Magazine Cultura

Ecco cosa è accaduto il 7 agosto nel corso della 1° serata dedicata alla “Rassegna D'Autore e d'Amore”, a Bordighera

Creato il 14 agosto 2019 da Athos Enrile @AthosEnrile1

Ecco cosa è accaduto il 7 agosto nel corso della 1° serata dedicata alla  “Rassegna D'Autore e d'Amore”, a Bordighera

È terminata da pochi giorni la consueta manifestazione "Rassegna D'Autore e d'Amore ",che si svolge tradizionalmente a inizio mese di agosto, a Bordighera, nei Giardini Lowe.

Il programma completo, in equilibrio tra la canzone storica d'autore e il progressive, si è sviluppato tra i giorni 7 e 10,e anche in questa occasione si sono visti sul palco artisti di livello assoluto, come delineato nel comunicato stampa diffuso dall'organizzazione:

Sono stato testimone della prima serata, quella dedicata al prog, e proverò a fornire commento minimale, aiutato dal contributo video.

Occorre dire che il deus ex machina della situazione ha un nome ben preciso, Pino Calautti, che assieme ai fidati collaboratori riesce ogni anno a realizzare eventi di alto profilo, che sembrerebbero quasi impossibili per chi vive l'ambiente, perché lo sforzo organizzativo ed economico relativo alle tre serate appare operazione titanica per l'occhio esterno.

È proprio a lui ho rivolto il mio pensiero durante il viaggio di avvicinamento, perché la prima serata, quella dedicata alla musica progressiva, è solitamente quella più a "rischio": il genere è molto di nicchia, e in questi casi non si ha mai la certezza di avere un numero di presenti congruo alla portata del concerto; ma Pino ha indovinato ancora una volta il mix, basato su nomi di prestigio ma molto distanti tra loro come tipologia di proposta ( Gianni Nocenzi e Ken Hensley ) e un giovane talento che ha sorpreso tutti (guadagnando anche un elogio pubblico da parte dell'ex BANCO), per varietà e novità di performance: Davide Laura .

Quando scatta l'ora voluta da Pino la platea è carica di anime pronte a vivere una serata indimenticabile.

Mauro Selis , come sempre, fa gli onori di casa e "riempie" i momenti di sosta...

Il primo ad esibirsi è il giovane Davide Laura, che non conoscevo.

Un uomo e il suo strumento - anzi, i suoi strumenti -, potrebbe significare mero momento acustico, ma Davide ci regala qualcosa di davvero unico, gradito dall'audience in modo incondizionato.

Utilizza violino e chitarra - vorrebbe anche "buttarsi" sul piano a coda presente momentaneamente on stage, ma ci sarebbe il rischio di una modifica di assetto, in una serata in cui l'umidità incide...- e appare un maestro nell'uso dei loop, tanto da riempire l'atmosfera di suoni che viaggiano tra ritmo e melodia, vivendo fisicamente la performance e trasferendo al pubblico energia pura.

La chicca alla sua esibizione è il duetto, casuale, con il padre - chitarrista professionista - che i presenti apprezzano incondizionatamente.

Tutto quanto Davide Laura ci ha presentato entra a pieno titolo nel contesto prog, tra innovazione e libertà espressiva, come testimoniato dalle immagini a seguire...

Ma cosa è stato il prog?

Questo il punto di vista di Gianni Nocenzi...

Poco prima dell'esibizione Gianni Nocenzi mi ha rilasciato un'intervista - che pubblicherò nei prossimi giorni -, e lo ha fatto in circostanze particolari, ovvero l'imminente inizio della sua performance, momento in cui si va solitamente alla ricerca della massima concentrazione, e le parole che arrivano dall'esterno si eviterebbero volentieri.

La sua gentilezza e la sua cordialità mi hanno realmente colpito, e le sue riflessioni fatte in camerino sono state la miglior introduzione al suo successivo atto musicale.

Gianni Nocenzi e il piano, lo strumento dietro al quale l'ho sempre visto e idealizzato, a partire dalla mia adolescenza, passando per un momento di sua volontaria assenza, sino al ritorno alla piena attività pubblica, concretizzato da un album, " Miniature ", che è stato riproposto nel corso della serata.

La sua musica ha trovato un perfetto intercalare nella narrazione, e analizzando a ritroso la sua "parte di serata", verrebbe da definirla con lo slogan... "Musica e Didattica".

Dopo la dinamicità contagiosa di Davide Laura arriva quindi il momento della magia pura, quella che riesce a creare il Maestro attraverso trame musicali che richiedono massima attenzione, non solo quella palese dell'autore, ma occorre un fermo ausilio da parte del pubblico, il cui peso specifico in termini di attenta partecipazione risulta determinate per la realizzazione di quell'alchimia da palco che, nell'occasione, si è realizzata con grande successo.

Occorre dire che parte degli spettatori si sarebbe successivamente lasciata andare al movimento fisico, figlio del rock a tratti duro di Ken Hensley, ma questa predisposizione personale ad un genere preciso non ha impedito gli amanti della musica di qualità di godere in pieno di attimi, "miniature", frasi e dettagli sonori che Nocenzi ha regalato ad un pubblico che ha ricambiato con calore al termine di ogni episodio, estasiato da quanto stava andando in scena, probabilmente cosciente del fatto che certi momenti sono rari e vanno goduti nella loro totalità.

Difficile riuscire a riproporre, utilizzando le parole, un frammento di piacere puro, dove musica, interpretazione, contesto ed elementi naturali hanno permesso di raggiungere lo status della serenità.

Le immagini a seguire, catturate con un device di scarsa qualità, non certo all'altezza della situazione, permettono in ogni caso di fornire una sintesi rappresentativa dell'incontro tra Gianni Nocenzi e il pubblico.

Grande esclusiva per MAT2020 quindi, e un ringraziamento al Maestro che, in via del tutto eccezionale, ci ha permesso di pubblicare una video intervista e live per piano solo...

A concludere la serata ci ha pensato Ken Hensley con la sua band, che erroneamente pensavo fosse inglese, e invece no, tutti italianissimi!

Ken suscita molti ricordi per effetto del suo glorioso passato, almeno dieci anni, in un gruppo di hard rock progressive inglese molto famoso nei seventies, anche in Italia, gli Uriah Heep, di cui era tastierista, all'occorrenza cantante e chitarrista acustico.

La sua immagine è ancora oggi molto legata a quel periodo e il sound può contare su validi collaboratori che sono: Paolo Sburlati alla batteria, Simone Bistaffa alla chitarra, Andrea Vilardo alla voce e Francesco Dalla Riva al basso e cori.

Molti erano i conoscitori del repertorio degli Uriah Heep, alcuni sorprendentemente giovanissimi, il che sta a significare che certi eventi non toccano solo l'elemento nostalgico, ma sono il frutto di curiosità e ricerca, situazioni forse legate al "lavoro sotterraneo" di qualche genitore melomane.

Rock denso con spruzzate di hammond, il tutto contrassegnato da un fatto inusuale, ovvero la rottura della corda del basso di Dalla Riva (il LA), segno che... ci hanno dato dentro!

Finale con l'audience in piedi, attaccata al palco, a tributare onore alla storia e ad una musica che non tramonterà mai.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog