Magazine Cultura

Dea moderna

Creato il 28 dicembre 2017 da Renzomazzetti

DEA MODERNA Gli antichi Franchi si radunavano per prendere la parola all'inizio della primavera, quelle assemblee si chiamarono champs de mars. I greci, stretti tra i monti e il mare, sparsi nelle isole con pochi contatti reciproci e con il resto del mondo, si rivolgevano alle sovrumane potenze. In altri tempi il traditore di Gesù, trenta denari, poi si uccise: benedetto rimorso. Dopo ci si vendeva (per quanto, senza rimorso?) per Gerusalemme capitale unica e indivisibile, appoggiando i soldati d'Israele che con la forza occuparono territori, diventando crudeli oppressori dei palestinesi. Prima, le americane bombe atomiche esplose sul Giappone e poi, da cavernicoli, adoratori della globalizzazione, dei mercati e dei giochi in borsa, della moneta ipocrita dea moderna. Divinizzati dollari in vile arma trasformati, criminale ricatto contro l'umanità e la saggezza delle Nazioni Unite. Le ciglia di Giove si agitavano, la sua aquila volava gridando. (Ricordo da un racconto di Maya).

PANE DONATO (parte) *)

Questo pane

sapore particolare

mescola saliva

impasta labbra.

Candela rossa,

tenue fiamma,

con grande calore...

(Ibiskos Editrice Empoli NaturAmica maggio 2005)

*) SACRA DOMENICA

Vedi: LA CONTRONOVELLA (10 Dicembre 2017)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine