Magazine Diario personale

E radio fu

Creato il 12 aprile 2013 da Drfrededison @dr_frededison
E radio fuMe l’avete chiesto in tanti... Si! Sono ancora vivo!
È dal 19 marzo che non aggiorno il sito.
Why?
Let me explain.
Proprio qualche minuto dopo aver scattato la foto che vedete nel post precedente a questo, dove Saro dorme e la mano poggiata sulla fronte gli apre l’occhio, mi sono messo a far frullare il cervello.
Domenica 3 marzo avevo finito di leggere “Fuori e dentro il borgo” di Liga e mi è venuta l’idea di aprire una web radio. Ma stavolta sarebbe stata in diretta!
Tornato a casa ho iniziato a programmare quel minimo necessario per far si che il player della radio sarebbe rimasto attivo mentre si navigava per il sito.
Spreaker, sempre in forma. Spreaker, bastardo senza SIAE pagata da quasi un anno. Dovrà essere molto talk la cosa...
9 marzo.
Il player faceva girare ininterrottamente “Jupiter” degli Your Favourite Martian. Fortunatamente esiste musica buona senza copertura SIAE. Ma trovarla è un’impresa.
La radio era lì, mancava solo da scegliere uno stile e delle voci.
L’idea di fondo è mutata più volte. Alla fine ho deciso, chiamo Simone, Peppe e Samuele e vediamo quanto sono “accollativi”. Domanda stupida. Sono stato sommerso da si e da entusiasmo.
Ero felice. Dopo più di un anno finalmente avremmo avuto modo di riincontrarci assieme con uno scopo e periodicamente. Sembrava fosse tutto finito con il precedente gruppo ACR... e invece la follia ci viene in soccorso.
Tensione.
Tanta tensione.
È deciso, la prima puntata non sarà pubblicizzata. Solo pochi amici e vediamo se verrà apprezzata.
22 marzo.
È ufficiale, parleremo di follie fatte per amore. Saremo pochi tanto. Chissene.
Cacchio, dobbiamo portare la corce alla processione della via crucis cittadina! No problem, ci arriviamo in tempo.
Sigla? Non abbiamo il tempo per registrare una sigla! Fra dieci minuti dobbiamo essere in chiesa.
Ok, va bene! Registriamo.
Cavolo, l’alimentatore del MacBook Pro è fuso e la batteria al 3%. Perché proprio oggi la sigla? Non possiamo fare dalla seconda puntata? No? Va bene... Usiamo l’iPad, poi trasferiamo l’audio nel computer e carichiamolo su iTunes.
Il garage di Samuele non va bene, cacchio. Niente 3G ne Wi-Fi.
Corriamo alla processione. Spero proprio che da Simo l’ADSL sia veloce.
Finita la processione di corsa a casa di Simone.
Speedtest ok. Grazie Signore.
Mutande da cambiare poco prima di premere il pulsante “LIVE”.
Lo premo.
Parte la “Unofficial Smithers Love Song”... Ok... È l’ora della sigla ora... Dopo la sigla scabrosissima che abbiamo registrato ora sono ancora più cacato addosso...
“RadioFu Project... Controcorrente nella notte...”
Siamo in onda.
È fatta. Non mi faranno rientrare in città da Catania mai più.
E invece no. Anche se non è stata per nulla la migliore tra le nostre puntate è tutt’ora quella più ascoltata.
Radio è...
23 marzo.
Creiamo la pagina Facebook e pubblicizziamo la puntata di ieri. Vediamo quanta gente la ascolterà.
140 ascoltatori unici in 5 giorni. Incredibile.
Perché RadioFu? Anche voi?
Ok... Vai col Copia/Incolla...
“Da quando è iniziato il progetto almeno dieci persone mi hanno chiesto "Perché RadioFu?"...
"Radio fu" (staccato) è il titolo di un capitolo del libro di Luciano Ligabue "Fuori e dentro il borgo" dove racconta della radio libera creata da piccolo insieme ai suoi amici: Radio King. Da questo libro è stato tratto il film Radiofreccia.”
E stasera si va con la 4^ puntata. Alle 22:30
Pace e amore!
;)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine