Magazine Ecologia e Ambiente

Disponibile on line il manuale CNSAS “Tecniche di soccorso in grotta”

Creato il 27 maggio 2016 da Andrea Scatolini @SCINTILENA

Disponibile on line il manuale CNSAS “Tecniche di soccorso in grotta”

Il CNSAS ha predisposto una pagina per scaricare gratuitamente il manuale di tecnica di Soccorso.
Ti ricordiamo che le attività e le tecniche contenute nel manuale che stai per scaricare sono per natura pericolose per la propria e l’altrui incolumità ed esoneri il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico per qualsiasi danno e/o incidente causato dall’utilizzo delle stesse.

Gli interventi di soccorso in grotta non sono fortunatamente molto frequenti ma, quando capitano, le relative operazioni si protraggono quasi sempre a lungo e con una complessità tale da dover coinvolgere necessariamente tecnici provenienti da varie parti d’Italia.

Da questa considerazione nacque molti anni fa la necessità di uniformare su tutto il territorio nazionale le tecniche e la preparazione dei membri della nostra organizzazione, uniformità che tutt’ora è il vero punto di forza del Soccorso Speleologico italiano.

Certamente questo lavoro mette un punto fermo sulle tecniche attualmente in uso nel soccorso speleologico ma, com’è tradizione nel CNSAS, va sempre considerato come un “punto e a capo” da cui ripartire per gli sviluppi futuri.

Tutti i contenuti del manuale sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Tuttavia ti chiediamo, se dovessi utilizzare parte dei contenuti, di comunicarcelo

La Scuola Nazionale Tecnici di Soccorso Speleologico

Scarica qui il manuale: https://formazione.cnsas.it/scarica/manuale/soccorso-speleo/

potrebbe interessarti anche:


  • Disponibile on line il manuale CNSAS “Tecniche di soccorso in grotta”
  • libro “Speleo per tutti” a nuova vita digitale
  • La scoperta dell’Homo Naledi su BULLETIN OF THE SOUTH AFRICAN SPELAEOLOGICAL ASSOCIATION
  • Nuovo eBook sulle grotte irlandesi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :