Matteo Salvini ha commesso un primo grave errore. La rottura voluta con i grillini, il successivo pressing per il voto, il no alle dimissioni dei ministri leghisti, il listone imposto a Forza Italia, la possibilità di un accordo 5 stelle-PD; le ultime mosse del vicepremier hanno scombussolato il panorama politico italiano e soprattutto hanno messo all'angolo la Lega, che ora sembra cercare una tardiva riconciliazione con Di Maio e soci. Difficile ma non impossibile, vista la schizofrenia politica dei pentastellati.

#Crisidigoverno: l’errore di #Salvini ed il rischio di perdere la partita

Di fatto però Salvini ha sbagliato. I sondaggi post-rottura danno ampi segnali in questo senso. La lega scende di qualche punto, salgono i grillini ed il PD. "Chi rompe il patto, pagherà elettoralmente" diceva lo stesso segretario leghista mesi fa. Giorgetti, suo uomo di fiducia, gli rimprovera di aver sbagliato i tempi. La mossa del listone di centrodestra proposta a Forza Italia ha indispettito gli azzurri, spingendo alcuni parlamentari forzisti a sperare nel 'non voto' per riciclarsi magari nel nuovo movimento di Renzi. Ed infine, la rottura traumatica del governo sembra spingere i grillini a cercare un accordo, difficile ma anch'esso non impossibile, con il Partito Democratico.

#Crisidigoverno: l’errore di #Salvini ed il rischio di perdere la partita

Tornare con i 5 stelle farebbe perdere la faccia (e probabilmente consensi) alla Lega. La nascita di un governo demostellato di legislatura toglierebbe la tribuna d'onore al leader leghista.

#Crisidigoverno: l’errore di #Salvini ed il rischio di perdere la partita

Ora Salvini deve solo sperare che gli altri "giocatori" sbaglino le loro mosse e torni il suo turno. Altrimenti la partita sarà persa. fonti:
Corriere Della Sera
Affari italiani
il Messaggero
Huffington Post

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog