Magazine Cinema

Escher: un mago al Chiostro del Bramante (Dal 20 settembre 2014 al 22 febbraio 2015)

Creato il 19 settembre 2014 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

Escher

Escher (1898-1972). Un artista originale e di grande coerenza rappresentativa.  Appassionato di cristalli, ne studia le leggi, come anche quelle della Gestalt, la corrente estetica tedesca basata sulla psicologia e sui temi della percezione e dell’esperienza. Non smetterà mai di indagare sulla visione dell’impossibile. Interessante il suo rapporto con l’Italia. Fina da giovanissimo, con i genitori, fece viaggi in Toscana e tornò più volte nel Lazio, Campania e in Calabria. Restano i suoi quaderni di appunti e dei paesaggi maestosi di borghi arroccati. Le opere, seppur di piccole dimensioni, danno una sensazione di grandiosità. A Ravello conosce la giovane svizzera nata a Milano, Jetta Umiker, che sposò a Viareggio nel 1924.  Il maestro visse a Roma, in Via Poerio a Monteverde, dal 1923 al 1935.

Tra le opere esposte, spiccano quelle più famose come “Mano con sfera riflettente”, “Giorno e notte”, “Altro mondo II” e “Casa di scale”. La mostra, a cura di Marco Bussagli, è composta da oltre centocinquanta opere dell’incisore e grafico olandese ed è prodotta dal Chiostro del Bramante e Arthemisia Group in collaborazione con la Fondazione Escher e la Collezione Giudiceandrea.

Aprono l’esposizione i paesaggi italiani che rivelano il suo amore per la nostra terra e appaiono in parte legati al mondo decò. Nelle sezioni successive colpisce la ricerca di duplicità; il gioco a incastro di un’immagine in un’altra: cavalli e cavalieri, un’anatra che diviene pesce, un vaso che diviene volto umano. A volte convivono anche Dio e il Demonio.

Le opere, dominate dal bianco e nero, consentono più piani di lettura: dal semplice gradimento estetico ai più complessi riferimenti logici, matematici, geometrici e fisici. La mostra è completata da un ricco apparato ludico/didattico e interessanti giochi optical per tutte le età: dalle sfere riflettenti al vortice bianco e nero sul modello del film Psyco.

Le immagini più poetiche dell’artista partono però dalla natura e dalla meraviglia che essa gli suscita, come nella pozzanghera che riflette gli alberi, la cavalletta, il pesce nello stagno. Non mancano le scale infinite percorse da buffi omini, i pesci sorridenti, le illusioni ottiche condite con le più fantasiose realtà zoomorfe. Il gioco della realtà unita alla fantasia conduce a tutto ciò che è oltre, ma comunque concepibile.  Dal 20 settembre 2014 al 22 febbraio 2015.

Alessandra Cesselon

Escher: un mago al Chiostro del Bramante (Dal 20 settembre 2014 al 22 febbraio 2015)
Scritto da il set 19 2014. Registrato sotto EVENTI. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dal 15 maggio anteprima

    maggio anteprima

    Titolo: Il diario del mio matrimonioAutrice: Binnie SamPrezzo: € 9,90 Dati: 2014, 384 pagineEditore: Newton Compton (collana Anagramma)TramaKiki Carlow è confus... Leggere il seguito

    Da  Francesca Ghiribelli
    CULTURA, LIBRI
  • Dal 22 maggio

    maggio

    Titolo: Un incantevole imprevisto Autrice: Marianne KavanaghEditore: Garzanti Dati: 2014, 320 pagineTrama Tess crede nell’anima gemella. Leggere il seguito

    Da  Francesca Ghiribelli
    CULTURA, LIBRI
  • Diari dal sottosuolo

    Diari sottosuolo

    Diario di Pensieri Persi presenta Diari dal Sottosuolo Se come me amate immaginare cosa nasconda il lato oscuro della Luna, questa raccolta è la prossima fermat... Leggere il seguito

    Da  Martinaframmartino
    CULTURA, LIBRI
  • Dal Manifesto di Ventotene

    Manifesto Ventotene

    "La linea di divisione fra i partiti progressisti e partiti reazionari cade perciò ormai non lungo la linea formale della maggiore o minore democrazia, del... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Salvato dal RnR

    Salvato

    «Her life was saved by rock roll» è uno dei versi della canzone Rock’n’roll dei Velvet Underground di Lou Reed. Il testo ha una felice invenzione che da allor... Leggere il seguito

    Da  Zambo
    CULTURA, MUSICA