Magazine Diario personale

Epilogo.

Da Doppiogeffer @DoppioGeffer

C'ho pensato tanto, in questi giorni.
Tra un viaggio in treno, una pausa dalle lezioni della specialistica, un capitolo da studiare per l'esame, una lacrima, una risata. 
Ho sentito il bisogno di scrivere, di raccontare i miei pensieri e le mie disavventure e le strane avventure capitatemi. 
Ho sentito il bisogno di sfogarmi, di potermi mettere a nudo dietro un bicchiere viola e il nome di un medicinale. 
Ho sentito il bisogno di riprendere in mano i miei ritmi, i miei sogni, i miei hobby.
Ma non ho tempo.Non ho tempo per pensare a me stessa, non ho tempo per pensare ai mille impegni che mi stanno attanagliando, non ho tempo per raccogliere i pensieri e riportarli qui. 
Non ho nemmeno il tempo per sentirmi spensierata e suscitare/cercare una risata.
Quindi sì: Doppio Geffer con Ghiaccio è giunto al termine della sua breve ma stramba esistenza.Per quanto trovi conforto nella scrittura e per quanto affetto virtuale abbia ricevuto da voi lettori in tutti questi anni, questo blog è ormai a gli sgoccioli, insieme al suo profilo Facebook e Twitter. Devo chiudere questo capitolo fatto di sogni, speranze e voglia di ridere, per farmi serrare nella morsa della vita vera.
Una vita da "adulta" in cui il tempo è così poco da non lasciare spazio alla fantasia e alla goliardia.
Epilogo.Non nego che mi mancheranno le interazioni con molti di voi, lettori più o meno fissi. Non nego che mi mancherà il ricercare le parole più adatte, le immagini più comiche o il solo narrare qualcosa di strano che m'è successo, giusto per rendermi conto anche io del fatto di aver davvero vissuto quell'episodio della mia vita.Mi mancherà, oh se mi mancherà!
Ma a seguito di tutto ciò che è accaduto negli ultimi due anni, a seguito di tutte le batoste, le porte schiaffate in faccia, i pensieri cupi e compagnia cantando...beh, correrei il rischio di trasformare questo spazio in un luogo di depressione cronica.E Doppio Geffer con Ghiaccio è nato per "digerire la mia sfiga universitaria", per esprimere i miei pensieri, per vedere quanto fossi capace di portare il sorriso anche nella vita di chi non conosco.
Ci sono riuscita? Non ci sono riuscita? Chissà.
Quel che è certo è che è stato davvero bello leggere i vostri commenti, ritrovarmi nei vostri post, sapere che determinate esperienze qui narrate sono state anche le vostre, in modo più o meno indiretto.E' stato bello confrontarsi sia con persone che hanno i miei stessi gusti e i miei stessi ideali, che confrontarmi con chi è totalmente diverso da me, imparando ad apprezzare cose che, magari, prima non avrei minimamente degnato.
E' stato bello conoscersi e conoscerci senza per forza guardarci negli occhi, anche se alcuni di voi sanno chi c'è dietro questa strana immagine.Ringrazio quindi voi tutti per il tempo speso in questo spazio. Grazie per i vostri commenti, per aver condiviso i miei post, per aver espresso le vostre opinioni e sposato le mie.
Grazie per il sostegno che m'avete dato nei momenti più bui, grazie per l'affetto dimostratomi quando mi sentivo sola e grazie anche per tutti gli abbracci virtuali che m'avete elargito ad ogni mia più piccola vittoria.
Siete stati il mio piccolo Sleepover Club.
Grazie a tutti voi.
Con questo non dico che non vi leggerò, nel silenzio della mia grigia vita reale; probabilmente spunterò dal nulla e commenterò qualche vostro post, oppure lo condividerò tramite il mio profilo privato.
Alcuni di voi, forse, sapranno cosa mi accadrà anche nei giorni ed anni a venire, ma sapranno cosa accadrà alla "vera" me e non a chi, in questi anni, ha uscito tutta la sua tragicomicità in queste pagine virtuali.
Anche se inizio a chiedermi chi sia la vera me: Doppio Geffer o chi sta scrivendo queste parole?Sarà solo il tempo a dirmelo.
Ad Maiora, colleghi blogger.Che la passione per la scrittura non vi abbandoni mai, e che le risate siano sempre il sottofondo delle vostre giornate.
E che il Geffer sia con voi. Sempre.
 Vostra Doppio Geffer.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog