Magazine Cultura

Critica Letteraria: Joe Lansdale, “La sottile linea scura”

Creato il 15 ottobre 2012 da Patrizia Poli @tartina

copda CriticaLetteraria del 15 ottobre 2012

di Patrizia Poli

La sottile linea scura
di Joe R. Lansdale

Einaudi, 2004
pp.300

Edizione di riferimento “La biblioteca di Repubblica l’Espresso”

C’è chi, parlando de “La sottile linea scura” di Joe R. Lansdale, cita subito il Bildungsroman, il romanzo di formazione alla Stand by me, con la classica perdita dell’innocenza.
Stanley Mitchell, il protagonista tredicenne, in una lunga estate calda texana, scopre che il mondo non è come lo credeva, che le persone fanno sesso fra loro, uccidono, si ubriacano, picchiano la moglie, brutalizzano i figli. Soprattutto scopre che i neri non sono uguali ai bianchi, non è loro concesso lo stesso posto nell’ordine delle cose.

“Quella è gente che non ha di meglio da fare che smuovere le lapidi della gente di colore o ridurle in mille pezzi buttandole nel torrente. Che poi sono pure codardi, figliolo, perché lo sanno che i neri non reagiranno mai, così davanti a tutti, col rischio di vedersi arrivare quelli del Klan, altra gente di quella fatta.” (pag 131)

Scopre che i diritti non sono per tutti, che le donne, specie se di colore, sono sempre vittime; che i pregiudizi avvelenano i rapporti sociali, le amicizie, il vicinato; che c’è chi lucra sulla pelle degli altri; che non tutto è come appare.
Noi, però, non ci soffermeremo su quest’aspetto scontato, ma toccheremo il principale pregio di un romanzo che, se non segna, non sconvolge, non penetra, comunque avvince almeno per il tempo limitato della lettura: non è la crescita interiore del protagonista, come abbiamo detto, né l’intreccio, improbabile e pure irrisolto, quanto piuttosto l’atmosfera riuscitissima dell’America fine anni cinquanta.
Non seguiamo, quindi, l’investigazione di Stanley sulle due ragazze morte in circostanze oscure molti anni prima, il ritrovamento delle lettere, il cofanetto sepolto, la paurosa casa sulla collina. Alla fine, le scoperte fatte da Stanley ci lasciano indifferenti, il protagonista sembra non avvertire nemmeno orrore mentre disseppellisce cadaveri che dovrebbero agghiacciarlo. Non ci interessa dipanare il mistero del fantasma senza testa che si aggira lungo la ferrovia, quanto piuttosto tallonare Stanley nei suoi spostamenti, pedalare con lui su per la collina mentre l’aria rinfresca prima del temporale, infilarci nel gabbiotto del proiezionista negro sempre ubriaco.

“D’estate ce ne voleva prima che facesse buio, e il sole – che ancora non trovava ostacolo in grattacieli né in casermoni popolari – si tuffava tra gli alberi del Texas orientale come una stella cadente. Via via che tramontava, dava l’impressione di mettere a ferro e fuoco interi boschi.” (pag 20)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Auguri a Joe Cocker

    John Robert Cocker è nato a Sheffield (UK) il 20 maggio 1944 ed è un cantante che, con la sua voce roca e nera, ha reinterpretato meravigliosamente tantissimi... Leggere il seguito

    Da  Jagming
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Lansdale: l’arte del cross-over

    Lansdale: l’arte cross-over

    Prolifico come pochi, Joe R. Lansdale, nato a Gladewater, Texas, nel 1951, figlio di un meccanico analfabeta che si guadagnava da vivere col wrestling, è... Leggere il seguito

    Da  Tiziana Zita
    CULTURA
  • Matinee - Joe Dante

    Matinee Dante

    He's not a monster, he's a shoe salesmen Da queste parti a uno come Joe Dante ci si vuole tanto, ma davvero tanto, bene. Al Joe Dante vero e proprio anche di... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione di Banana Joe

    Recensione Banana

    RECENSIONE Per quante volte possa vedere questo film, l’effetto è sempre come la prima. Un personaggio simpatico, dolce, possente, che sa arrabbiarsi, ma anche... Leggere il seguito

    Da  Sabato83
    CINEMA, CULTURA
  • Mia recensione su Critica Letteraria

    recensione Critica Letteraria

    Da Critica Letteraria 27 Giugno 2012 Maria Maddalena e la dea dell’ombra di Mario Arturo Iannaccone Sugarco edizioni, 2006 Pp. 247 18,80 Patrizia Poli “Maria... Leggere il seguito

    Da  Patrizia Poli
    CULTURA
  • "Acqua buia" di J. R. Lansdale

    Dovrò essere cattiva oggi. Non che ne avessi particolarmente voglia quando stamane mi sono destata da un sonno annegato nel sudore, con gli operai che... Leggere il seguito

    Da  Bens
    CULTURA, LIBRI
  • L'importanza della ricerca letteraria

    L'importanza della ricerca letteraria

    Che cosa fanno gli studiosi di letteratura? Perché dovrebbe essere finanziato un ricercatore nell'ambito degli studi letterari? Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI

Magazine