Magazine Informatica

Denuvo crackato in meno di una settimana su Resident Evil 7

Creato il 01 febbraio 2017 da Angariblog
Denuvo crackato in meno di una settimana su Resident Evil 7Denuvo crackato in meno di una settimana su Resident Evil 7

Una versione "crackata" di Resident Evil 7 apparsa online nel weekend offerta da CPY a meno di una settimana dal suo rilascio al pubblico avvenuto il 24 gennaio. Una situazione che fa notizia perch il videogioco di Capcom utilizza il DRM Denuvo, che solamente un anno fa veniva considerato talmente inespugnabile che il gruppo 3DM aveva dichiarato di voler lasciare la scena temporaneamente per via delle difficolt riscontrate nelle operazioni di cracking.

Da allora, per, pi di 20 titoli che utilizzano Denuvo sono stati crackati da vari gruppi, come lo stesso 3DM, o anche CPY, e altri e fra i titoli pi importanti citiamo nomi del calibro di Doom o Rise of the Tomb Raider. La questione Resident Evil 7 spicca per per la rapidit con cui stato pubblicato il crack dopo il rilascio del gioco: a CPY sono serviti solamente pochi giorni, laddove l'anno scorso nemmeno in mesi si riuscivano a scardinare le difese dell'impenetrabile DRM.

Denuvo si basa su elementi inseriti nell'eseguibile del videogioco in maniera diversa per ogni titolo. questo, principalmente, a rendere difficile l'esecuzione del crack e praticamente impossibile il rilascio di un tool generico che pu essere implementato rapidamente su tutti i titoli adattandosi dinamicamente. L'operazione di cracking di un titolo protetto da Denuvo richiede lavoro specifico e la ricerca manuale all'interno dei dati del gioco per rintracciare ogni sua traccia e superarlo.

Un processo che in passato richiedeva da un minimo di alcune settimane, fino ad arrivare a parecchi mesi per alcuni titoli e il caso Resident Evil 7 potrebbe rappresentare un traguardo importante per la pirateria, con un possibile forte impatto anche per quanto concerne tutta quella parte del settore videoludico che si basa su Denuvo come sistema di protezione.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :