Magazine Rimedi Naturali

Ernia discale

Da Eupliorascuna

Ernia discale

Ernia discale

L’ernia discale è una patologia del disco intervertebrale che consiste nella fuoriuscita del nucleo polposo (parte centrale del disco intervertebrale) attraverso le fibre dell’anulus fibrosus che è la parte periferica dello stesso disco.

La protrusione discale è la prima fase dell’ernia vera e propria.

In questo caso il soggetto avverte un dolore acuto, che si accentua alla pressione sulla colonna vertebrale nel punto corrispondente alla protusione.

Al dolore possono associarsi vari gradi di impedimento a compiere movimenti del tronco.

A causa del dolore della contrattura muscolare (lombalgia), il soggetto assume una  postura caratteristica, e cioè curvo in avanti e inclinato su un lato.

Spesso si associano sintomi di tipo neurologico, come formicolii (parestesie), diminuzione o scomparsa della sensibilità, disturbi del movimento  degli arti inferiori.

Se si interviene in questa fase, è possibile che l’anello fibroso difettoso recuperi la sua elasticità intrinseca,  perlomeno negli individui più giovani.

I rimedi omeopatici consigliati in caso di ernia discale

Rhus toxicodendron

Questo rimedio omeopatico è somministrato in caso di ernia discale quando il dolore è legato soprattutto all’immobilità.

In questo caso il soggetto si sente male quando sta seduto a lungo o di notte  quando è al letto.

Sono molto dolorosi i primi movimenti, ma quando ci si è scaldati il dolore migliora, per ricomparire dopo uno sforzo prolungato.

Phytolacca

Questo rimedio omeopatico è consigliato in caso di ernia discale quando i dolori peggiorano soprattutto di notte e con il tempo freddo e umido.

Il soggetto  ha un notevole desiderio di muoversi, ma il movimento peggiora i dolori, che migliorano invece con il tempo secco e caldo.

Il paziente avverte una sensazione di scariche elettriche lungo le zone colpite che vengono sentite come intorpidite.

Nux vomica

Questo rimedio omeopatico è consigliato in caso di ernia discale quando il dolore insorge soprattutto a destra, con forte contrattura della schiena.

In questo caso il dolore è più acuto al risveglio e diminuisce con il riposo.

Il soggetto è nervoso, impaziente, insofferente e stressato.

Posologia

Il rimedio prescelto va preso alla 7CH, salvo diverse indicazioni, alla dose di tre-quattro granuli anche quattro-cinque volte al giorno in fase acuta e mantenendo due assunzione al giorno quando il dolore si riduce.

Leggi l’e-book gratuito che ho scritto per avere maggiori informazioni sul Protocollo Terapeutico prevenzione e cura delle varici e delle gambe stanche

Bene  per questo articolo è tutto

Se vuoi lasciare un commento puoi liberamente farlo scrivendo nel Form che ti appare alla fine dell’articolo, oppure scrivi a

[email protected]

[email protected]

Un cordiale saluto

Salute e Benessere con le erbe medicinali


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog