Magazine Cucina

Dolci di Pasqua: le migliori uova e colombe di Milano (e dintorni)

Da Giorgia G.
Dolci Pasqua: migliori uova colombe Milano dintorni)Dolci di Pasqua: le migliori uova e colombe di Milano (e dintorni)

Una Pasqua diversa dal solito, ma #IoNonRinuncioAlleTradizioni, come recita la nuova campagna dell'Unione Italiana Food per sostenere i piccoli artigiani. E allora ecco i migliori dolci di Pasqua del Nord Italia

Pasqua in arrivo, a tutto delivery. Già perché anche se siamo costretti a stare a casa, è nostro dovere di italiani onorare le tradizioni. Anche se ogni giorno sembra scorrere sempre uguale, santifichiamo questa festa all'insegna dell'artigianalità. Se i negozi sono chiusi i grandi pasticceri non si sono arresi, le loro colombe possono arrivare direttamente a casa, basta un click (ma prenotate con un po' di anticipo). Proprio per sostenere le piccole imprese e i pasticceri che non rinunciano a produrre il dolce per eccellenza della Pasqua è appena stata lanciata la campagna #IoNonRinuncioAlleTradizioni dall'Unione Italiana Food per incentivarne i consumi. Cambia solo la forma e la glassatura, ma la ricetta è la stessa dell'amato panettone natalizio, invenzione meneghina per eccellenza. Ecco la nostra mappa per tracciare le migliori colombe e uova di Pasqua del nord Italia, a caccia di artigiani gourmet.

Le migliori colombe del Nord Italia

Tra le classiche quella de La Martesana di Milano, che proprio quest'anno compie 50 anni: 48 ore di lievitazione per il maestro Enzo Santoro, che quest'anno lancia anche i "fiori di pesca" ripiena di confettura.

Dario Loison, nella sua pasticceria dal 1969 a Costabissara (Vi) quest'anno punta tutto sul packaging con la nuova cappelliera, che ricorda un lusso tutto Settecentesco, studiata come sempre dalla moglie Sonia, che contiene una colomba classica da 1 kg. Appena sarà possibile consigliamo una visita al "Museo del Gusto dell'arte della panificazione e della pasticceria artigianale" dove vedere la collezione a tema sui lievitato delle feste e alla sua storia che viene ripercorsa attraverso documenti, cartoline, locandine, manifesti, giornali, riviste e le antiche cappelliere porta panettone di una volta.

Innovativa la colomba di Filippi di Zanè (Vi): neanche una goccia di burro, i fratelli Andrea e Lorenzo Filippi sostituisco nell'impasto tutti i grassi con olio extravergine di oliva di qualità, una DOP dei Monti Iblei.

Il Pasticcere Claudio Gatti di Pasticceria Tabiano a Tabiano Terme (Pr) crea una colomba "bright", unione degli aggettivi light, "leggero" e bright, "chiaro", naturale, biologico: solo zuccheri naturali e biologici, 36 ore di lievitazione, niente sale nell'impasto e un contenuto di grassi persino inferiore al disciplinare (solo l'11,3% contro il 16% minimo di contenuto lipidico per l'uso del termine "panettone" per la formula natalizia).

Daniele Lorenzetti della Pasticceria Lorenzetti di San Giovanni Lupatoto (Vr) propone una colomba totalmente integrale con zucchero moscovado e albiccocche semi candite.

Ma anche gli chef si cimentano, con successo, nella produzione di colombe, è il caso di Giovanni Ricciardella di Cascina Vittoria a Rognano (Pv) che usa i tuorli delle sue oche : lievito madre e tutti i prodotti reperiti a chilometro zero rispettano i ritmi della natura per una lievitazione di 36 ore come secondo tradizione.

Il pastry chef Luca Zucchini nell' AtelieReale insieme a Gian Piero Vivalda dell'Antica Corona Reale** di Cervere (Cn) quest'anno presentano, dopo aver inaugurato un laboratorio proprio per la panificazione e pasticceria nel 2016 accanto al ristorante, la "colomba reale" al Moscato d'Asti DOCG.

Le migliori uova del nord Italia

Paola e Fabio Bergaglio sono tra i cioccolatieri piemontesi più conosciuti e dopo il progetto Bean to Bar con cui Bodrato ha portato a Novi Ligure il meglio delle fave di cacao del pianeta e diventa chocolate maker, nascono Uova Tropico 70% e Uova Tropico 90% realizzate dai tre mono origine Tanzania, Perù e Repubblica Domenicana in due percentuali diverse oltre a due uova realizzate per i collezionisti.

Opere d'arte che dalle mani del pastry chef di Peck Galileo Reposo da Milano arrivano a tutta Italia, realizzate con un blend di fave di cacao provenienti da piantagioni equatoriali, le "Artegg" sono quattro versioni ispirate a diversi tratti e stili di pittura, con figure geometriche e pennellate di colore dalla forte carica espressiva, dove il cioccolato diventa colore su tela.

Enrico Rizzi a Milano, storica boutique che lavora il cioccolato, consegna gratuitamente nella città meneghina, tra le sue creazioni in stile da alta scuola francese, l'uovo marmorizzato in stile "oro antico" , "l' arlecchino" fondente spazzolato, decorato con dischetti di allegro cioccolato colorato e l'" uovo gelatina" decorato con gelatine di frutta e di agrumi.

Ernst Knam a Milano, il re del cioccolato, dedica ogni anno un uovo a un personaggio delle fiabe, è la volte di pinocchio, fondente o al latte, può essere personalizzato a proprio piacimento con tre diversi nasi intercambiabili di diversa lunghezza e tipologia di cioccolato.

Per gli inguaribili amanti del light, anche a Pasqua, la pasticceria Grezzo Raw Chocolate con sedi a Roma e Milano lancia l'unico uovo di cioccolato crudo biologico dolcificato con zucchero di cocco, un concentrato di nutrienti essenziali ed in particolare di flavonoidi con il vantaggio di un indice glicemico molto basso: "cioccolato crudo e zucchero di cocco biologici, superfood amici della salute" come racconta Nicola Salvi, il fondatore.

Da Marchesi 1824 a Milano le uova tradizionali sono impreziosite da fini decori in alto-rilievo in ghiaccia reale e pasta di zucchero - eseguiti a mano - su una base di cioccolato fondente, al latte oppure bianco.

Da Eataly Smeraldo, a pochi passi dalla movida di Corso Como a Milano, un uovo "stratosferico" di nome e di fatto: cioccolato al latte e paste di Meliga, i tipici biscotti della tradizione piemontese a base di farina di mais. Tra due strati di cioccolato al latte un goloso strato di crema spalmabile arricchita da pezzetti di paste di Meliga di Golosi di salute.

Tra i 100 giovani talenti italiani under 30 per Forbes, Nicolò Moschella nel suo laboratorio a Cornaredo (Mi) utilizza solo il cacao Fino de Aroma di origine colombiana, tra i più pregiati al mondo. Il suo uovo al latte impreziosito con gemme di cioccolato, arancia candita, pistacchi e mandorle e da esposizione.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog