Magazine Cultura

Egitto, nuove scoperte

Creato il 12 dicembre 2019 da Kimayra @Chimayra

Egitto, nuove scoperte

Egitto, la stele raffigurante Ramses II e Ra-Horakhty
(Foto: ahramonline)

Una missione archeologica tedesco-egiziana che sta lavorando al tempio di Heliopolis a Matariya, ha scoperto diversi isolati ed un grande muro di mattoni di fango risalente al Nuovo Regno. La missione è guidata dal Ministero delle Antichità, dal Museo Egizio Georg Steindorff dell'Università di Lipsia e dall'Università delle Scienze Applicate di Magonza.
Aymen Ashmawi, responsabile del Dipartimento delle Antichità Egizie, ha detto che lo scavo si è concentrato sul settore sudoccidentale del sito, dove, nell'aprile di quest'anno, è stato scoperto un piccolo cimitero dell'XI secolo. Un cumulo di detriti vicino ad una parte del muro del Nuovo Regno contenevano frammenti di una statua reale ed un certo numero di stampi per la produzione di amuleti in faience, nonché frammenti di capitelli a forma di palma di riutilizzo, risalenti all'Antico Regno.
Da tre trincee di scavo sono emerse tracce di un precoce utilizzo di mattoni di fango, numerosi manufatti in pietra e molte ceramiche del periodo di transizione che recano tracce di contatto con la cultura Naqada dell'Alto Egitto. E' stato scoperto anche un laboratorio per la fabbricazione della birra risalente ad un periodo compreso tra il VII e il II secolo a.C. Sono stati trovati anche pozzi risalenti al periodo ellenistico e romano, due dei quali contenevano resti dei rilievi del tempio di Ramses II. Una lastra, in particolare, piuttosto ben conservata, raffigura Ramses inginocchiato di fronte a Ra-Horakhty, signore del cielo e sovrano di Heliopolis. Un altro pozzo conteneva frammenti di due sculture reali, una delle quali è la base di una statua in quarzite di re Seti II (1200-1194 a.C.), mentre la seconda, in granito rosso, raffigura la dea Hathor o una delle spose di Ramses II.
Fonte:
Ahram online

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog