Magazine Salute e Benessere

Domenica 22 marzo: giornata mondiale dell'acqua

Creato il 22 marzo 2020 da Lasfinge @micamenefrega

Domenica 22 marzo: giornata mondiale dell'acqua

Foto di Vin.cen

Dal 1992, anno in cui la ricorrenza è stata istituita dalle Nazioni Unite, ogni 22 marzo si celebra la giornata mondiale dell'acqua. Oggi molti di noi potrebbero non ricordarsene, presi come siamo dal disagio della quarantena e dell'epidemia, ma forse, proprio in un momento in cui un flagello naturale come un minuscolo, infinitesimale virus, mette a nudo tutta la fragilità dell'essere umano e della nostra vita all'interno dell'ormai precario equilibrio della nostra madre terra, forse proprio oggi, ha senso invece celebrare  una risorsa così essenziale alla nostra vita.
L'acqua è un bene indispensabile alla sopravvivenza ed alla salute: non tutti i popoli su questa terra dispongono liberamente di risorse idriche, anzi ad alcune popolazioni mancano fonti di approvvigionamento di acqua pulita. Secondo l'Amref (African Medical and Research Foundation) nell'Africa sub-sahariana vivono 339 milioni di persone a cui manca l'approvvigionamento idrico necessario, gente che non riesce a dissetarsi, non ha la possibilità di bere acqua pulita secondo il proprio bisogno ed il numero lievita se parliamo dell'acqua necessaria alla cura della igiene elementare. Sono 535 milioni infatti le persone che non hanno la possibilità di lavarsi le mani in casa propria! E proviamo ad immaginarci cosa potrebbe fare una epidemia in Africa...
Le risorse del nostro pianeta sono limitate: lo sono tutte. 
  • La terra, sulla quale abbiamo costruito muri e confini e delimitato spazi di proprietà privata è una risorsa, che idealmente appartiene a tutte le creature che la popolano, ma che storicamente è soggetta a conquiste, invasioni, acquisti ed accaparramenti, attraverso vicende che spesso implicano guerre e genocidi e che si protraggono ancora oggi.
  • L'acqua è a sua volta una risorsa limitata e soggetta anch'essa, come denuncia appunto l'Amref a guerre per l'accaparramento. L'Organizzazione non governativa ha lanciato quest'anno la campagna: "Dove c'è l'acqua scorre la vita" per sensibilizzare al corretto uso delle risorse idriche e contro l'accaparramento di questa risorsa che dovrebbe appartenere a tutti.
  • L'aria, che inquiniamo con gravi danni della salute pubblica: si calcola che ogni anno nella sola Europa muoiano più di 400.000 persone a causa dell'inquinamento, l'aria sarebbe anch'essa un bene comune, eppure...
Proprio oggi che la nostra scienza e le tecnologie avanzate sembra non riescano a  proteggerci da un grave evento epidemico,  è bene riflettere sull'importanza delle risorse essenziali alla vita e cominciare, se ci è possibile a farne un uso oculato che includa finalmente la coscienza che la non equa distribuzione delle risorse significa morte per intere fasce di popolazione a rischio e che invece l'equa distribuzione richiede un uso oculato e per quanto possibile parsimonioso da parte di ciascuno di noi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog