Magazine Mondo LGBTQ

Delegazione di Radicali Roma e Radicali italiani stasera attenderà l'arrivo di Vladimir Putin

Da Albamontori @albamontori
Ricevo da  Paolo Izzo e Gionny D'Anna, rispettivamente Segretario e Tesoriere dell'associazione Radicali Roma e membri del Comitato nazionale di Radicali italianiUna delegazione di militanti e dirigenti dell'associazione Radicali Roma e di Radicali italiani sarà questa sera ad attendere l'arrivo di Vladimir Putin nei pressi di Palazzo Grazioli, dove il presidente russo sarà a cena dall'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.  Putin deve rispondere delle gravi limitazioni alle libertà personali che ancora vigono nel suo Paese, a cominciare dall'omofobia imperante e dal pesante trattamento riservato a tutte le persone LGBTI, per proseguire con i casi delle Pussy Riot, tuttora in carcere per aver espresso a modo loro una irriducibile libertà di pensiero, nonché degli attivisti di Greenpeace denominati Arctic30, in attesa di giudizio e forse di pesanti condanne, per aver manifestato pacificamente in difesa del Polo artico. Dal momento che riteniamo non siano questi ultimi i temi che saranno oggetto della conversazione prevista stasera, né delle altre che Putin ha programmato per la sua odierna visita nella Capitale e per quella successiva a Trieste (da papa Francesco a Romano Prodi fino a Enrico Letta), proveremo a ricordarglielo noi, direttamente nella sua lingua madre, aspettandolo fuori dalla residenza dell'amico Silvio Berlusconi con semplici questioni come:  “Свобода для всех из PUSSY RIOT a ARCTIC 30 как для вашего друга BERLUSCONI, господин PUTIN"  (Tutte le Pussy Riot e tutti gli Arctic 30 liberi come il suo amico  Berlusconi, presidente Putin);“Нет гомофобическому насилию, господин PUTIN" (No alla violenza omofoba, presidente Putin); "Cвобода A Ненасилие" (Libertà e nonviolenza); "А права LGBTI, мистер PUTIN?" (E i diritti LGBTI, mister Putin?)<a href="http://www.facebook.com/people/Alba-Montori/725928608">Profilo Facebook di Alba Montori</a>

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog