Magazine Poesie

Elena Salibra - Dalla parte dei vivi

Da Ellisse

Elena Salibra - Dalla parte dei viviElena Salibra - Dalla parte dei vivi, Poesie 2004-2014 - Manni 2019 (pag. 336, Euro 28.00)
Il libro di un decennio, tutta l'opera poetica di Elena Salibra, tutti i cinque libri pubblicati dall'anno di esordio (Vers.es, 2004), fino a quello della sua prematura scomparsa (Nordiche, 2014), passando per Sulla via di Genoard (2007), Il martirio di Ortigia (2010), La svista (2011), alcuni dei quali hanno vinto premi importanti. Allieva di Lanfranco Caretti e Cesare Garboli, studiosa di Gozzano, Pascoli, Carducci, Quasimodo nonché dell'amatissimo Attilio Bertolucci (ma di mille eco sono piene le sue poesie), Elena Salibra era docente di Letteratura italiana contemporanea all'Università di Pisa, dove viveva con la famiglia fin dal 1972. Difficile anche solo estrarre qualche testo esemplare da questa raccolta, perché sono tutti di alto livello e perché si rischia di dare un'idea fin troppo approssimativa dello sviluppo nel tempo, del suo trasformarsi anche in seguito agli accidenti della vita, e insieme della costante qualità della poesia di Salibra. Ma è certo (ce ne rendiamo conto leggendo il libro) che l'esordio, nel 2004, non fu affatto da "esordiente", come nota Marco Santagata nella breve ma affettuosa prefazione. Non solo perché, su incoraggiamento di Cesare Garboli, alcuni testi poi confluiti in Vers.es erano già usciti nel 2001 su "Paragone", ma soprattutto perché la pubblicazione in volume avvenne quando Salibra "aveva maturato la convinzione che la sua poesia da confessione privata si fosse trasformata in autonomo oggetto estetico" (Santagata). Lo sviluppo successivo della poesia di Salibra parte da lì, è denso e accelerato, compresso in quei dieci anni chiusi poi dalla malattia e dalla morte. Sviluppo che non è soltanto stilistico, con tratti che variano nel tempo anche in relazione (e non potrebbe essere diversamente) ai contenuti, e che possono essere riassunti in un iniziale e successivo ricorso ad una "poesia dell'occhio" (Mario Gerolamo Mossa, nella nota del curatore) in cui è importante e cospicua "la semantizzazione dello spazio poetico" con la punteggiatura rarefatta, gli spazi bianchi, le parentesi, la minuscolizzazione delle parole, i trattini, che vanno di pari passo con la terminologia tecnica e specialistica, il prestito linguistico, la citazione tratta dal vasto bagaglio culturale dell'autrice. Un approccio che è anche visivamente evidente alla lettura di almeno le prime tre raccolte. Ma lo sviluppo dell'opera è anche una parabola di vita, segnata dalla svolta drammatica della malattia ed evidente a partire da La svista, del 2011. Le questioni stilistiche, e in qualche modo la ricerca che le contrassegnava, perdono di consistenza, forse di importanza, di fronte ad una ben diversa "ricerca" di senso. Sembra una ovvietà, ma si tratta semmai di dare alla poesia, mai abbandonata fino all'ultimo, una nuova voce e forse una nuova responsabilità di un dire più privato e profondo, ma che non "confessa", piuttosto elabora il tempo nella sua tragica finitezza, anche nelle "cosette" (Cosette ospedaliere è una sezione di Nordiche, ed è impossibile non richiamare, almeno nel titolo, Amelia Rosselli). Ora l'unico espediente "per l'occhio" è rimasto il "corsivo del ricordo", come annota il curatore, al binomio vita e scrittura e al 'doppio tavolo' del critico e del poeta si sovrappone "l'opposizione-coincidenza tra malattia e poesia", vi si innesta uno stretto rapporto dialogico tra 'io' e 'tu' che non è solo quello tipicamente ambiguo di tanta poesia novecentesca, ma soprattutto (ancora Mossa) quello tra "il razionalismo del tu e le trasfigurazioni proprie dell' io". L'ultima di Salibra è una "poesia per l'orecchio", in cui agisce "non più e non solo il presente scarnificato, disilluso nel suo statuto di eternità dall'incombere di un futuro imprevedibile, ma il tentativo di inscrivere la propria esperienza nel divenire ciclico della memoria, l'accettazione del proprio destino nonostante l'approssimarsi della fine". Nordiche rappresentano la fine di un viaggio, verso un Nord (la Svezia) che era non solo la speranza di una cura, forse di una salvezza, ma anche una metaforica terra dell'addio. (n. red. a cura di g. cerrai)
Segnalo, per il loro interesse, un ricordo di Massimo Bacigalupo degli scambi intercorsi con E.S. a proposito di traduzioni di W. Stevens ( QUI ); e il dossier dedicato a E.S. dalla rivista on line "Poesia e conoscenza", fondata da D. Bisutti, nel n.1 ( QUI ), con estratti da Nordiche e scritti di M. Bacigalupo, M. Cucchi e F. Raimund.
Continua a leggere "Elena Salibra - Dalla parte dei vivi"

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog