Magazine Programmi TV

Eden, Un pianeta da salvare con Licia Colò su La7

Creato il 09 ottobre 2019 da Iltelevisionario

Dopo il breve ritorno in Rai, lo scorso anno sul secondo canale con sei puntate di Niagara – Quando la natura fa spettacolo, Licia Colò approda su La7. La nuova trasmissione, in onda da mercoledì 9 ottobre in prima serata, si chiama Eden – Un pianeta da salvare.

“Mi occupo di certe tematiche da una vita e ho sempre seguito La7 come spettatrice: mi sembrava mancasse proprio un programma che si occupasse di ambiente e l’ho proposto al direttore di rete Andrea Salerno” racconta la conduttrice in un’intervista al Corriere della Sera. Il programma tratterà di cambiamenti climatici, di inquinamento e carenza d’acqua, di desertificazione e disboscamenti. “Ne parleremo sempre partendo da luoghi meravigliosi: mostreremo tante bellezze, ma anche tante fragilità” anticipa Licia Colò, che aggiunge: “Andremo in Danimarca dove c’è un’isola con un autosostentamento perfetto e un’economia circolare virtuosa; vedremo la grotta gigante di Trieste e le grotte di sale in Polonia; viaggeremo nel deserto del Marocco e sul lago Bajkal…”.

View this post on Instagram

Mercoledì 9 ottobre Vi aspetto su @la7_tv per lo speciale "Eden un pianeta da salvare" 🌻

A post shared by Eden (@edenunpianetadasalvare) on Sep 29, 2019 at 9:28am PDT

Questo nuovo format “sarà un modo di guardare il mondo al di là delle frontiere, delle barriere geografiche, degli stati” spiega la conduttrice, da sempre appassionata di ambiente. “Il pianeta va visto come un unicum, sia perché lo è, sia perché va vissuto come un’unica entità, un solo organismo. Noi possiamo unire luoghi distanti come il Madagascar e il Veneto grazie al nesso dell’acqua: in Madagascar ce ne è poca, la conseguenza è la mancanza di igiene, da lì arrivano le malattie. In Veneto invece ce ne è tanta, ma è avvelenata dai Pfas (sostanze che creano problemi a livello endocrinologico), e si torna alle malattie. Sono due lati della stessa medaglia. Questo è solo un esempio, ma ce ne sono tanti”.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog