Magazine Cultura

Ecco come Jack lo Squartatore aiuterà la polizia londinese

Creato il 10 agosto 2013 da Sulromanzo
Autore: Daniele DusoSab, 10/08/2013 - 14:30

Jack lo SquartatoreCentocinquanta anni di crimini in mostra per salvare i conti di Scotland Yard. Per ora è solo un’idea, ma presto si potrebbe concretizzare in quello che gli Inglesi hanno già battezzato Black Museum, il museo nero, con lapalissiano richiamo al colore della cronaca di riferimento. In sostanza, la polizia londinese sta pensando di esporre al pubblico, a pagamento, le prove di oltre 150 anni di crimini, ad oggi custodite nella stanza 101 della Metropolitan Police’s station. Da ciò potrebbe venirne parte del finanziamento della stessa polizia britannica, attualmente alle prese con un bilancio piuttosto malconcio a causa dell’austerità imposta dal governo di David Cameron.

Nel giro di qualche mese, la polizia londinese ha la necessità di reperire almeno 500 milioni di sterline, una cifra enorme che, tuttavia, neanche l’apertura del museo potrebbe garantire. Uno studio di fattibilità stilato dall’autorità cittadina ha, infatti, calcolato gli ipotetici introiti del Black Museum in meno di 20 milioni di sterline annui (poco più di 20 milioni di euro). Lo studio, a dire il vero, è stato fatto ipotizzando una mostra temporanea, della durata di tre mesi, con biglietto d’entrata di 15 sterline; risultato: 4,5 sterline di incasso. Tant’è, con un museo probabilmente l’incasso sarebbe anche minore. Per questo, i vertici di Scotland Yard hanno annunciato la vendita della storica sede e un trasloco in un edificio più economico.

Tornando all’idea del museo, tuttavia, non si tratta di certo di una boutade estiva. Il materiale c’è, e abbondante, e curioso. Tra i tanti reperti ci sono le armi usate dai più famosi serial killer d’Inghilterra in omicidi storici, gli oggetti della banda che fece la "grande rapina al treno" nel 1963, i cappi usati per le impiccagioni dei condannati a morte e le lettere di Jack lo Squartatore. Tra quest’ultime anche quella in cui il serial killer sbeffeggia la stessa polizia che indaga sui suoi crimini, annunciando che non vede l’ora di ritornare a compierne.

La raccolta di cimeli criminosi era consistente già sul finire dell’Ottocento. Del 1875 è l’idea di utilizzarli, non tanto per mostrarli al pubblico quanto piuttosto per dare lezioni pratiche ai poliziotti sui modi di individuare e prevenire i crimini. Quasi 150 anni dopo l’esigenza è un po’ diversa, la polizia londinese ha un disperato bisogno di fondi, tanto che anche un personaggio dalla malvagità leggendaria come Jack lo Squartatore potrebbe, con un secolo e mezzo di ritardo, dare un aiuto consistente alla giustizia.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Media: Scegli un punteggio12345 Nessun voto finora

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :