Magazine Sport

Da Ponte Piero al Bivacco Sant'Anna.

Creato il 01 maggio 2018 da Tamara

Da Ponte di Piero 549 mt, si seguono le indicazioni per Biegno 915 mt. Si prosegue seguendo le indicazioni per Cangili 1133 mt, fino a trovare il bivio che porta alla località Sant’Anna. Raggiunti il bivio, si prosegue seguendo il sentiero n°145 sulla destra, che porta appunto al Bivacco Sant’Anna 1342 mt. Da Ponte Piero al Bivacco Sant'Anna.
NOTA La Val Veddasca, scavata dal Torrente Giona, è una delle più lunghe valli della provincia di Varese, ed è anche quella che vanta le montagne più alte. La cresta principale, che è anche la più conosciuta, è quella che dal Monte Lema 1620 mt, porta al Monte Tamaro 1961 mt. Dall’alta parte della valle, una cresta più piccola, è quella che dal Monte Cadrigna 1300 mt, porta al Monte Gambarogno 1734 mt. Questa catena di montagne, rimane in parte fuori dai grandi circuiti del Monte Lema, anche perché, a differenza dell’altra cresta, non vi sono impianti di risalita, vi sono molti meno rifugi e quelli che sono custoditi, sono facilmente raggiungibili. L’itinerario che propongo in queste righe, è un percorso a mio parere poco frequentato, mi è bastato guardare la scarsa manutenzione dei sentieri per capirlo. Sì parte da Ponte di Piero, qui si trova un grande parcheggio in parte a pagamento, ed è anche il punto di partenza della funivia che sale a Monteviasco 924 mt, oltre ad essere il punto di partenza, di numerose escursioni di cui avrò sicuramente parlato nel blog. Dopo aver attraversato il ponte sul Torrente Giona, con una comoda mulattiera, si sale al borgo di Piero 636 mt, piccolo gioiello, incastrato perfettamente in quella che è la parte più bella e interessante della val Veddasca. Passato l’abitato di Piero, inizia un ripido sentiero, che sale all’abitato di Biegno, ultimo paese della valle a trovarsi nel versante italiano. Da Ponte Piero al Bivacco Sant'Anna. Il paese è molto bello, consiglio di visitare i tanti vicoli che si snodano nel paese, già il segnavie, che lo attraversa, né da un ampio assaggio.
Lasciato Biegno, sì prosegue per un buon tratto, su di una stradina che porta al bivio con il segnavie N°145 che porta alla località sant’Anna. Qui, sì affronta un sentiero in piena regola, poco battuto ma che regala un ambiente solitario e molto suggestivo, con vista sul paese d’Indemini 979 mt e sulle due cime più alte della Val Veddasca. Da Ponte Piero al Bivacco Sant'Anna.Ponte Piero Bivacco Sant'Anna. Lungo il tragitto all’altezza della Val Frigere, bisogna prestare attenzione, per l’attraversamento di un torrente, nei mesi invernali con il ghiaccio e nei mesi di piena, può rappresentare un serio problema. La località Sant’Anna, è rappresentata da una piccola chiesa con un rifugio nel lato opposto. La chiesa è collocata in mezzo ad un ampio prato, circondato da un fitto bosco di faggi, nella parte più aperta, si ha una bella vista sulle pendici del Monte Gambarogno 1734 mt, di cui non sì riesce a vedere la vetta. Le ultime righe, le dedico al piccolo rifugio. L’interno è gradevole, come tutti i bivacchi, possiede solo il camino per scaldarsi e l’acqua, nei mesi invernali non si trova, quindi bisogna utilizzare quando la sì trova la neve, oppure andare a cercarla in qualche ruscello vicino. Il dormitorio, ha ben 12 posti letto, con materassi e coperte, quindi a parte i generi di prima necessità, per il resto si trova tutto quello che serve per una piacevole due giorni, il tutto con un piccolo contributo di 5 €. Da Ponte Piero al Bivacco Sant'Anna.
CURIOSITA’
TEMPI DI PERCORRENZA: 2:30 circa. DIFFICOLTA’: (E) per sentieri ripidi, poco battuti e con poca manutenzione. DISLIVELLO: 800 mt circa. PUNTI D’APPOGGIO: locali a Piero, Biegno e Rifugio Sant’Anna sempre aperto. COME ARRIVARE: CARTOGRAFIA O GUIDE: carta Kompass N°90. SEGNALETICA: cartelli informativi e bandierine rosso bianco. DOVE ALLOGGIARE: Rifugio Sant’Anna, con possibilità di pernottamento. Scambio Link

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine