Magazine Cultura

EAV: AZIONI PER IL CONTENIMENTO DEL COSTO DEL LAVORO E L'INCREMENTO DEGLI INTROITl

Creato il 21 gennaio 2015 da Ciro_pastore
EAV: AZIONI PER IL CONTENIMENTO DEL COSTO DEL LAVORO
E L'INCREMENTO DEGLI INTROITl
L'attuale congiuntura che l'azienda si vede costretta a fronteggiare, in un quadro più
generale di perdurare della crisi economica che affligge il nostro paese e di riduzione degli
stanziamenti in favore anche dei servizi pubblici considerati essenziali, come può essere
considerato il trasporto pubblico locale, impone di affrontare con decisione il nodo del costo del  personale e di un utilizzo dello stesso quanto più produttivo possibile, nella convinzione che solo forti recuperi di produttività ed efficienza potranno consentire all'azienda di stare sul mercato e di garantire la conservazione dei posti di lavoro e lo sviluppo futuro della stessa.
La sopra citata necessità prescinde dalla sorte delle gare per l'affidamento dei servizi
bandite dalla Regione Campania, che, comunque, avevano confermato la tendenza di una
diminuzione dei corrispettivi per la prestazione dei servizi.
L'obiettivo è quello di recuperare in termini di maggiori entrate e minori spese l'importo di
almeno 15 milioni di euro, e, contemporaneamente, di garantire maggiore efficienza alla
compagine aziendale e una migliore qualità del servizio all'utenza.
Non ci si può attendere significativi risparmi sotto il profilo delle spese per acquisti e
appalti, in quanto vi è la necessità di recuperare un forte ritardo sugli interventi manutentivi sia  dell'infrastruttura sia del materiale rotabile.
In ogni caso nell'ultimo anno si è provveduto ad agire sui costi di alcuni significativi
contratti, quali quelli per servizi di pulizia e di vigilanza, rinunciando a riappaltare alcuni di essi  e rivedendo le basi d'asta di altri. Inoltre, si è molto più attenti ai costi delle forniture correnti, anche con un continuo confronto tra fornitori e prezzi proposti rispetto a quelli storici e la ricerca di nuovi fornitori.
Infine, con un forte impegno e con l'aiuto dell'intervento del commissario si sono riattivate
le forniture, si sono recuperati in gran parte i rapporti con alcuni importanti fornitori e riattivati,  in gran parte, i flussi di fornitura.
Nonostante i risultati raggiunti sui costi dei singoli beni e servizi ancora vi è molto da fare
per garantire all'azienda il consolidamento dei flussi delle forniture e dei servizi necessari ad  assicurare il servizio reso all'utenza e a recuperare il ritardo manutentivo accumulato.
Gli interventi sulla riduzione della spesa per acquisti e servizi non sono sufficienti per
raggiungere il pareggio di bilancio, è quindi necessario agire anche sul fronte della produttività  aziendale e della riduzione del costo del lavoro, che è la voce di costo più significativa, intervenendo su tutti i settori aziendali con azioni di riorganizzazione e aumenti di produttività
significativi.
Di seguito si elencano gli interventi necessari, fatta salva la possibilità di individuare altri
interventi o rendere quelli indicati più performanti
PERSONALE IMPIEGATIZIO
Nel 2012 le Società Circumvesuviana, Sepsa e MCNE, attesa la necessità di ridurre
drasticamente i costi e riorganizzare i vari settori aziendali, avevano, singolarmente, dato inizio alle procedure di mobilità ex legge n. 223/91.
Le procedure erano proseguite anche dopo la fusione per incorporazione delle stesse
aziende nella Società EAV Srl; tuttavia, tali procedure non avevano portato ad alcuna intesa,
interrompendosi ad inizio 2013, dopo un ultimo incontro in sede ORME L.
Veniva, quindi, emanato l'OdS n. 103/13, con il quale venivano individuate circa 98 unità di personale amministrativo da riqualificare, al fine del loro inquadramento in diversi profili
professionali.
Il programma di riqualificazione è stato in gran parte attuato, restano solo da ricollocare 13
agenti risultati inidonei a tutte le mansioni, per le quali erano state sottoposte a visita medica e, allo stato, temporaneamente ancora utilizzate in attività impiegatizie.
A tale proposito è intenzione dell' azienda verificare la possibilità che detto personale possa essere utilizzato nelle fermate della rete aziendale, per la sola vendita dei titoli di viaggio, in turno fisso, al fine di consentire, nei tempi tecnici necessari, la riapertura parziale di alcune di esse.
Tuttavia, al fine di conseguire gli obiettivi del Piano Voci, è necessario attivare ulteriori
interventi. Gli OdS, pubblicati dall'EAV nel mese di ottobre 2014, hanno ridefinito la struttura
organizzativa di 2° livello, individuando, tra il personale amministrativo e tecnico inquadrato nei profili professionali che comportano mansioni di responsabilità e coordinamento delle aree professionali prima e seconda, quello necessario per ricoprire posti di responsabilità e coordinamento.
DIVISIONE TRASPORTO
1. Rimodulazione turno PV e PdM in relazione al programma di esercizio con obbligo
di servizio
• Si prevede un incremento di produttività in ex Circumvesuviana mediante la
riduzione del numero di Riposi Compensativi; una rimodulazione complessiva dei turni in tutte  le linee con un miglior utilizzo dei ed. turni accessori e l'aumento dei tempi di guida effettivi, con l'obiettivo di una riduzione di esigenza di personale (EDP) pari a circa 80-90 unità.
2. Riorganizzazione turnazionepersonale di comando.
Si prevede di riorganizzare i turni del personale di comando del PV e PdM, con
l'utilizzo di rete distinti gruppi omogenei: uno 12eril comando dei turni dell'equipaggio treni, uno per il coordinamento delle attività di interfaccia tecnica tra esercizio e manutenzione materiale rotabile e uno per la gestione ed il coordinamento dell'attività di controlleria. Tale riorganizzazione consentirà il recupero circa 5 unità di EDP.
3. Riorganizzazione turnazione personale di manutenzione - Pronto Intervento
• Si prevede di riorganizzare i turni del personale di manutenzione di Pronto
Intervento (Depositi di Napoli, S.Giovanni e Fuorigrotta) rendendo più coerenti gli orari di
presenziamento e la consistenza di risorse alle effettive esigenze connesse ai nuovi programmi di esercizio. Tale riorganizzazione consentirà il recupero circa 9 unità di EDP.
4. Riorganizzazione attività di controlleria
• Si prevede di riorganizzare l'attività di controlleria mediante l'individuazione di un l
unico "gruppo base" di circa 50/60 unità (formato dagli attuali addetti ai varchi, addetti alla
controlleria, capitreno e macchinisti dedicati, etc. ), tutti muniti delle necessarie abilitazioni
(Agente polizia amministrativa, capacità gestione varchi, etc.). Tale gruppo, gestito da una unità  di coordinamento dedicata, opererà sull'intera rete EAV provvedendo ad effettuare azioni mirate di controllo dell'evasione dei titoli di viaggio. Si prevede che tale attività, in uno alla imminente introduzione dei nuovi TdV aziendali, possa efficacemente garantire il raggiungimento degli obiettivi previsti dal "Piano Voci" relativamente all 'incremento dei ricavi da traffico.
Attivazione Controlleria Ex Art. 6
Al fine di contrastare il fenomeno dell'elusione ed evasione dei titoli di viaggio ed
incrementare i ricavi da traffico, l'azienda intende avvalersi di quanto previsto all'art 6 dell'accordo nazionale 26.4.2013. Pertanto, tutto il personale impiegatizio sarà utilizzato per tale attività e sarà inserito nelle squadrette di controlleria.
DIVISIONE INFRASTRUTTURA
1. Introduzione della reperibilità nei reparti manutentivi della rete ex Circumvesuviana
• Sulle linee ex Circumvesuviana, si prevede una riduzione dei turni di pronto
intervento (eliminazione per armamento e linea aerea e dimezzamento per il settore
segnalamento) con l'introduzione dell'istituto della reperibilità per tutti i settori (anche per i
reparti del telecomando e telefonia, per i quali attualmente non è prevista né turnazione né
reperibilità). Tale azione porterà ad un sostanziale passaggio dell'impiego del personale da "su turno" a "su chiamata".
2 Introduzione dell'istituto della "notte a recupero" sulla Piscinola Aversa ed
incremento delle stesse sulle linee a scartamento ridotto. Tale azione porterà ad una riduzione delle prestazioni di straordinario, atteso che ad oggi solo di straordinario possono essere comandate le necessarie lavorazioni notturne.
3 Rimodulazione turni Dco linee ex Circumvesuviana
• Si prevede di riorganizzare i turni del personale Dca delle linee ex
Circumvesuviana, passando dall'attuale nastro lavorativo di 8 h e 03 min ad un nastro su 7 h.  Tale azione porterà ad una riduzione di EDP pari a n. 5 unità.
4 Riorganizzazione Capi Stazione Rete ex Circumvesuviana
• Si prevede di recuperare n. 3 unità di EDP rendendo feriale l'attuale turnazionesul
bivio Madonnelle - Botteghelle (istituendo i tracciati permanenti sul bivio stesso) ed eliminando  Capo Stazione presso il Pascone.
5 Riorganizzazione turni deviatori rete ex Circumvesuviana
• Si prevede di dare ai deviatori anche il compito di vendita dei titoli di viaggio nelle
stazioni di Barra, Torre Annunziata, Pomigliano e Poggiomarino, con conseguente recupero di n. 3 unità di EDP addetti alla biglietteria, oltre ad avere la vendità di titoli di viaggio attiva anche di pomeriggio nelle prime tre delle suddette quattro stazioni di bivio. Una ulteriore unità di EDP (tra i deviatori) può essere ottenuta rendendo feriale l'attuale turno sul bivio.
6 Ridefinizione tratte di competenza personale di presenziamento rete ex
Circumvesuviana
Istituzione delle "sezioni di linea" con assegnazione della residenza di servizio non più
nello specifico impianto ma in tutta la sezione. Di conseguenza gli agenti che per esigenze di  servizio verranno spostati nell' ambito dei vari impianti della sezione non percepiranno alcuna diaria, come invece avviene attualmente.
7 Riorganizzazione DCO ex SEPSA
attraverso una rimodulazione della turnazione dei Dirigenti Centrali di Montesanto
si prevede di ridurre gli attuali n. 4 Coordinatori fuori turno, mantenendo ne solo 2.
8 Riorganizzazione turno di presenziamento trazione elettrica di Agnano
• Si prevede di riorganizzare l'attuale turnazione di presenziamento della postazione
di telecomando trazione sulle linee ex SEPSA, prevedendo che tutti gli attuali 14 agenti in
organico siano abilitati sia al presenziamento che alla manutenzione, prevedendo su primo e  secondo turno il presenziamento da parte di un solo agente e di n. 2 agenti in orario notturno. In questo modo le ore uomo corrispondenti a n. 7 unità sarebbero dedicate al presenziamento, mentre le altre n. 7 unità potranno essere utilizzate per le attività manutentive, con una conseguente riduzione delle prestazioni straordinarie e strutturando in tale settore anche lamanutenzione preventiva. Un ulteriore efficientamento potrà essere ottenuto spostando a  Montesanto la postazione di lavoro, con l'eliminazione di uno dei due turni notturni.
9 Riorganizzazione turni DCO Piscinola
• ottimizzazione dell'attuale turnazione (8 ore giornaliere) con l'introduzione di un
turno di 6 ore e 40 minuti al giorno (modulo 5+ 1).
RIVISITAZIONE RESIDENZE LAVORATIVE
Vanno riviste le assegnazioni delle residenze per ridurre il numero di diarie da corrispondere, ad esempio per il personale viaggiante e di macchina di ex SEPSA e per il
personale non turni sta dei servizi tecnici.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog