Magazine Sport

ESCLUSIV-AA, Calemme (AS): “Ancelotti il top per le Coppe. E io prenderei Balotelli”.

Creato il 14 agosto 2018 da Agentianonimi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La nostra intervista a Mirko Calemme

ESCLUSIV-AA, Calemme (AS): “Ancelotti il top per le Coppe. E io prenderei Balotelli”.Mirko Calemme è corrispondente italiano per il quotidiano spagnolo AS ed è una delle firme più note del sito TuttoNapoli.net (quotidiano online più seguito sul Napoli). Conosce alla perfezione il calcio partenopeo ed è sempre super preparato su ogni notizia riguardante gli azzurri. Dunque, potevamo perdere l’occasione di intervistarlo per sapere le ultime dal mondo Napoli e discutere sui temi più attuali? Decisamente no. E, difatti, ecco la nostra intervista. Iniziamo!

Che brutto inizio!

Il Napoli arriva da 2 sconfitte su 3 partite amichevoli contro avversarie, diciamo, di portata europea. Secondo lei, queste sconfitte sono indicative di un qualcosa?

Sono state tre gare diverse. Con il Liverpool non c’è stata mai partita; subito sotto per poi subire la freschezza e l’atletismo degli inglesi, vice-campioni d’Europa e sicuramente più pronti degli azzurri. Se poi a ciò aggiungi anche errori individuali e sfortuna, comprendi bene che non c’è storia. La sconfitta che mi preoccupa di più è quella contro il Wolfsburg. Era sicuramente un avversario alla portata della squadra di Ancelotti. Ma qui il Napoli si è dimostrato decisamente impreparato: brutta condizione fisica e centrocampo insufficiente. Bisogna fare filtro là in mezzo e senza Allan non è la stessa cosa. E’ imprescindibile. Ho visto bene, invece, Diawara contro il Dortmund. E’ un ragazzo molto forte e Ancelotti punterà su di lui”.

E tra gli errori che citava, ci sono sicuramente quelli di Karnezis…

Sì, il portiere greco non ha convinto. A metà settembre, comunque, dovrebbe tornare Meret. E’ lui il portiere su cui il Napoli punta. Ma è stato molto sfortunato ad infortunarsi subito. Ora vedremo anche quale sarà l’altro portiere che compreranno“.

Ochoa è favorito?

Direi di sì. Nelle ultime ore c’è stato anche l’interessamento per Tatarusanu del Nantes, ma trattativa non semplice. Tra poco, comunque, ne sapremo di più

Fino ad adesso, il reparto che ha mostrato maggiori difficoltà – anche ascoltando le parole di Ancelotti – è stata la difesa. Secondo lei è un problema di riserve non all’altezza dei titolari?

Non è facile trovare due difensori dello stesso livello di Koulibaly ed Albiol. L’anno scorso sono stati la migliore coppia difensiva del campionato. Non lo dico io, ma i numeri. Tutti in Europa lo riconoscono. Dunque, è abbastanza normale che i difensori di riserva non siano al loro livello. Ma comunque Ancelotti ha Maksimovic e Chiriches su cui punta molto“.

Sul mercato…

A centrocampo è arrivato Fabian Ruiz. Ci dice che giocatore è?

Chiariamo subito un equivoco: non è lo stesso ruolo del partente Jorginho. Fabian è una mezzala e andrà a ricoprire il ruolo che lo scorso anno fu di Hamsik. Giocherà al posto dello slovacco, che invece arretrerà a regista di centrocampo. Almeno queste sono state le indicazioni che abbiamo avuto fino ad adesso da Ancelotti. Che tipo di giocatore è Fabian? E’ davvero forte: tecnico, gran fisico e bravo nel tiro dalla lunga distanza. In Spagna dicono un gran bene su di lui: tra qualche anno varrà almeno 60 milioni…“.

A proposito di Jorginho: sabato il suo debutto in Premier, con il Chelsea, e subito in gol. Mancherà al Napoli, eh?

Un giocatore come lui mancherebbe a qualsiasi squadra. Ma andando via Sarri era un sacrificio, diciamo, sopportabile. Era il fulcro del gioco del tecnico toscano, dunque più congeniale al suo di gioco che a quello di Ancelotti. Ma è innegabile, comunque, che avrebbe fatto comodo anche quest’anno“.

Inglese è un giocatore del Parma. Il Napoli dunque vende un attaccante, senza però rimpiazzarlo (almeno per il momento). E’ un errore per lei? Chi prenderebbe al suo posto?

E’ un errore, senza dubbio. Per me Inglese è un bell’attaccante. E venderlo senza avere un sostituto è un errore che potresti pagare nel corso della stagione. Ricordi lo scorso anno? E’ vero che c’era un super Mertens in quel ruolo, ma serve un sostituto all’altezza, per giocare un’intera stagione da protagonista. Chi prenderei? Balotelli! Sarebbe perfetto. E’ ancora abbastanza giovane e ha un talento strepitoso. Inoltre, troverebbe un allenatore che saprebbe gestirlo al meglio. Ancelotti è il massimo sotto questo punto di vista“.

Con l’addio di Sarri, quest’anno non sarebbe stato meglio fare una piccola rivoluzione della rosa, magari prendendo giocatori più congeniali ad Ancelotti?

Sarebbe stato impossibile rivoluzionare la rosa, prendendo i giocatori che vuole Ancelotti. Il Napoli ha un’altra filosofia sul mercato e ha preferito mantenere la rosa dello scorso anno, cercando di rinforzarla. E secondo me ha fatto bene, perchè questo è un gruppo con dei valori importanti. Inoltre, è stato proprio Ancelotti a chiedere di non vendere i big“.

E sulla stagione…

Che stagione potrà fare il Napoli?

Confido in Ancelotti e credo che il Napoli l’anno prossimo punterà molto sulle Coppe. De Laurentiis vuole soprattutto il miglioramento in Europa, cercando di emulare quanto fatto dalla Roma lo scorso anno. Sarà questo l’obiettivo. E credo che il tecnico ex Real sia perfetto per ciò“.

Cosa dicono in Spagna del nostro campionato?

Dopo l’arrivo di CR7 c’è un’attenzione mediatica pazzesca. AS ha anche dedicato una prima pagina ai grandi movimenti di mercato del nostro campionato. Sarà il la Serie A più seguita degli ultimi 20 anni“.

Ringraziamo per la disponibilità Mirko Calemme.

A cura di Filippo Angelo Porta (@FilippoPorta)

PER TUTTE LE NEWS E AGGIORNAMENTI SEGUICI SU AGENTI ANONIMI

Facebook
twitter
google_plus
linkedin
mail

L'articolo ESCLUSIV-AA, Calemme (AS): “Ancelotti il top per le Coppe. E io prenderei Balotelli”. proviene da Agenti Anonimi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog