Magazine Cultura

Dell'incipit folgorante, ovvero: "Una mattina dalle parti di Lecco"

Creato il 28 giugno 2011 da Mirco
Sono un nemico degli incipit forti. Sono tra coloro che pensano che sia ridicolo giudicare un romanzo dalla prima frase o dalle prime righe.
La rete non è scevra di nefandezze pseudointellettuali e una di queste è proprio questa assidua, asfissiante e ridicola campagna a favore dell'incipit forte, della frase che fa cadere dalla sedia (elettrica secondo molti esordienti) intere legioni di editor e lettori dediti alla scelta dei manoscritti da pubblicare.
Non è raro, quindi, che quando leggo un nuovo romanzo o racconto mi accorgo di chi sia figlio di questa strana concezione della narrativa: giudicare un romanzo dalla prima fase è come tentare di imbastire il profilo psicologico di una persona in base alla fisionomia; sarebbe come giudicare una persona dall'abito o soltanto a pelle: quella persona mi è antipatica... punto; e poi ha un naso così storto, gli occhi tronfi; una mascella volitiva che a mio parere indica sopraffazione ed egoismo.
Sempre più spesso leggo sia in rete che su carta incipit folgoranti, frasi ad effetto, improbabili metafore che, secondo certe teorie, dovrebbero portare il lettore direttamente al centro della narrazione e dovrebbero far saltar dalla sedia l'editor di turno (neanche fosse un ordigno esplosivo, come vorrebbero alcuni).
Dopo l'incredibile incipit... il nulla. Un'accozzaglia di frasi inutili e sgrammaticate, svogliate, pigre e raffazzonate. Credo di aver finito gli aggettivi altrimenti avrei continuato. Il manoscritto diventa una maratona che lo scrittore (esordiente e non (ohibò)) tenta di correre con i tempi dei cento metri piani.
Stiamo rischiando di avere una generazione di scrittori,la prossima, che scriverà incredibili incipit seguiti da un nulla culturale e grammaticale che imbarazzerebbe chiunque; scrittori che pensano che l'incipit sia metà del  lavoro, che basti quello per avere una pubblicazione assicurata. Chi scrive deve guardare il tutto, non soltanto il particolare; non certamente l'incipit. Così come l'editor che giudica un libro dalla prima frase forse non è l'editor a cui nessuno vorrebbe affidare il proprio manoscritto.
Cito la frase che mi ha fatto venir voglia di scrivere questo post. E' tratta dal numero 56 di Leggere tutti in cui c'è un lungo dossier per esordienti. Parla Chiara Valerio, consulente editor di Nottetempo.
La mia regola base nell'affrontare un testo è guardarne solo il titolo. Nome ed età dell'autore non devono condizionarmi. La seconda è leggerlo tutto senza cercare folgorazioni nelle prime dieci righe.

E cito anche Umberto Eco che in Diario minimo fa parlare il lettore di una casa editrice che con occhio moderno cestina ineluttabilmente i Promessi sposi di Manzoni
Basti aprire la prima pagina e vedere quanto l'autore ci mette a entrare nel vivo delle cose, con una descrizione paesaggistica dalla sintassi irta e labirintica, tale che non si riesce a capire di che parli mentre sarebbe stato tanto più spiccio dire, che so, "Una mattina, dalle parti di Lecco...". Ma tant'è, non tutti hanno il dono di raccontare, e meno ancora hanno quello di scrivere in buon italiano

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una Canzone, una band – U2

    Gli U2 sono una band nata nel 1976 a Dublino, in Irlanda. Già dagli inizi sono considerati la rockband migliore del paese, grazie ad una attività live che... Leggere il seguito

    Da  Videosmusic
    CULTURA, MUSICA
  • Una Canzone, una band – New Order

    I New Order sono una band inglese nata nel 1980 dalle ceneri dei Joy Division, dopo la morte del cantante Ian Curtis. Da subito si distaccano dalla band in cui... Leggere il seguito

    Da  Videosmusic
    CULTURA, MUSICA
  • Una Canzone, una band – Madness

    I Madness sono una band inglese nata nel 1976. Composta da sette elementi, furono la prima band ska ad avere una certa notorietà. Leggere il seguito

    Da  Videosmusic
    CULTURA, MUSICA
  • Una recensione...

    Proviene dal Garage di Demetrio. Una recensione attenta e profonda... che evidenzia le pecche di Eva e, fortunatamente, anche i suoi pregi. Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Una Canzone, una Band – Def Leppard

    I Def Leppard sono un gruppo rock inglese formatosi nel 1977. Dopo un periodo di ricerca del sound, più leggero rispetto agli altri componenti della “New Wave O... Leggere il seguito

    Da  Videosmusic
    CULTURA, MUSICA
  • Una Canzone, una Band – Metallica

    I Metallica sono un gruppo statunitense nato nel 1981. La premessa, molto importante e sorprendente, è che i Metallica sono la band/artista che ha venduto più... Leggere il seguito

    Da  Videosmusic
    CULTURA, MUSICA
  • Una candidatura

    Stasera da Lilli Gruber, a 8½, erano ospiti due amministratori pubblici veneti: Leonardo Muraro, presidente della provincia di Treviso; e Alessandra Moretti,... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines