Magazine Attualità

Diario d’estate: Alla ricerca di Gaëtan, sulla spiaggia di Saint-Clair

Creato il 26 agosto 2013 da Rosariopipolo

Diario d’estate: Alla ricerca di Gaëtan, sulla spiaggia di Saint-Clair

Rosario Pipolo
Sulla spiaggia di Saint-Clair, a Le Lavandou, hanno lasciato un nome scritto sulla sabbia: Gaëtan. Il sole era spuntato da qualche ora sulla costa meridionale della Francia e non si vedeva anima viva. In lontananza c’era solo un vecchio scorbutico che camminava in riva al mare con un paio di baguette sotto braccio. Era forse lo stesso uomo di cui hanno scritto il nome sulla spiaggia? Lui diceva di no. Gaëtan, sarto del Sud Italia espatriato in Francia alla fine degli anni ’50, diventò autista di autobus. Fu lì che conobbe, quarant’anni dopo, Noëlla. Gaëtan non diventò francese quando lo stato d’oltralpe gli francesizzò il nome, ma appena Noëlla e i suoi 6 figli lo vestirono di amore, restituendogli il significato di famiglia.

Ci sono tanti modi per dare e restituire amore. Eccone uno. Mi sono messo alla ricerca di Gaëtan, camminando a piedi nudi sulla spiaggia di Saint-Clair. Ho passato le prime vacanze dei 40 anni a cercarlo ogni giorno per farmi raccontare come fosse cambiata la sua vita laggiù. Non lo avevo visto invecchiare e lo immaginavo sospeso nel tempo come una comparsa del mio romanzo, che portava il suo stesso nome.

Durante questi quindici giorni intensi, ho incrociato diverse persone che, avvistandomi, mi ripetevano la stessa cosa: “Gaëtan non lo troverà, se non in ciò che ciascuno di noi ti regalerà”. C’era chi mi offriva un panorama, chi un pezzo di formaggio o di salame, chi un ricordo o un bicchiere di vino, chi un soffio di vento o una vecchia fotografia. Tutti questi doni erano appartenuti a lui. Ognuno di loro aveva conosciuto Gaëtan e provava a restituirmelo attraverso un odore, un sapore, una libellula della memoria.

Qualcuno addirittura diceva che gli assomigliavo, in quel mia maniera di “far famiglia” con chiunque mi capitasse davanti. Alla fine del mio viaggio sono finito al Camping Le Marmier di Le Lavandou. In una piccola aiuola tutti i campeggiatori avevano seminato un fiore per ricordare Gaëtan e lì ho trovato una copia del mio romanzo, che Gaëtan non aveva finito di leggere. A pagina diciotto aveva messo come segnalibro una foto ingiallita che lo ritraeva assieme ad un bambino occhialuto. Il marmocchio ero io. Quell’immagine ha fatto scivolare via la vigliaccheria che mi aveva impedito di arrivare in quel posto in tempo per abbracciarlo l’ultima volta. Poi mi sono ricordato le parole che gli avevo sussurrato subito dopo quello scatto: “Zio Gaetano, torna presto. Quando sarò più grande voglio passare tutta l’estate con te”.

Questa è stata l’estate mia e di Gaëtan. Io non sono più un bambino, ma un uomo dai capelli brizzolati. E lui è diventato una scritta sulla sabbia, lì sulla spiaggia di Saint-Clair.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Varie dal diario

    Ultimamente faccio solo post cumulativi.Non vi dico il lavoro cos'è, un massacro, un intoppo dietro l'altro, problemi tecnici, logistici, economici, tutto. Leggere il seguito

    Da  Slela
    FAMIGLIA, MATERNITÀ, SOCIETÀ
  • Diario de campaña

    Diario campaña

    Sarà proprio lui, "El Viejo", "Il Vecchio", come lo chiamano a dispetto dei suoi soli 39 anni, lui, Cipriano Mera, antimilitarista fervente, il più convinto... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • FILM. Benvenuti A Saint Tropez

    FILM. Benvenuti Saint Tropez

    A causa di una strana coincidenza, il funerale della moglie di Zen si celebra lo stesso giorno in cui si sposa la figlia di Roni. Leggere il seguito

    Da  Cortese_m
    ATTUALITÀ, OPINIONI
  • Diario dalla corsica /2

    Diario dalla corsica

    8 agosto 2013Oggi ho finito il secondo libro dall’11 luglio e ho iniziato Infernodi Dan Brown, consigliato e prestato da mio zio, che ho iniziato oggi e di cui... Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    SOCIETÀ
  • Diario dalla corsica /3

    Diario dalla corsica

    10 agosto 2013relax a LozariNuovamente cielo blu e terso, sgombro di qualsivoglia patina bianca, dopo una due giorni di nuvole, con vento e pioggia notturni... Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    SOCIETÀ
  • Diario dalla corsica /5

    Diario dalla corsica

    14 agosto 2013Plage de l'OstriconiGiorni di rilassamento completo, quelli passati.Il nostro impegno primario, come da dieci giorni a questa parte, è nessuno. Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    SOCIETÀ
  • Caro Diario... #4

    Caro Diario...

    06:15 a.m. Mi sono svegliata prestissimo perchè ieri sono crollata appena dopo cena, dopo aver dovuto prendere antistaminici e cortisonici per una specie di... Leggere il seguito

    Da  Theshabbylabels
    LIFESTYLE, MODA E TREND