Magazine Attualità

Diario di viaggio: sotto l’albero di Tonino

Creato il 12 dicembre 2011 da Rosariopipolo

Diario di viaggio: sotto l’albero di Tonino

Diario di viaggio: sotto l’albero di Tonino
L’ultima volta che entrai in quella camera da letto sarà stato una trentina d’anni fa. Sul comodino a sinistra del letto c’era una copia dell’Espresso, su quello a destra un foglio scarabocchiato. Io, Gabriele e Dino ci nascondemmo lì. Non volevamo farci trovare dai nostri genitori. Volevamo continuare a giocare. Era una domenica sera e di andare a scuola il giorno dopo non se ne parlava proprio.
Ci sono tornato dopo troppi anni. Lui era steso lì, immobile e ho sperato che aprisse gli occhi e mi dicesse:” Lasciamo perdere la chimica, lo so che non te ne frega niente. Piuttosto andiamo in cucina e facciamo merenda. Pane e pomodori, cosa ne dici?”

Ho cercato di resistere, ma non ci sono riuscito. Lui era immobile in quel letto e mi è venuto un groppo in gola. I ricordi hanno messo lo sgambetto all’infamia della morte e mi hanno travolto: erano milioni, scattanti, prepotenti e pronti ad aggredire la convinzione umana che la morte decomponga il cerchio dei rapporti umani.
Poi mi sono staccato dalla compostezza del corteo funebre e dalla ritualitá. Ho cercato di ricordare la strada per arrivare in campagna. Era passato troppo tempo, mi sono perso. Il paesaggio era cambiato, dei vecchi contadini neanche l’ombra, ma l’albero di Tonino era stato l’unico a rimanere intatto. Lì sotto ho ritrovato l’ultimo segreto svelatomi dalla terra che mi ha allevato: un sottile filo d’olio scivola su un pomodoro. Poi un pizzico di sale e origano danno sapore all’ortaggio. Quella non era una ricetta – gli uomini si affannano per la ricetta della felicità – ma il segreto che Tonino mi aveva lasciato durante quella merenda: si vive per restituire alla nostra esistenza la semplicità con cui la madre Terra ci ha generati.

Io ero all’opposto della generazione di Tonino, eppure nei miei vagabondaggi di questo mio esilio volontario ho scoperto finalmente la scorciatoia che mi ha riportato sotto quell’albero. Ed è stato lì che mi sono ricordato cosa ci fosse scritto su quel foglietto scarabocchiato, dimenticato sul comò trent’anni prima: “Tonino, non fare tardi. Ti aspettiamo. Ci siamo tutti per cena. Porta il pane. Ti amo. Annamaria.”

 

Diario di viaggio: sotto l’albero di Tonino

 Gino Paoli, Annamaria


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Indifferentemente...Tonino

    Indifferentemente...Tonino

    La conclusione del discorso che andiamo facendo da quando Di Pietro ha deciso di “darsi una svolta”, sta tutta nelle parole di Enrico Letta contenute in una... Leggere il seguito

    Da  Massimoconsorti
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Diario di un incontro

    Diario incontro

    Con la testa ancora in Africa accetto volentieri l’invito del signor Borluzzi di condividere in parte con voi l’esperienza unica che ho vissuto. Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Diario del pendolare

    Diario pendolare

    “Lunedì 14 novembre 2011” C'erano tutti i presupposti per far si che almeno oggi andasse tutto bene. Ovviamente, l'imprevisto è sempre dietro... Leggere il seguito

    Da  Scioui
    ATTUALITÀ
  • Diario di un disoccupato

    Diario disoccupato

    Terra, data terrestre 05 – 01 – 2012, immerso nei meandri di siti, annunci, proposte, mi fermo, raccolgo il respiro e faccio il punto. Il punto è che dopo due... Leggere il seguito

    Da  Scioui
    ATTUALITÀ
  • Il demagogico Tonino

    Potrebbe essere il protagonista di una nuova striscia di fumetti, oppure solo il personaggio di una rubrica vignettistica, un po’ come “Il tenero Giacomo”... Leggere il seguito

    Da  Anima_salva
    SOCIETÀ
  • Diario inatteso

    Ho scoperto che nonna Eivor ha tenuto un diario dei giorni in cui eravamo in Argentina. Ha scritto che tempo ha fatto, cos'hanno mangiato le bimbe, a che ora... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Si è spento il poeta Tonino Guerra

    spento poeta Tonino Guerra

    Si è spento all' età di 92 anni, il poeta Tonino Guerra. Ripercorriamo la sua vita, con la sua biografia tratta da Wikipedia.Articolo da Wikipedia,... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ