Magazine Rugby

E la domenica di Heineken si portò via le speranze

Creato il 17 gennaio 2011 da Rightrugby
E la domenica di Heineken si portò via le speranzeDomenica e ultime partite di Heineken Cup da portare a referto, perché dal lunedì si lavora in alcune parti per affrancarsi all'ultimo treno che porta alla fase knock-out: ricordiamo che passano le prime di ogni Pool e le migliore due seconde. Basta dare un'occhiata alle cronache degli incontri in programma per capire che per alcuni è stata una domenica triste, per squadre che tra l'altro hanno fatto la storia di questa competizione.
Nella Pool 3 il Munster saluta il gruppo e viene battuto in trasferta per 32-16 dal Tolone in un match nervoso, combattuto, all'ultimo scontro. Soprattutto da parte francese, con la formazione di casa che ha saputo reggere alla partenza decisa degli irlandesi, bravi a occupare tutto il campo e a fissare dei paletti in rimessa laterale, rubandone giusto due nei primi minuti. Ma una volta "tarata" la consistenza avversaria, il club transalpino ha fatto in modo di portare a casa il bottino, sprecando qualcosina nel finale in termini di possibilità di accaparrarsi anche il punto di bonus.
La consistenza del Tolone passa ovviamente anche dai calci di Jonny Wilkinson che consente ai suoi di assicurarsi di sei punti primo del 20', mentre al secondo minuto Ronan O'Gara era andato a segno convertendo in mezzo ai pali un vantaggio non concretizzato nel corso delle folate offensive dei tutti rossi. Gioco al largo, sicurezza nel trattare l'ovale con le mani hanno garantito la meta al 22' dell'ala Christian Loamanu, che accoglie tra le braccia un calcetto in profondità del suo mediano Pierre Mignoni per un allungo già corposo sul 14-3. Munster è una di quelle formazioni che non mollano mai, alle quali basta sentire solo un minimo accenno di odore di sangue per destarsi, ma al 33' la seconda linea Donncha O'Callaghan si fa ammonire per un fallo deliberato. Il piede di Wilko allunga, poi al 37' Mignoni gioca veloce un calcio di punizione, semina il panico nei 22 irlandesi, serve il tallonatore Sebastien Bruno che a sua volta allarga per il Numero 8 Joe van Niekerk che scodella una roba simile ad un assist per il povero Paul Sackey, bravo a danzare nei pressi della linea laterale ed ad evitare l'intervento in extremis della terza linea del Munster David Wallace, il migliore forse tra i suoi, marcatore della meta della bandiera al 76', quando Tolone conduce già per 32-9. Nel corso del secondo tempo si contano anche i gialli per O'Gara al 49' e Davit Kubriashvili, il pilone caucasico francesizzato, al 65', tra l'altro quando Tolone pensa ormai di aver chiuso del tutto il discorso. Il risultato è dalla sua, concedendosi qualche deconcentrazione fuori programma. Ma questo Munster ha le pile scariche e i corni spuntati per far male in Europa. Gli rimarrebbe la Amlin Challenge Cup, ma mettiamo in previsione la Magners League e la forma fisica dei suoi uomini migliori per la World Cup con l'Irlanda.
L'altro risultato che fa peso nell'economia finale, è quello fornito dai London Irish sempre nella Pool 3 contro gli Ospreys: finisce 24-12 per gli Exiles fuori da tutti i giochi possibili, dal basso dell'ultima posizione nel girone. Quelli di Swansea abdicano all'Europa, in campionato stentano dall'inizio e allora adesso staremo a vedere se si rimetteranno in carreggiata almeno nella Celtica. I gallesi comincerebbero anche bene, ma anche loro al 20' devono fare i conti con la paura che qualcosa stia andando storto. L'ala Sailosi Tagicakibau riceve in consegna il passaggio di Delon Armitage con la difesa degli Ospreys presa in controtempo e va a marcare pesante. E intanto l'apertura Dan Bowden capitalizza al meglio l'indisciplina avversaria. Primo tempo che si chiude sul 14-6, ripresa che inizia con la meta di Topsy Ojo al 41': Bowden fa il break, Tagicakibau è di nuovo nel vivo e serve l'alta ala degli Irish che marca. Non bastano i cambi e i punti dal piede di Dan Biggar e James Hook. E nemmeno i dieci minuti in superiorità numerica per il sin bin al tallonatore James Buckland al 71'. Gli Ospreys tarpano le ali e tornano al nido.
Nella Pool 6, pure Glasgow non aveva nulla da chiedere di particolare, ma di sicuro i Warriors infliggono il colpo del ko alle speranze dei London Wasps: in Scozia finisce 20-10 per i celtici. L'apertura Ruaridh Jackson infila 4 calci di punizione su 6, mette a segno anche un drop e non trasforma la meta del collega di mediana Colin Gregor che al 49' permette di portare avanti i Warriors, andati negli spogliatoi in svantaggio sul 10-6. Perché i Wasps nel primo tempo riescono comunque a mettere da parte una marcatura pesante all'11' con l'ala Tom Varndell nonostante gli scozzesi vendano cara la palle. Ma nei restanti quaranta minuti vedono scivolare dalle proprie mani le ultime carte per sperare di continuare in Heineken. E la domenica si fa triste anche per loro.
Riepilogando ecco la situazione Pool per Pool ad una giornata dalla fine.
Pool 1

PosTeamPWDLFAF-ATFMPBPPts

1Northampton Saints550013275+571321121

2Castres52039392+1811311

3Cardiff Blues52038699-13610210

4Edinburgh510484129-459737

Pool 2

PosTeamPWDLFAF-ATFMPBPPts

1Leinster540114393+501619319

2Clermont Auvergne53029080+101014214

3Racing Metro520393115-228919

4Saracens510493131-388626

Pool 3

PosTeamPWDLFAF-ATFMPBPPts

1Toulon5401126105+211117117

2Munster5203115108+71311311

3Ospreys52038896-8510210

4London Irish520393113-207919

Pool 4

PosTeamPWDLFAF-ATFMPBPPts

1Biarritz530211466+481217517

2Ulster540110287+15917117

3Bath Rugby520312882+461713513

4Aironi510459168-1094404

Pool 5

PosTeamPWDLFAF-ATFMPBPPts

1Perpignan5311159107+521817317

2Leicester Tigers5311153103+501617317

3Scarlets5302144154-101515315

4Benetton Treviso500594186-929111

Pool 6

PosTeamPWDLFAF-ATFMPBPPts

1Toulouse550013964+751421121

2London Wasps530212490+341315315

3Glasgow520393125-327808

4Dragons500561138-774111


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines