Magazine Cultura

Donella Del Monaco, Paolo Troncon, Opus Avantra Ensemble - “Rosa Rosae”

Creato il 07 agosto 2019 da Athos Enrile @AthosEnrile1

Donella Del Monaco, Paolo Troncon, Opus Avantra Ensemble - “Rosa Rosae”

Donella Del Monaco, Paolo Troncon, Opus Avantra Ensemble

Distribuito da G.T. Music Distribution

L'inizio del 2019 ha visto l'uscita di "Rosa Rosae ", ovvero il ritorno all'azione discografica della storica entità Opus Avantra - un nuovo ensemble rispetto al passato -, fondamenta del lavoro creativo di Donella Del Monaco e Paolo Troncon .

Le risposte di Donella e Paolo, nell'intervista a seguire, sottolineano gli aspetti principali di un lavoro che annovero tra i migliori del 2019, all'interno del (micro)cosmo della musica di estrema qualità.

Se è vero che Hemingway ci ha dimostrato che un romanzo può essere delineato in sole sei parole, provo a superare il concetto, facendo esercizio di estremo ermetismo, utilizzando un solo un solo aggettivo utile a sintetizzare questo progetto: AVVOLGENTE.

E' questa la sensazione che ho provato nel corso dell'ascolto, acuitasi nelle ripetizioni successive.

Un'onda sonora, varia, in movimento altalenante, capace di circondare e proteggere i cambiamenti dei differenti stati d'animo, provocati dalla fruizione di una musica unica e indefinibile.

Razionalmente parlando non è un contenitore semplice, nè dal punto di vista delle liriche, in bilico tra italiano e latino - e tracce di francese -, né dal punto di vista strettamente musicale, con la proposizione di una classicità mista alla tradizione popolare che potrebbe avere bisogno di una certa preparazione per poter essere afferrata, ma qui entra in gioco la magia che scaturisce dall'opera dei protagonisti, proprietari di enormi competenze personali, che a poco servirebbero se non fossero messe a disposizione di un progetto condiviso.

Gli Opus Avantra hanno una lunga storia la cui origine ci riporta ai primi seventies, ma la definizione di "gruppo" è sempre apparsa riduttiva, meglio utilizzare il concetto di "movimento", perfetta sintesi di anime variegate in campo artistico. In questo senso appare lecito inserire gli O.A. nel filone della musica progressiva. Ma non appare così importate, di questi tempi, tale catalogazione.

Gli attuali Opus Avantra, oltre a Donella Del Monaco, vedono la presenza di: Mauro Martello - flauto, saxofono e duduk -, Laura Balbinot - violoncello -, Paolo Troncon -pianoforte -, Andrea De Nardi - tastiere -, Giorgio Cedolin allabatteria).

Con l'attenta produzione artistica dello storico collaboratore , sono stati coinvolti artisti esterni di estrema qualità e notorietà, che non portano in dote un semplice cameo musicale, ma forniscono reale valore aggiunto al disco: Renato Marengo Jenny Sorrenti, Lino Vairetti, Alberto Radius e Tony Esposito.

Per terminare la lista delle collaborazioni segnalo Anna Campagnaro (violoncello), Mirko Satto (fisarmonica), Davide Vendramin (fisarmonica), Tommaso Troncon (sax tenore) e Gabriele Bruzzolo (percussioni).

Donella Del Monaco evidenzia come al titolo " Rosa Rosae " possano essere attribuiti differenti significati, ma il fil rouge dell'album è l'amore, rappresentato simbolicamente dal fiore, e raccontato nelle cangianti sfaccettature, tra sacro e profano, tra luce e profonda oscurità, tra possesso e piena capacità di dono disinteressato.

E la magia a cui facevo riferimento precedentemente fa sì che esista una percezione del messaggio che oltrepassa la comprensione della lirica, provocata da atmosfere a tratti auliche che disegnano un percorso che coinvolge, e che determina una pace da ascolto unica, e in questo senso il mio consiglio è quello di scegliere con cura spazi e tempi per godere appieno di " Rosa Rosae ".

L'incontro tra il mondo classico, il rock e la tradizione popolare non è cosa nuova, ma questo album appare come il manifesto perfetto di tale miscela, e credo che chiunque si ponesse in posizione di ascolto, scevro da pregiudizi e alibi concettuali, non potrebbe che amare incondizionatamente questo lavoro che trascende la materia e parla e suona come la colonna sonora di una vita comune.

E' la stessa cantante a raccontare l'intervento degli ospiti e la motivazione della scelta, ma mi piace sottolineare la bellezza del duetto di Donella con Jenny Sorrenti - da brividi - nel brano " Vento del nord", così come l'intervento in latino di un inusuale e "diabolico" Lino Vairetti nella traccia " Sceleratus"; Tony Esposito partecipa alla strumentale " Mandala", e sancisce il ritorno verso gli OA, con cui aveva collaborato nel primo disco del '74. E poi Alberto Radius, il simbolo della chitarra elettrica nell'Italia del primo pop, completamente a proprio agio tra il suo stile rock e il modus classicheggiante... è suo l'intervento nel pezzo " Cyrcles ".

Sono nove le tracce che costituiscono " Rosa Rosae ", nove episodi uniti tra loro da un collante concettuale solido e da un fascino che risiede, anche, nel saper stimolare l'intelletto attraverso un topic che riguarda l'esistenza di ogni essere umano, e il passaggio dal materialismo/fisicità alla trascendenza/spiritualità, si trasforma in superamento della normale fruizione musicale.

"... e come nuvole bianche, senza meta ne età, verso la libertà, sii te stesso per me ..."

Bellissimo l'artwork, che trae spunto da un dipinto di Carlo Bertocci ( Rosa Rosae, 2016) di cui Donella parla nell'intervista a seguire...

Donella Del Monaco, Paolo Troncon, Opus Avantra Ensemble - “Rosa Rosae”

Oggi i componenti del gruppo sono oltre a me, Mauro Martello (flauti, sax e duduk) elemento oramai cardine e storico, con le sue strepitose improvvisazioni e la sua varietà di strumenti e giochi timbrici, sua è anche la canzone "Vento del Nord", dove duetto con Jenny Sorrenti. Poi al violoncello Laura Balbinot, virtuosa e in più sapiente improvvisatrice, al pianoforte Paolo Troncon con il suo tocco classico, alle tastiere Andrea De Nardi, giovane e bravissimo, e infine alla batteria Giorgio Cedolin, creativo e vigoroso.

E' nata sostanzialmente per la stima nei loro confronti e per le loro capacità, e inoltre devo ringraziare Renato Marengo, il produttore artistico: Jenny Sorrenti è un'artista molto creativa e ha praticamente creato il suo suggestivo intervento; Lino Vairetti era perfetto per "Sceleratus", un brano tra il medioevo e Stravinskij, tra il sulfureo ed il mistico. Tony Esposito, con le sue magiche percussioni, è arrivato per chiudere il cerchio col primo lavoro OpusAvantra, "Introspezione", dove era il percussionista, e infine Alberto Radius, che con i suoi assoli di chitarra elettrica scoppia come una sorpresa in un brano di ascendenza gregoriana.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog