Magazine Internet

DALLA CELLULOIDE ALLA SOLIDARIETA’ Chiara Samugheo e Rossella Urru, due esempi di vita per la Sardegna e per l’Italia.

Da Terzosettoresocialnetwork @TerzoSettoreSN

DALLA CELLULOIDE ALLA SOLIDARIETA’ Chiara Samugheo e Rossella Urru, due esempi di vita per la Sardegna e per l’Italia.

CHIARA SAMUGHEO

Chiara Paparella, nata a Bari, la Sardegna come seconda patria, un sardo come suo compagno di vita e insieme hanno scelto Samugheo come cognome d’arte. Il piccolo comune in provincia di Oristano, venti anni fa l’ha proclamata cittadina onoraria e Chiara ha ben meritato questa riconoscenza portando la sua arte fotografica in tutto il mondo nel nome di Samugheo. I premi e le onorificenze sono tantissime e in Italia diventa persino Cavaliere della Repubblica.

 

Prima di partire per Samugheo, la fotografa delle star, racconta la sua avventura di vita in una intervista a Repubblica " per fuggire dalla mia Bari sono diventata Chiara Samugheo" e ancora "ho un sogno: realizzare una Fondazione nella città dove sono nata".

La profonda amicizia con due artisti iglesienti, Angelo e Stefano Cherchi, oggi la conduce a operare nel mondo del volontariato offrendo gratuitamente la sua opera nella realizzazione del catalogo “ARTE PER LA VITA” per fotografare le opere dei giovani studenti delle accademie di belle arti di FOGGIA, FROSINONE, LECCE, MILANO “Brera”, NAPOLI, REGGIO CALABRIA, ROMA, SASSARI, TORINO "Albertina" , VENEZIA, GENOVA, VIBO VALENTIA, VERONA, Capo d’Orlando(ME),SIRACUSA.

Diventa così la Madrina della rassegna d’arte itinerante nelle principali città sarde e italiane, testimonial della promozione della cultura della donazione e trapianto di organi.

I giorni di permanenza ad Iglesias per fotografare i quadri dei giovani artisti in erba sono l’occasione anche per incontrare gli artisti e gli allievi della Associazione Remo Branca (1).

Ma ai ricordi della sua intensa e movimentata vita nel mondo non poteva mancare  il continuo riferimento alla sua vitale esperienza sarda e con essa al comune di Samugheo patria della tradizione e dell’attività tessile.

DALLA CELLULOIDE ALLA SOLIDARIETA’ Chiara Samugheo e Rossella Urru, due esempi di vita per la Sardegna e per l’Italia.

L’INCONTRO A SAMUGHEO

Nasce così l’incontro con gli amministratori di quel comune e con i cittadini per rendere omaggio alla cittadinanza onoraria e per parlare della donazione e trapianto di organi.

Raggiungiamo Samugheo presso il palazzo comunale dove il giovane Sindaco Antonello Demelas e la giunta comunale accolgono Chiara ed i rappresentanti delle due associazioni assieme a volontari e trapiantati.

Il consueto scambio dei doni introduce la manifestazione che è stata preparata nei locali del museo dei tappeti sardi.

 

Dopo i saluti del Sindaco il Presidente dell’Associazione Sarda Trapianti Giampiero Maccioni illustra la situazione della donazione degli organi e dei trapianti come risulta dai dati del Centro Nazionale e Regionale dei Trapianti sottolineando la generosità dei sardi ed invitando però a vigilare perché la lista d’attesa per i trapianti è sempre alta.Fa seguito l’intervento del rappresentante dell’Associazione Remo Branca Stefano Cherchi.

La testimonianza di un trapiantato di rene di Samugheo in rappresentanza dell’Associazione nuorese Donare Donarsi e del Sindaco di Ghilarza hanno completato la prima parte dell’incontro prima di dare la parola a Chiara Samugheo che visibilmente commossa ha ringraziato tutti per la calorosa accoglienza e per i doni ricevuti.

La partecipazione del sindaco di Ghilarza ha suscitato grande emozione per il ricordo del giovane concittadino cardiochirurgo Antonio Carta tragicamente scomparso nell’incidente aereo, otto anni orsono, mentre  con il suo grande primario Alessandro Ricchi portavano un cuore prelevato all’ospedale San Camilllo di Roma per essere trapiantato su un paziente di Cagliari.

Poi i due sindaci hanno proposto una due giorni nei rispettivi centri abitati per parlare della cultura della donazione nelle scuole cittadine con la collaborazione dell’Associazione Sarda Trapianti e le altre associazioni di volontariato locali che si interessano del settore.

ROSSELLA URRU INCONTRA CHIARA SAMUGHEO

Rossella è una volontaria di nostra conoscenza in quanto fra i rifugiati sahrawi  ha saputo impegnarsi con grande serietà e abnegazione.

L'ultima missione del gennaio 2010 a visto impegnati a Rabuni i forlivesi Stefano Clemente, Claudio Cancellieri e Salvatore Ricca Rosellini.(Presidente della nostra Federazione Nazionale LIVER POOL).

Rossella  rientrata da Roma poco dopo la fine  dell’incontro al museo  ha chiesto di incontrarci in casa. Chiara e Rossella si sono abbracciate in religioso silenzio e poi hanno fatto seguito gli abbracci con i genitori.

La commozione era nella pelle e nel cuore di tutti noi : avevamo vicino a noi una ragazza che ha scelto il servizio per gli altri - i più poveri e diseredati di un popolo, emarginato e vilipeso nella sua terra, dal Marocco e dal potere dei popoli ricchi del pianeta terra - rischiando la propria vita.

Le parole sono state poche mentre hanno fatto centro gli sguardi umili e furtivi di questa piccola “grande” donna provocando in tutti noi la riflessione profonda di quanto ci sia e ci resti da fare per mettere una pietra dopo l’altra nella costruzione della giustizia e della liberazione dei popoli dalla miseria, dalla fame e dalla morte.

DALLA CELLULOIDE ALLA SOLIDARIETA’ Chiara Samugheo Rossella Urru (53 foto)

Samugheo 28.08.2012

(1)   Remo Branca, figura eccezionale di uomo e di artista che espresse le sue poliedriche doti fin da giovane: fu infatti giornalista, storico, storico dell’arte, narratore, agiografo, poeta, docente e preside sensibile ed attento alle problematiche didattiche, appassionato cultore di cinema e di documentari, che utilizzava come straordinari strumenti dell’azione educativa fin dal 1936, precorrendo le più moderne teorie pedagogiche e didattiche. Nell’ambito di quest’ultima attività egli divenne così capace ed esperto da ricoprire dal 1958, dopo aver superato brillantemente un pubblico concorso, l’incarico di Direttore del Centro Nazionale per i Sussidi Audiovisivi.

Durante la permanenza a Iglesias Branca svolse una funzione importante sia dal punto di vista scolastico che di quello culturale in generale poiché promosse rilevanti iniziative fra le quali una Mostra Didattica Professionale, unica nel suo genere nella Sardegna di allora che coinvolse tutte le scuole di Iglesias, una Fiera d’arte, che vide la partecipazione dei più importanti artisti dell’isola e alcuni della penisola, una Mostra Bibliografica di notevole rilievo.

 

Giampiero Maccioni

Presidente Associazione Sarda Trapianti  “Alessandro Ricchi”

Segretario Nazionale Federazione LIVER POOL

Via Cattaneo,36 - 09016 Iglesias – tel.fax 0781.30067 

cell.3476106054

www.arteperlavita.it   

http://wwwassociazionesardatrapianti.blogspot.com


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :