Magazine Cultura

Domande che fanno cadere le braccia /1 “Posso spammare che ho pubblicato il mio romanzo?

Da Marcofre

Domande che fanno cadere le braccia /1 “Posso spammare che ho pubblicato il mio romanzo?

Marco freccero

" data-orig-size="647,696" sizes="(max-width: 142px) 100vw, 142px" data-image-title="marco freccero" data-orig-file="https://marcofreccero.files.wordpress.com/2017/03/marco-freccero.jpg" data-image-meta="{"aperture":"0","credit":"","camera":"","caption":"","created_timestamp":"0","copyright":"","focal_length":"0","iso":"0","shutter_speed":"0","title":"","orientation":"1"}" width="142" data-medium-file="https://marcofreccero.files.wordpress.com/2017/03/marco-freccero.jpg?w=279" data-permalink="https://marcofreccero.com/2017/03/13/1000-autentici-fans-e-realistico-oppure-e-utopia/marco-freccero/" alt="foto marco freccero" height="152" srcset="https://marcofreccero.files.wordpress.com/2017/03/marco-freccero.jpg?w=142&h;=152 142w, https://marcofreccero.files.wordpress.com/2017/03/marco-freccero.jpg?w=284&h;=304 284w, https://marcofreccero.files.wordpress.com/2017/03/marco-freccero.jpg?w=139&h;=150 139w, https://marcofreccero.files.wordpress.com/2017/03/marco-freccero.jpg?w=279&h;=300 279w" class=" wp-image-10596 alignleft" data-large-file="https://marcofreccero.files.wordpress.com/2017/03/marco-freccero.jpg?w=584" />

di Marco Freccero. Pubblicato suYouTube il 26 marzo 2020. Ripubblicato su questo blog nel medesimo giorno.

Sul mio canale YouTube inizio una piccola rubrica (non so quanto “regolare”), dedicata a replicare a certe domande che mi capita di incrociare. Domande poste da autori indipendenti e che… Fanno cadere le braccia.

Buona visione e buona lettura.

Iscriviti al mio canale YouTube.

“Posso spammare che ho appena pubblicato su Amazon il mio romanzo?”. No.

Ho intenzione di inaugurare una piccola rubrica dedicata all’autopubblicazione. E alle domande assurde che ancora adesso, nel 2020, vedo riproporsi con puntualità. E quando mi imbatto in una domanda del genere: “Posso spammare che ho appena pubblicato su Amazon il mio romanzo”, mi chiedo: Ragazzi, ma dove vivete esattamente? Non sul pianeta Terra, non nel continente europeo, non in quello sfortunato Paese a forma di stivale che chiamano: Italia.

Mettiamo un punto fermo: secondo la Cassazione lo spam non è un reato se il destinatario non subisce un danno effettivo, reale e attuale. Questa è la definizione corretta che ho trovato in Rete.

Di sicuro di tutti i sistemi che un autore o un’autrice ha in mano per far conoscere la propria opera, lo spam è il più inutile. Un autore indipendente deve avere un solo obiettivo: creare una conversazione con i suoi potenziali lettori. Come tutti gli obiettivi ambiziosi, questo richiede tempo e applicazione. Perché non lo puoi fare ogni tanto, ma occorre cercare di essere “regolari”.

E poi c’è bisogno di tempo. Si crede che lo spam permetta di ridurre questo tempo perché probabilmente si considera il proprio libro un mezzo come un altro per fare soldi. Quindi provo quei due o tre trucchetti che in breve tempo mi faranno scalare la classifica di Amazon.

Che ci siano trucchi, è evidente. Alcuni autori statunitensi per esempio compravano un mucchio di recensioni per attirare i potenziali lettori. Quei siti in parte sono stati chiusi, oppure sono stati trascinati in tribunale da Amazon.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog