Magazine Viaggi

Due giorni a Siem Reap: i templi di Angkor ma non solo

Creato il 01 febbraio 2017 da Marika L

Prima di tutto chiariamo una cosa: due giorni a Siem Reap non sono sufficienti per visitare tutto ciò che questo luogo ha da offrire.
Siem Reap è però una tappa imperdibile in un viaggio in Cambogia e a noi è piaciuta parecchio: alla spiritualità dei templi più famosi del mondo si affianca una cittadina dall'anima vibrante e coinvolgente. Una comunità dedita esclusivamente al turismo, al quale si affaccia attraverso pub, vita notturna, spa e mercati.

L'attrazione principale è senza ombra di dubbio rappresentata dai templi di Angkor, che possono essere visitati in tantissimi modi diversi.
Esistono pass da un giorno (37$), tre giorni (62$) e una settimana (72$). In realtà probabilmente non basterebbe una vita per esplorarli ma, come diciamo sempre, ogni viaggiatore ha i propri tempi e i propri interessi quindi stabilisci la permanenza in base ai tuoi.

Abbiamo scelto di fare un tour in compagnia di una guida prenotata il giorno prima tramite il nostro hotel. Se hai dimestichezza con la lingua, ti consigliamo di scegliere una guida in inglese perché quelle parlanti italiano costano tantissimo.
Il tuo alloggio saprà sicuramente consigliarti la soluzione più idonea alle tue necessità. Per un giro di una giornata intera abbiamo speso 39$ in due, ai quali si sono aggiunti i 15$ del tuk tuk, mezzo con il quale ci siamo mossi e che rappresenta sicuramente l'opzione più comoda se si ha poco tempo perché le distanze sono davvero enormi. Di solito le visite si dividono in piccolo e grande circuito. Noi abbiamo optato per il primo, che comprende alcuni tra i templi più famosi, come Angkor Wat, Bayon, Tah Phrom e Phimeanakas.

I templi di Angkor non possono essere descritti a parole e -sebbene questa somigli ad una frase fatta- rappresentano il genio dell'uomo nella sua massima espressione.
Abbiamo adorato camminare all'interno di queste costruzioni che sembrano tirate fuori da un film ma che invece sono lì, sono davanti ai tuoi occhi, puoi toccarle con mano e sentirti anche tu parte di una pellicola.

Durante i nostri due giorni a Siem Reap abbiamo avuto modo di notare come la nightlife sia estremamente attiva e giovane. Lungo Pub Street si rincorrono numerosissimi locali e bar dall'atmosfera occidentale, ma anche le vie secondarie non scherzano.
Poco distante c'è il night market, uno spazio enorme molto più sistemato e meno tipico rispetto ai mercati asiatici ai quali eravamo abituati, ma merita comunque una visita, soprattutto se hai intenzione di fare scorta di souvenir.

Dopo una giornata trascorsa tra i templi di Angkor tutto ciò di cui avrà bisogno sarà un bel massaggio e noi vogliamo consigliarti un posto che si chiama Your Beauty Spa e che si trova esattamente di fronte il Park Hyatt Hotel.
Nonostante si tratti di una struttura validissima, il massaggio migliore dell'intero viaggio lo abbiamo ricevuto presso il centro benessere del nostro hotel, il Memoire d'Angkor Boutique, un alloggio meraviglioso e con servizi eccellenti.

Durante i nostri due giorni a Siem Reap abbiamo voluto provare un ristorante molto rinomato: il Cuisine Wat Damnak, un'oasi di profumi e sapori eccellenti. E' possibile scegliere tra due menu che cambiano spesso e che presentano piatti semplicemente squisiti, merito della signora francese che lo possiede e che ha creato un ambiente bellissimo e curato. Ti consigliamo di prenotare con largo anticipo tramite il loro sito web e di indicare se hai qualche intolleranza, noi abbiamo in questo modo gustato senza alcun problema un menu privo di lattosio.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :