Magazine Pari Opportunità

Da Hina alla mamma di Umbertide, gli omicidi delle donne che “volevano vestire all’occidentale”

Da Ladyblitz @Lady_blitz
Da Hina alla mamma di Umbertide, gli omicidi delle donne che “volevano vestire all’occidentale”

ROMA – A Umbertide, in provincia di Perugia, un uomo marocchino di 44 anni ha ucciso i figli di 8 e 12 anni per punire la moglie che non voleva indossare il velo, previsto per tutte le donne musulmane. Non si tratta del primo caso del genere.

Da Hina a Sanaa sono molte le giovani donne straniere uccise in Italia perché volevano seguire stili di vita occidentali.

Lo scorso 29 settembre a Brescia una donna pachistana è stata segregata in casa, picchiata e violentata dal cugino per aver rifiutato un matrimonio combinato.

In maggio è toccata ad una donna indiana, incinta di 3 mesi e con un figlio di 5 anni. La donna è stata uccisa dal marito perché accusata da lui di vestire all’occidentale, e di non indossare il sari indiano.

Sempre a Brescia nell’aprile del 2011 una ragazza pachistana è stata segregata in casa dai genitori che l’avevano promessa ad un cugino in Pakistan e non volevano si compromettesse.

Nell’ottobre del 2010 a Novi, in provincia di Modena, una donna pachistana è stata massacrata con una pietra dal marito connazionale per aver difeso la figlia che aveva rifiutato un matrimonio combinato.

I due casi più tristemente noti risalgono invece al 2009 e al 2006. Tre anni fa, in settembre, Sanaa Dafani, diciottenne di origine marocchina, venne sgozzata dal padre a Montereale Valcellina (Pordenone). La colpa di Sanaa? Voler vivere all’occidentale e avere un fidanzato italiano.

Nell’agosto del 2006 Hina Saleem, ventenne pakistana, era stata ammazzata sempre dal padre a Sarezzo (Brescia) per lo stesso motivo, o forse per lo stesso “non motivo”: voleva vivere all’occidentale, cioè come tutte le altre persone del Paese in cui viveva.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Roba da gatti: Attila, gatto da caccia.

    E già il titolo vi farà capire cosa ho trovato in salotto stamani, quando ci siamo alzate.Purtroppo è stata la Purulla a trovarlo. Leggere il seguito

    Da  Mafalda1980
    MATERNITÀ, PER LEI
  • da urlo

    Che bello i ragazzini che si chiamano a voce alta da una parte all’altra della strada, cose che poi cresci e non le fai più perché ci si deve dare un tono, non ... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Umbertide: ristorante e natura a lume di candela

    Umbertide: ristorante natura lume candela

    INAUGURATA LA TERRAZZA ESTIVA Ristorante Locanda Appennino Menu degustazione 30 euro – menù degustazione pranzo 22 euro Centro storico – Umbertide, via Grilli... Leggere il seguito

    Da  Goodmorningumbria
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Da senatore

    [Sono contro la detenzione in attesa di giudizio e ritengo che Luigi Lusi non potesse inquinare le prove a suo carico, né reiterare i reati che gli vengono... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Da cani

    Ognuna di noi ha diritto alle sue perversioni. A me piace Elisabetta Canalis. E' la sintesi di molte cose che detesto, eppure, non so perchè mi piace. Leggere il seguito

    Da  Hermosa
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • Il cilindro da abbinare all'abito da sposo

    cilindro abbinare all'abito sposo

    Indossare un cappello a cilindro il giorno del matrimonio renderà lo sposo ancora più protagonista delle nozze, dandogli un tocco in più di stile e... Leggere il seguito

    Da  Ameliste_nozze
    MODA E TREND, PER LEI
  • Arte: Installazioni di Antonello Cassan ad Umbertide

    Arte: Installazioni Antonello Cassan Umbertide

    Antonello Cassan Questa settimana il 24/25 Novembre sarà Esposta l’opera di Antonello Cassan editore di Liberodiscrivere “Libri Incatenati” e Plastic Food... Leggere il seguito

    Da  Goodmorningumbria
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ