Magazine Società

Disoccupazione mondiale. Sono 93 milioni i lavoratori disoccupati nelle nazioni del G20

Creato il 20 luglio 2013 da Coriintempesta

di: Michael Snyder

disoccupazioneSapevate che il numero totale dei lavoratori disoccupati nei paesi del G20 è pari a 93 milioni e che è in continuo aumento ogni giorno che passa? Vedete, la verità è che gli Stati Uniti non sono gli unici a doversi confrontare  con una sistemica crisi della disoccupazione. Questo è ciò che sta letteralmente accadendo in tutto il pianeta. Quindi quale è il motivo che sta causando questa crisi? Esiste qualche speranza di recupero? Beh, purtroppo ci sono diverse tendenze a lungo termine che si sono sviluppate per decenni e che hanno giocato un ruolo importante nel portarci a questo punto. Prima di tutto, le grandi multinazionali che ormai dominano totalmente l’economia mondiale hanno capito che possono fare molti più soldi sostituendo i lavoratori costosi che vivono nelle maggiori nazioni industrializzate con i lavoratori che vivono in paesi dove è legale pagare salari da schiavi. Non è quindi un grande mistero il motivo per cui c’è un problema enorme con la disoccupazione nel mondo occidentale. Se si gestisce una multinazionale, perché si dovrebbero assumere lavoratori che costeranno  dalle 10 alle 20 volte di più di altri lavoratori? Un lavoratore è un lavoratore, e negli ultimi dieci anni abbiamo assistito ad un massiccio movimento di posti di lavoro in paesi dove la manodopera costa meno. Inoltre, le grandi aziende stanno anche cercando di eliminare completamente il maggior numero possibile di posti di lavoro tramite l’utilizzo della tecnologia. Se attraverso una macchina o un robot si può avere lavoro a costi più bassi di quelli necessari per pagare un lavoratore umano, allora perché una società dovrebbe continuare a fare affidamento sull’uomo? E, ovviamente, abbiamo visto anche un indebolimento complessivo delle economie del mondo occidentale negli ultimi anni. Questo è stato particolarmente vero negli Stati Uniti. E mentre queste tendenze di lungo periodo si intensificano, la crisi occupazionale in tutto il mondo continuerà sempre più ad aggravarsi.

Infatti, il direttore generale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro è pienamente convinto che la disoccupazione è destinata a crescere nelle nazioni del G20. Basta verificare che cosa ha detto alla CNBC …

 

La disoccupazione è probabile che continuerà a crescere ulteriormente nel gruppo delle 20 grandi potenze economiche se non si intraprende un’azione immediata, ha riferito Guy Ryder, direttore generale dell’ Organizzazione Internazionale del Lavoro alla CNBC , confrontando la crisi occupazionale della crisi finanziaria del periodo 2008-2009 e avvertendo che tale problematica deve essere affrontata con urgenza.

“Abbiamo fatto passi indietro. E’ abbastanza allarmante osservare… che la disoccupazione non è calata, anzi, in realtà, è cresciuta,” ha detto Ryder alla CNBC durante la riunione dei ministri delle finanze del G20 a Mosca.

Ha poi aggiunto che ci sono attualmente 93 milioni di persone disoccupate nei paesi del G20.

E quando coloro che vivono nelle nazioni del G20 perdono il lavoro, tendono a rimanere senza occupazione per un tempo molto lungo. Infatti il 30 per cento dei lavoratori disoccupati nei paesi del G20 sono rimasti senza lavoro per un anno o più.

I paesi più industrializzati di tutto il pianeta non sono più in grado di produrre abbastanza posti di lavoro per i loro popoli. In molti “paesi ricchi”, il tasso di disoccupazione è già salito a due cifre. Basta prendere in considerazione i seguenti numeri …

-Il tasso di disoccupazione è superiore al 25 per cento in Sud Africa.

-Il tasso di disoccupazione in Francia ha recentemente raggiunto un massimo che non si vedeva da quasi quindici anni .

-Il tasso di disoccupazione in Italia è  al 12,2 per cento , che è il più alto in 35 anni.

-Il tasso di disoccupazione nella zona euro nel suo complesso si attesta ad un massimo storico del 12,2 per cento .

-Il tasso di disoccupazione in Polonia è del 13,2 per cento .

-Il tasso di disoccupazione in Irlanda è ora del 13,6 per cento .

-Il tasso di disoccupazione in Portogallo è schizzato fino al 17,7 per cento .

-Il tasso di disoccupazione in Grecia è attualmente al 26,9 per cento , e, secondo alcune proiezioni, raggiungerà presto il 30 per cento.

-Il tasso di disoccupazione in Spagna è ancora peggio che in Grecia. Siamo ad uno sbalorditivo 27,2 per cento .

Purtroppo, sembra che le cose non si rimetteranno sulla strada giusta almeno in tempi brevi. In realtà, la fiducia delle imprese  è ora la più bassa  dall’ultima recessione .

E per quanto riguarda gli Stati Uniti?

Beh, è ​​vero che i nostri numeri ufficiali non sembrano così gravi come quelli della gran parte del resto del mondo. Ma il tasso ufficiale di disoccupazione negli Stati Uniti è rimasto al 7,5 per cento o superiore per 54 mesi di fila. Rappresenta il tratto più lungo nella storia degli Stati Uniti.

Ma almeno non si sono ancora raggiunti valori a due cifre.

Le cose però potrebbero andare peggio.

Tuttavia, questo non significa che stiamo facendo bene.

I media mainstream stanno tentando di convincerci che vada tutto bene , perché il tasso di disoccupazione è stato “in discesa”, ma quando si da uno sguardo più approfondito ai numeri si vede che questa non è esattamente una valutazione accurata della nostra situazione.

Come ha recentemente sottolineato il New York Times , il calo del tasso di disoccupazione può essere quasi interamente rappresentato da un calo del tasso di partecipazione al lavoro…

Facciamo un passo indietro. Moltissime persone hanno perso il proprio posto di lavoro durante la Grande Recessione. In seguito, la grande sorpresa è stato osservare quanti pochi siano alla ricerca di nuovi posti di lavoro. La partecipazione della forza lavoro, la quota di adulti che lavorano o che cercano di trovare un lavoro, è rimasta ferma a circa il 63,5 per cento, quasi tre punti percentuali al di sotto del livello pre-recessione.

Il tasso di disoccupazione è sceso quasi del tutto a causa di questo declino della partecipazione della forza lavoro. In altre parole, la disoccupazione non è scesa perché le persone trovano lavoro. E ‘ diminuita  perché meno persone sono alla ricerca di un’ occupazione.

Per avere un quadro più preciso di ciò che sta realmente accadendo con l’occupazione in America, è necessario guardare al tasso di occupazione-popolazione. Si tratta di una misura della percentuale della popolazione attiva che sta effettivamente lavorando. Come si può vedere, la percentuale di americani in età lavorativa che in realtà hanno un posto di lavoro è in calo dal 2000 …

disoccupazione

Quindi non c’è stata alcuna ripresa dell’occupazione.

Quando i grandi media raccontano che i numeri dell’ occupazione di giugno erano “favolosi”, significa non essere onesti. La verità è che il tasso di disoccupazione è aumentato in 28 stati degli USA ed è sceso solo in 11 stati nel mese di giugno, e come ho detto ieri , l’economia degli Stati Uniti  ha in realtà perso 240.000 posti di lavoro a tempo pieno il mese scorso.

Quindi le cose non stanno migliorando affatto, e i problemi della disoccupazione negli Stati Uniti e in Europa continueranno probabilmente a peggiorare negli anni a venire.

Questa è una pessima notizia per la maggior parte di noi, perché l’unica cosa che la maggior parte di noi ha da offrire sul mercato è il lavoro.  Sembra quasi come se stessimo tutti giocando al gioco delle sedie musicali. Ogni volta che la musica si ferma, si tolgono le sedie (posti di lavoro) e qualcuno resta in piedi.

Potreste essere in una buona situazione al momento, ma che cosa accadrà quando un giorno improvvisamente si fermerà la musica  e resterete estromessi dal gioco, in piedi e senza sedia? 

Questa è una cosa a cui si potrebbe iniziare a pensare.

LINK: Worldwide Unemployment Crisis: There Are 93 Million Unemployed Workers In G20 Nations

DI: Coriintempesta


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog