Magazine Politica

Don Aldo Antonelli, don Ciotti, Paolo Farinella ed altri in difesa di Papa Francesco

Creato il 31 dicembre 2014 da Tafanus

La destra reazionaria sta intensificando i suoi vergognosi attacchi contro Papa Francesco, accusandolo anche di disorientare i “semplici fedeli”….!

In difesa di Francesco, assieme a don Ciotti, a Paolo Farinella ed altri amici, abbiamo steso il documenti che ti allego. Leggilo, firmalo e fallo firmare. Dobbiamo essere in molti e dimostrare che noi non solo non siamo disorientati ma siamo orgogliosi di un tale papa e riconoscenti a Dio di avercelo dato!

In allegato avete il testo come appare sul sito, il cui link per firmare è il seguente:

http://firmiamo.it/fermiamo-gli-attacchi-a-papa-francesco

E’ questo link che dovete trasmettere ai vostri amici, parenti, conoscenti e benefattori.

Aldo Antonelli

FERMIAMO GLI ATTACCHI A PAPA FRANCESCO

Aldo-Antonelli
L’arrivo del Papa «venuto dalla fine del mondo» che assume il nome di Francesco presentandosi non come Pontefice Massimo, ma come Vescovo di Roma, provoca reazioni scomposte dentro la Curia vaticana che, falcidiata da scandali e corruzioni, considera il Papa come corpo «estraneo» al suo sistema consolidato di alleanze col potere mondano, alimentato da due strumenti perversi: il denaro e il sesso.

Dapprima il chiacchiericcio sul «Papa strano» inizia in sordina, poi via via diventa sempre più palese davanti alle aperture di papa Francesco in fatto di famiglia, di «pastorale popolare» e di vicinanza con il Popolo di Dio per arrivare anche – scandalo degli scandali – a parlare con i non credenti e gli atei.

Dopo lo sgomento di un sinodo «libero di parlare», l’attacco frontale di cinque cardinali (Müller, Burke, Brandmüller, Caffarra e De Paolis), tra cui il Prefetto della Congregazione della Fede, ha rafforzato il fronte degli avversari che vedono in Papa Francesco «un pericolo» che bisogna bloccare a tutti i costi.

Rompendo una prassi di formalismo esteriore, durante gli auguri natalizi, lo stesso Papa elenca quindici «malattie» della Curia, mettendo in pubblico la sua solitudine e chiedendo coerenza e autenticità.

Papa francesco
Come risposta all’appello del Papa, il giorno dopo, il 24 dicembre 2014, Veglia di Natale, scelto non a caso, il giornalista Vittorio Messori pubblica sul Corriere della Sera «una sorta di confessione che avrei volentieri rimandata, se non mi fosse stata richiesta», dal titolo «I dubbi sulla svolta di Papa Francesco», condito dall’occhiello: «Bergoglio è imprevedibile per il cattolico medio. Suscita un interesse vasto, ma quanto sincero?».

L’attacco è mirato e frontale, «richiesto», una vera dichiarazione di guerra, felpata in stile clericale, ma minacciosa nella sostanza di un avvertimento di stampo mafioso: il Papa è pericoloso, «imprevedibile per il cattolico medio». È tempo che torni a fare il Sommo Pontefice e lasci governare la Curia. L’autore non fa i nomi dei «mandanti», ma si mette al sicuro dicendo che il suo intervento gli «è stato richiesto».

Ci opponiamo a queste manovre, espressione di un conservatorismo, che spesso ha impedito alla Chiesa di adempiere al suo compito «unico» di evangelizzare. Papa Francesco è pericoloso perché annuncia il Vangelo, ripartendo dal Concilio Vaticano II, per troppo tempo congelato. I clericali e i conservatori che gli si oppongono sono gli stessi che hanno affossato il concilio e che fino a ieri erano difensori tetragoni del «primato di Pietro» e dell’«infallibilità del Papa» solo perché i Papi, incidentalmente, pensavano come loro.

Noi non possiamo tacere e con forza gridiamo di stare dalla parte di Papa Francesco. Con il nostro appello alle donne e agli uomini di buona volontà, senza distinzione alcuna, vogliamo fare attorno a lui una corona di sostegno e di preghiera, di affetto e di solidarietà convinta.

Paolo-Farinella
La «svolta di Papa Francesco» non genera dubbi, al contrario coinvolge e stimola la maggioranza dei credenti a seguirlo con stima e affetto. Il ministero del Vescovo di Roma e la sua teologia pastorale suscitano speranza e anelito di rinnovamento in tutto il Popolo di Dio e il suo messaggio è ascoltato con attenzione da molte donne e uomini di buona volontà, non credenti o di diverse fedi e convinzioni.

Desideriamo dire al Papa che non è solo, ma che, rispondendo al suo incessante invito, tutta la Chiesa prega per lui (cfr. At 12,2). È la Chiesa dei semplici, delle parrocchie, dei marciapiedi, la Chiesa dei Poveri, dei senza voce, dei senza pastori, la Chiesa «del grembiule» che vive di servizio, testimonianza e generosità, attenta ai «segni dei tempi» (Matteo 16,3) e camminando coi tempi per arrivare in tempo.

Allo stesso modo, molti non credenti, atei o di altre religioni, uomini e donne liberi, gli esprimono pubblicamente la loro stima e la loro amicizia. La sètta di «quelli che portano vesti sontuose e vivono nel lusso stanno nei palazzi dei re» (Luca 7,25) e non possono stare con un Papa di nome Francesco che parla il Vangelo «sine glossa».

Papa Francesco, ricevi il nostro abbraccio e la nostra benedizione.
Roma, 25 dicembre 2014 – Natale di Gesù

Seguono le firme già raccolte, visibili al link in alto.

Caro Aldo, Caro Paolo,

Come entrambi sapete, sono ateo, fin da ragazzino, forse proprio grazie ad una certa tipologia di gerarchie ecclesiastiche e - perchè no - di preti, in cui non mi è mai riuscito di riconoscermi, e non mi è mai riuscito di condiserare rappresentanti in terra di non importa cosa. E tuttavia, Papa Francesco ha colpito molti (e me fra i molti) per la sua "ordinarietà diversa". Devo ammettere che ci voleva coraggio per chiedere al clero di mettere a disposizione dei senzatetto le strutture ecclesiastiche sotto utilizzate, e lui questo coraggio l'ha avuto.

Quindi accolgo volentieri il vostro appello, l'ho firmato, e cercherò di dare una mano a diffonderlo, coi non possenti mezzi a mia disposizione.

Vi abbraccio, ed auguro a voi e al Papa Francesco un sereno 2015

Tafanus

0601/0600/1600


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog