Magazine Politica Italia

Era solo una partita, la Germania ci sta sempre avanti

Creato il 28 giugno 2012 da Nicola Spinella @ioparloquantomi

Sgombriamo il campo da equivoci: è lecito festeggiare per il trionfo degli Azzurri sui Teutonici. Impazzano su Facebook e Twitter i richiami alla Merkel  e gli sfottò ai tedeschi. Ma la loro economia è una locomotiva, la nostra vedrà presto l’IVA al 23% e qualche altra diavoleria bocconiana. E a decidere dei nostri destini sarà sempre Berlino.

Sappiamo bene che il pezzo che vi apprestate a leggere è un pizzico di impopolarità, mentre per le strade impazzano i po po po po po po e i caroselli d’auto (pochi, a dire il vero). Ma la nostra non è una gara a chi è più popolare, ma solo lo sforzo di interpretare i tempi che viviamo con un’ottica diversa.

Brava Italia. Adesso abbiamo capito cosa avrà detto al telefono il presidente Re Giorgio Napolitano agli Azzurri: li avrà implorati di fare del loro meglio, di dar fondo a tutte le ultime forze che la stagione agonistica permetterà loro di sfruttare. Il motivo è semplice: bisognava  fare in modo che la più famosa ed efficiente macchina di distrazione di massa riuscisse nell’intento di farci dimenticare gli inferni quotidiani. Disoccupazione, pressione fiscale intollerabile, un governo che fa solo gli interessi delle banche. No, la vittoria contro la Germania non ci ha miracolosamente proiettati ai vertici dell’Europa che conta.

Ci darà solo la possibilità di giocare e vincere un trofeo di metallo con quelli a cui abbiamo prestato 50 miliardi di euro al 3%, (soldi che l’Italia prenderà in prestito al 6,78%, una finezza da economisti…). Ci hanno fregati anche stavolta, ci hanno fatto credere di essere belli, bravi, forti. E invece no, il trucco c’è ma non si vede. Ma almeno,per domenica, ci auguriamo che Rajoy telefoni ai suoi, chiedendo loro di lasciarci vincere (altrimenti non sganciamo i 50 miliardi di euro, ovviamente!).

Comunque vada a finire, domenica l’Italia avrà perso. Non ci si illuda: il calmiere sociale fa il gioco del potere, ed in questo gli Azzurri hanno aiutato indirettamente il caro Mario Monti.

Adesso sarà lecito attendersi uno scenario fosco. Attendiamoci un’IVA al rialzo e altri 3 cents di accise sui carburanti(per gli esodati?). Magari adesso lo stato si accorgerà che il prezzo dei gas per locomozione (gpl e metano) è troppo basso per poter essere vero, e farà un bell’aumento che butterà in un vallo dantesco anche il mercato dell’auto usata.

La finale aprirà uno scenario grottesco: gli scandali delle scommesse verranno insabbiati, Buffon entrava in ricevitoria solo per salutare gli amici. Dimenticheremo i suicidi indotti da un governo illegittimo, le estorsioni di Equitalia, il bunga bunga e l’articolo 18. Abbiamo una memoria troppo corta per poterci permettere la sudditanza completa al calmiere sociale.

E’ inutile, per gli italiani vale lo stesso luogo comune che taluni ascrivono ai ragazzi neri di Harlem: basta dar loro una radio col rap ed un pallone da basket per metterli d’accordo. Per noi italyoti non vale la pena di sprecare nemmeno una radio, basta un pallone e ventidue uomini in mutande che lo prendono a calci per infinocchiarci qualsiasi cosa.

E la Rai cerca di fare audience, parla dai campi dei terremotati: quelli che hanno perso tutto tranne il maxischermo, che la tv di stato ha installato nei campi d’accoglienza per tener buoni gli sfollati per un mesetto dopo il sisma.

E Petrucci? Va in TV a dire che lo spread lo decide la nazionale italiana. Magari fosse vero, oggi più che mai saremo sudditi del potere finanziario. E della culona inchiavabile, la Merkel tanto difesa quando fu il nano eroticus ad usare quell’espressione piuttosto offensiva. Ma adesso offerta al ludibrio delle folle, ci può stare dicono i più perché ad offenderla sono i “buoni”.

Fine. Siamo un popolo senza speranza.

Era solo una partita, la Germania ci sta sempre avanti


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • ‘orno, ‘era

    Il più grave problema delle eccezionali condizioni meteorologiche di questi giorni è l’abbondanza di argomenti di conversazione e i semplici conoscenti o emerit... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Perché Sanremo "era" Sanremo

    Perché Sanremo "era"

    Scrivo ora qualche riga sul festival di Sanremo perché penso che la conclusione della manifestazione sia ininfluente ai fini della mia valutazione. Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ
  • L’uomo era a letto

    L’uomo letto

    Apro un libro, un libro qualsiasi, e leggo una frase semplice, breve: “L’uomo era a letto”. La frase ha un punto e a capo, spicca nel quadrato della pagina,... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    SOCIETÀ
  • Chi era Tenzin Choedron?

    Tenzin Choedron?

    Pubblicato da francesco sasso su febbraio 22, 2012 Tenzin Choedron di Dianella Bardelli L’11 Febbraio scorso una monaca tibetana di 18 anni di nome Tenzin... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • Chi era Tenzin Choedron?

    Tenzin Choedron?

    M’ invia e pubblico volentieri questo articolo di Dianella Bardelli.L’11 Febbraio scorso una monaca tibetana di 18 anni di nome Tenzin Choedron si è uccisa... Leggere il seguito

    Da  Cren
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Non era una favola

    favola

    '......................Funzionava piu' o meno cosi':sparse sul territorio,nei luoghi piu' impensati,erano seminate memorie artificiali, micro-chip confusi con i... Leggere il seguito

    Da  Annarosabalducci
    SOCIETÀ
  • Era ora

    È successo.Il primo maggio partirà il mio primo contratto.1000 euro.In virtù del mio stato di mantenuto impigiamato di 26 anni non sono molto pratico di pecunia... Leggere il seguito

    Da  Tanci86
    SOCIETÀ